TERREMOTO SICILIA/ Scossa di magnitudo 2.8 gradi in provincia di Palermo, oggi 21 settembre

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.8 gradi della scala Richter è stata avvertita oggi pomeriggio in provincia di Palermo nel distretto sismico delle Madonie. Non ci sono stati crolli

21.09.2012 - La Redazione
sismografo_r439
Sismografo (Foto:Infophoto2)

Scossa di terremoto di 2.8 gradi in provincia di Palermo, oggi 21 settembre – Evento sismico che ha sprigionato una scossa di magnitudo pari a 2.8 gradi della scala Richter. L’evento è stato registrato oggi pomeriggio alle ore 17 e 14 in provincia di Palermoo in Sicilia, nel distretto sismico delle Madonie. I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione individuati dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo Non si sono registrati secondo le prime notizie che arrivano dalla Sicilia, danni a edifici o persone. L’epicentro del terremoto è stato registrato alle coordinate 37.919°N, 13.855°E e a una profondità di 5,1 chilometri. I comuni in un arco di circa dieci chilometri dall’epicentro sono quelli di ALIMINUSA (PA), CAMPOFELICE DI ROCCELLA (PA), CERDA (PA), COLLESANO (PA), SCIARA (PA), SCLAFANI BAGNI (PA), SCILLATO (PA). I comuni compresi invece tra i dieci e i venti chilometri dall’epicentro sono ALIA (PA), CACCAMO (PA), CALTAVUTURO (PA), GRATTERI (PA), ISNELLO (PA), LASCARI (PA), MONTEMAGGIORE BELSITO (PA), POLIZZI GENEROSA (PA), TERMINI IMERESE (PA), VALLEDOLMO (PA). Il distretto smisico delle Madonie dove si è registrata la scossa di oggi non era particolarmente attivo da diverso tempo, tenendo conto che tutta la Sicilia è territorio sismico. La scossa al momento non ha fatto scattare altri eventi sismici del tipo sciame sismico e sembra essere stato un movimento tellurico isolato. Gli studiosi dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ovviamente sono stati allertati e stanno monitorando la zona. La parte a maggiore attività sismica dell’isola è naturalmente quella che ha il vulcano Etna come centro di questa attività, con scosse di terremoto avvertite anche in provincia di Messina. Non solo l’isola è ad alta densità sismica ma anche le isole che la circondano sono tutte a densità sismica e ospitano anche vulcani attivi o anche sommersi.

I dati relativi a ogni terremoto rilevato dalla rete INGV vengono rivisti successivamente da personale specializzato prima di essere inseriti nel Bollettino della sismicità italiana.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori