TERREMOTO BIRMANIA/ Scossa di magnitudo 6.8, almeno tredici morti e molti dispersi, oggi 11 novembre 2012

Un sisma di magnitudo 6.8 gradi della scala Richter ha colpito oggi la zona settentrionale della Birmania. Le vittime accertate al momento sarebbero tredici ma si teme possano essere molte d

11.11.2012 - La Redazione
sismografo_nuovo_R439
I terremoti di oggi (Infophoto)

Scossa di terremoto in Birmania – Un sisma di magnitudo 6.8 gradi della scala Richter ha colpito oggi la zona settentrionale della Birmania. Secondo le prime informazioni che arrivano dalla regione ci sarebbero diversi morti e molti dispersi. La città più popolosa nella regione, Mandalay, è stata particolarmente colpita: scene di panico durante la forte scossa e gente che fuggiva per le strade. E’ crollato un ponte, una miniera è rimasta colpita da crolli e sarebbero state danneggiate le diverse e caratteristiche pagode buddiste della regione. Un primo bilancio provvisorio parla di tredici morti ma si ritiene che il bilancio possa salire: infatti molti sono quelli che risultano tutt’ora dispersi. L’epicentro del sisma è stato localizzato nei pressi della città di Shwebo che si trova a 117 chilometri a nord di Mandalay: questa è la seconda città per abitanti della Birmania. La scossa è stata registrata alle ore 7 e 42 della mattina, ora locale. Si contano sei morti nelle zone più prossime all’epicentro, quella del distretto di Sinktu vicino al fiume Irrawaddy dove si è registrato il crollo di un ponte in costruzione. Nella stessa zona è situata una miniera d’oro: i sei morti sembra che siano minatori e cercatori d’oro della zona. A Shwebo ci sarebbero stati molti edifici danneggiati dal sisma. Sono molti i templi buddisti danneggiati dal terremoto, ad esempio nella zona di Mogok. Secondo la tradizione locale, il crollo e il danneggiamento di templi buddisti sono un cattivo auspicio per tutti gli abitanti. L’epicentro del sisma è stato localizzato alle coordinate 23.029°N, 95.927°E e a una profondità di dieci chilometri. La Birmania e in genere tutta la zona asiatica è un territorio a grande attività sismica. Oltre alla terra, scosse violente di terremoto si registrano anche nel vicino oceano indiano, come quella del 2004 che provocò il peggior disastro naturale del secolo in conseguenza dell’indata di tsunami provocata proprio dal terremoto che si ababttè sulle coste di India, Thailandia e Indonesia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori