TERREMOTO/ Oggi in Italia le scosse, la magnitudo e i comuni coinvolti. Giovedì 13 dicembre 2012

Diversi terremoti hanno interessato il territorio italiano anche nella giornata di oggi, giovedì 13 dicembre 2012. Il primo comune ad essere colpito è ancora una volta quello de L’Aquila

13.12.2012 - La Redazione
terremoto_r439
I terremoti di oggi (Infophoto)

Diversi terremoti hanno interessato il territorio italiano anche nella giornata di oggi, giovedì 13 dicembre 2012. Il primo distretto simico ad essere colpito è ancora una volta quello dei Monti della Laga, in Abruzzo, più precisamente in provincia de L’Aquila alle ore 2.56: il terremoto, di magnitudo 2.3 sulla scala Richter, è stato localizzato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle coordinate 42.554°N, 13.297°E a una profondità di 8.2 chilometri. I comuni che si trovano in un raggio di dieci chilometri all’epicentro sono quelli di Amatrice (Ri), Campotosto (Aq), Capitignano (Aq) e Montereale (Aq), mentre quelli distanti tra i dieci e i venti chilometri sono Accumoli (Ri), Borbona (Ri), Cittareale (Ri), Barete (Aq), Cagnano Amiterno (Aq), Pizzoli (Aq), Scoppito (Aq) e Crognaleto (Te). Le altre due scoose avvenute oggi, invece, si sono verificate nel distretto sismico del Pollino, al confine tra Calabria e Basilicata, già gravemente colpito dal sisma di magnitudo 5 di fine ottobre: il primo dei due eventi odierni è avvenuto alle ore 5.44 con una magnitudo pari a 3 gradi sulla scala Richter, esattamente alle coordinate 39.906°N, 16.036°E e a una profondità di 7.7 chilometri. In questo caso i comuni più vicini all’epicentro sono quelli di Rotonda (Pz), Viggianello (Pz), Laino Borgo (Cs), Laino Castello (Cs) e Mormanno (Cs), mentre quelli distanti tra i dieci e i venti chilometri sono Castelluccio Inferiore (Pz), Castelluccio Superiore (Pz), Episcopia (Pz), Latronico (Pz), San Severino Lucano (Pz), Acquaformosa (Cs), Castrovillari (Cs), Lungro (Cs), Morano Calabro (Cs), Orsomarso (Cs), Papasidero (Cs), San Basile (Cs), San Donato Di Ninea (Cs), Santa Domenica Talao (Cs), Saracena (Cs) e Verbicaro (Cs). Il terremoto successivo si è verificato poco fa, alle 12.35, sempre nel Pollino e ancora una volta in provincia di Cosenza, ma in questa occasione con una magnitudo di 2.4 gradi sulla scala Richter. L’epicentro di questo secondo sisma è stato localizzato alle coordinate 39.888°N, 16.127°E e a una profondità di 7.9 chilometri, andando a coinvolgere in particolare i comuni di Viggianello (Pz), Morano Calabro (Cs) e San Basile (Cs).

I comuni invece più distanti, tra i dieci e i venti chilometri, sono quelli di Castelluccio Inferiore (Pz), Castelluccio Superiore (Pz), Episcopia (Pz), Rotonda (Pz), San Severino Lucano (Pz), Terranova Di Pollino (Pz), Acquaformosa (Cs), Altomonte (Cs), Castrovillari (Cs), Civita (Cs), Firmo (Cs), Frascineto (Cs),Laino Borgo (Cs), Laino Castello (Cs), Lungro (Cs), Mormanno (Cs), San Donato Di Ninea (Cs) e Saracena (Cs). 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori