TERREMOTO/ Oggi in Italia le scosse, la magnitudo e i comuni coinvolti. Martedì 20 novembre 2012

Già dalle prime ore di oggi il territorio italiano è teatro di diverse scosse di terremoto. Come spesso sta accadendo in questi mesi, però, la zona più colpita è quella del Pollino

20.11.2012 - La Redazione
terremoto_r439
I terremoti di oggi (Infophoto)

Una giornata particolare quella di oggi, caratterizzata da terremoti spesso anche più intensi del solito che hanno coinvolto numerose regioni italiane, da Nord a Sud. Alle ore 16.21 un nuovo evento sismico è stato registrato dall’Ingv in provincia di Foggia, In Puglia, più precisamente nel distretto sismico del Promontorio del Gargano. L’epicentro del terremoto, verificatosi con una magnitudo pari a 2.9 gradi sulla scala Richter, è stato localizzato esattamente alle coordinate 41.801°N, 15.93°E e a una profondità di 28.3 chilometri. I comuni più vicini all’epicentro, a una distanza massima di dieci chilometri, sono quelli di Carpino (Fg), Monte Sant’angelo (Fg) e Vico Del Gargano (Fg), mentre quelli distanti tra i 10 e i 20 chilometri sono i comuni di Cagnano Varano (Fg), Ischitella (Fg), Manfredonia (Fg), Mattinata (Fg), Peschici (Fg) e Rodi Garganico (Fg). Pochi minuti dopo, alle ore 16.31, una nuova scossa ha interessato la stessa identica zona, ancora una volta dunque il promontorio del Gargano: questo nuovo evento si è verificato con una magnitudo pari a 2.6 gradi, più precisamente alle coordinate 41.774°N, 15.869°E e a una profondità di 23.3 chilometri. In questo caso l’unico comune che si trova a un massimo di 10 km è quello di Carpino (Fg), mentre tra i 10 e i 20 km dall’epicentro ci sono i comuni di Cagnano Varano (Fg), Ischitella (Fg), Manfredonia (Fg), Mattinata (Fg), Monte Sant’angelo (Fg), Rodi Garganico (Fg), San Giovanni Rotondo (Fg) e Vico Del Gargano (Fg). Dopo la violenta scossa di magnitudo 3.3 avvenuta questa mattina, un nuovo terremoto ha coinvolto la provincia di Asti, in Piemonte: la recente scossa, stavolta di magnitudo 2.5, si è verificata ancora una volta nel distretto sismico del Monferrato alle coordinate 44.977°N, 8.218°E e a una profondità di 27.4 chilometri, coinvolgendo in particolare i comuni di Asti (At), Calliano (At), Castagnole Monferrato (At), Castell’alfero (At), Corsione (At), Cossombrato (At), Frinco (At), Grana (At), Moncalvo (At), Penango (At), Portacomaro (At), Scurzolengo (At), Tonco (At), Villa San Secondo (At), Alfiano Natta (Al) e Odalengo Piccolo (Al). Infine un’ultima scossa è stata rilevata dall’Ingv in Umbria, più precisamente in provincia di Perugia. L’evento sismico, di magnitudo 2.5, è stato localizzato alle coordinate 42.897°N, 12.883°E e a una profondità di oltre 51 chilometri, coinvolgendo in particolare i comuni di Cerreto Di Spoleto (Pg) e Sellano (Pg), ma anche quelli di Monte Cavallo (Mc), Serravalle Di Chienti (Mc), Campello Sul Clitunno (Pg), Foligno (Pg), Poggiodomo (Pg), Preci (Pg), Sant’anatolia Di Narco (Pg), Scheggino (Pg), Trevi (Pg) e Vallo Di Nera (Pg).   

– Una nuova scossa di terremoto, particolarmente forte, di magnitudo 3.3, si è verificata poco fa in provincia di Asti, in Piemonte. L’evento sismico è stato localizzato dall’Ingv alle ore 11.32 di oggi alle coordinate 44.974°N, 8.23°E e a una profondità di 29.7 chilometri. I comuni che si trovano in un raggio di dieci chilometri dall’epicentro sono quelli di Asti (At), Calliano (At), Castagnole Monferrato (At), Castell’alfero (At), Corsione (At), Cossombrato (At), Frinco (At), Grana (At), Moncalvo (At), Montemagno (At), Penango (At), Portacomaro (At), Scurzolengo (At), Tonco (At), Villa San Secondo (At) e Alfiano Natta (Al), mentre quelli distanti tra i dieci e i venti chilometri sono quelli di Agliano Terme (At), Antignano (At),Azzano D’asti (At), Baldichieri D’asti (At), Belveglio (At), Camerano Casasco (At), Casorzo (At), Castellero (At), Castello Di Annone (At), Castelnuovo Calcea (At), Celle Enomondo (At), Cerro Tanaro (At), Chiusano D’asti (At), Cinaglio (At), Cortandone (At), Cortanze (At), Cortazzone (At), Cortiglione (At), Costigliole D’asti (At), Cunico (At), Grazzano Badoglio (At), Isola D’asti (At), Maretto (At), Mombercelli (At), Monale (At), Mongardino (At), Montaldo Scarampi (At), Montechiaro D’asti (At), Montegrosso D’asti (At), Piea (At), Piova’ Massaia (At), Refrancore (At), Revigliasco D’asti (At), Robella (At), Rocca D’arazzo (At), Rocchetta Tanaro (At), San Martino Alfieri (At), Settime (At), Soglio (At), Tigliole (At), Viale (At), Viarigi (At), Vigliano D’asti (At), Vinchio (At), Montiglio Monferrato (At), Altavilla Monferrato (Al), Camino (Al), Castelletto Merli (Al), Cella Monte (Al), Cereseto (Al), Cerrina Monferrato (Al), Frassinello Monferrato (Al), Fubine (Al), Gabiano (Al), Mombello Monferrato (Al), Moncestino (Al), Murisengo (Al), Odalengo Grande (Al), Odalengo Piccolo (Al), Olivola (Al), Ottiglio (Al), Ozzano Monferrato (Al), Pontestura (Al), Ponzano Monferrato (Al),Quattordio (Al), Sala Monferrato (Al), Serralunga Di Crea (Al), Solonghello (Al), Treville (Al), Vignale Monferrato (Al), Villadeati (Al) e Villamiroglio (Al).

– Già dalle prime ore di oggi, martedì 20 novembre 2012, il territorio italiano è teatro di diverse scosse di terremoto. Come spesso sta accadendo in questi mesi, però, la zona più colpita continua ad essere quella al confine tra laCalabria e la Basilicata, vale a dire quella del Pollino, già gravemente colpita verso la fine del mese scorso da un terremoto di magnitudo 5. La prima scossa di oggi è stata infatti registrata dall’Ingv, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, proprio in provincia di Cosenza alle ore 00.17: l’epicentro del sisma, di magnitudo 2.4, è stato localizzato esattamente alle coordinate 39.875°N, 16.021°E e a una profondità di 6.4 chilometri. I comuni più vicini al punto in cui il sisma è stato individuato sono Rotonda (Pz), Laino Borgo (Cs), Laino Castello (Cs) e Mormanno (Cs), mentre quelli distanti tra i dieci e i venti chilometri sono quelli di Castelluccio Inferiore (Pz),Castelluccio Superiore (Pz), San Severino Lucano (Pz), Viggianello (Pz), Acquaformosa (Cs), Castrovillari (Cs), Lungro (Cs), Morano Calabro (Cs), Orsomarso (Cs), Papasidero (Cs), San Basile (Cs), San Donato Di Ninea (Cs), Santa Domenica Talao (Cs), Saracena (Cs) e Verbicaro (Cs). 

Alle ore 2.55 un nuovo terremoto, sempre nella stessa zona: l’epicentro dell’evento, di magnitudo 2.1 sulla scala Richter, è stato localizzato alle coordinate 39.876°N, 16.011°E e a una profondità di 7.4 chilometri. I comuni che si trovano in un raggio di dieci chilometri dall’epicentro sono quelli di Rotonda (Pz), Laino Borgo (Cs), Laino Castello (Cs) e Mormanno (Cs), mentre quelli distanti tra i dieci e i venti chilometri sono quelli di Castelluccio Inferiore (Pz), Castelluccio Superiore (Pz), San Severino Lucano (Pz), Viggianello (Pz), Acquaformosa (Cs), Aieta (Cs), Lungro (Cs), Morano Calabro (Cs), Orsomarso (Cs), Papasidero (Cs), San Basile (Cs), San Donato Di Ninea (Cs), Santa Domenica Talao (Cs), Saracena (Cs) e Verbicaro (Cs). Pochi minuti dopo, alle ore 3.29 del mattino, un nuovo terremoto ha interessato la stessa zona, verificandosi ancora una volta in provincia di Cosenza (Calabria) e ancora nel distretto sismico del Pollino. Questo evento si è però sviluppato con una intensità pari a 2.3 gradi di magnitudo esattamente alle coordinate 39.885°N, 16.047°E e a una profondità di 8.2 chilometri. In questo caso i comuni più vicini all’epicentro, a un massimo di dieci chilometri di distanza, sono quelli di Rotonda (Pz), Viggianello (Pz), Laino Castello (Cs), Morano Calabro (Cs) e Mormanno (Cs), mentre quelli distanti in un raggio tra i dieci e i venti chilometri sono Castelluccio Inferiore (Pz), Castelluccio Superiore (Pz), Episcopia (Pz), San Severino Lucano (Pz), Acquaformosa (Cs), Castrovillari (Cs), Laino Borgo (Cs), Lungro (Cs), Orsomarso (Cs), Papasidero (Cs), San Basile (Cs), San Donato Di Ninea (Cs), Saracena (Cs) e Verbicaro (Cs). Un quarto evento sismico è stato rilevato poco dopo, alle ore 4.41 di oggi, sempre nella stessa zona del Pollino: l’epicentro di quest’ultimo terremoto, di magnitudo 2.2, è stato localizzato ancora una volta nella provincia di Cosenza esattamente alle coordinate 39.858°N, 15.999°E e a una profondità di 6.9 chilometri. I comuni più vicini al punto di localizzazione sono Laino Castello (Cs), Mormanno (Cs) e Papasidero (Cs), mentre quelli distanti al massimo venti chilometri sono Castelluccio Inferiore (Pz), Castelluccio Superiore (Pz), Rotonda (Pz), Viggianello (Pz), Acquaformosa (Cs), Aieta (Cs), Grisolia (Cs), Laino Borgo (Cs), Lungro (Cs), Morano Calabro (Cs), Orsomarso (Cs), San Basile (Cs), San Donato Di Ninea (Cs), San Sosti (Cs), Santa Domenica Talao (Cs), Santa Maria Del Cedro (Cs), Saracena (Cs) e Verbicaro (Cs).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori