Sardegna, naufragio per maltempo/ Morto turista francese verso Porto Corallo

- Niccolò Magnani

Maltempo in Sardegna, morto un turista francese in barca a vela dopo naufragio a Porto Corallo: salvata la compagna col cane

Naufragio e Guardia Costiera
Guardia Costiera (LaPresse, 2019)

Il maltempo imperversa al centro sud e dopo il terrore occorso nella notte in Sicilia, è la Sardegna a piangere un conto molto salato per la violenza delle mareggiate e del vento su tutta la costa meridionale dell’Isola: nel mare davanti al piccolo Porto Corallo, a Villaputzu, è morto un turista francese dopo una grave naufragio avvenuto per via delle condizioni proibitive del meteo. L’uomo è sparito tra le onde, mentre una donna e il suo cane sono stati tratti in salvo: il cadavere è stato poi trovato dopo le ricerche dei subacquei durate qualche ora oggi pomeriggio. La barca – secondo quanto riporta La Nuova Sardegna – proveniva da Santa Maria Navarrese e stava tentando con diverse difficoltà a ritornare in porto con il mare molto mosso che impediva ogni tipo di controllo.

MALTEMPO E NAUFRAGIO IN SARDEGNA

Il naufragio ancora non è chiaro se sia avvenuto per una improvvisa “onda anomala” della mareggiata o se siano intercorsi errori alla guida: le indagini dovranno stabilirlo ma nel frattempo la tragedia è servita e fa contare la prima vittima per il maltempo in questo sfortunato weekend di Pasqua-Pasquetta per il centro sud Italia. Sempre secondo i colleghi de La Nuova Sardegna l’uomo e la donna si stavano avvicinando a Porto Corallo con l’imbarcazione a vela di 15 metri, Ocean 393 clipper: volevano trovare riparo prima di riprendere la traversata, quando però la barca si è inclinata eccessivamente su un fianco e imbarcando acqua ha fatto sbalzare in mare la povera vittima mentre la sua compagna è rimasta miracolosamente a bordo. La Marina di Villaputzu l’ha poi tratta in salvo portandola nel vicino ospedale di Brutzu: per il suo compagno-turista francese, purtroppo, nulla è stato possibile dopo il ritrovamento sul fondale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA