TERREMOTO/ Oggi in Italia le scosse, la magnitudo e i comuni coinvolti. Lunedì 1 aprile 2013

- La Redazione

Diverse scosse registrate oggi nel mare poco distante dalla costa calabra e da quella della Romagna. In tutti i casi non si è registrato alcun danno a edifici o persone

sismografo_r439
Sismografo (Foto:Infophoto2)

Due scosse a poco distanza l’una dall’altra registrate oggi in Calabria nel distretto Piana di Sibari, il primo eie quali in mare ma vicino alla costa calabra. Una scossa di 2.3 gradi della scala Richter è stata registrata verso le ore 3 e 24 alle coordinate 39.699°N, 16.705°E e  a una rotondità di 32,5 chilometri. I comuni nell’arco di una ventina di chilometri dall’epicentro sono quelli di , ROSSANO (CS). Un paio d’ore dopo un evento sismico ben maggiore, 3,2 gradi della scala Richter è stato rilevato nella stessa zona ancora in mare ma a a poca distanza dalla costa alle ore 5 e 07. L’evento è stato registrato alle coordinate 39.697°N, 16.698°E e a una profondità di 32,3 chilometri. I comuni nell’arco di una ventina di chilometri dall’epicentro sono anche questa volta quelli di Alle ore 6 e 12invece una scossa di magnitudo 2.1 gradi è stata registrata al largo della costa calabra occidentale alle coordinate 38.884°N, 15.552°E e a una profondità di 78,4 chilometri. Quindi alle ore 6 e 54 una scossa è stata registrata nel distretto sismico delle prelati venete di magnitudo 2 gradi in provincia di Vicenza. La scossa è stata rilevata alle coordinate 5.892°N, 11.754°E e a una profondità di 10 chilometri. I comuni nell’arco di dieci chilometri sono stati quelli di CInfine alle ore 7 e 54 una scossa di magnitudo 2.1 gradi è stata registrata nel mare poco lontano da Rimini alle coordinate 44.084°N, 12.68°E e a una profondità di 15,1 chilometri. Il comune più vicino all’epicentro è stato quello di Riccione. In tutti i terremoti di oggi non è stato registrato alcun danno a edifici o persone; i dati sono stati forniti dall’Ingv, istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori