TERREMOTO/ Oggi in Italia le scosse, la magnitudo e i comuni coinvolti. Venerdì 10 maggio 2013

- La Redazione

Anche nella giornata di oggi, venerdì 10 maggio, alcuni terremoti hanno già interessato il territorio italiano, registrati come sempre dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

terremoto_r439
I terremoti di oggi (Infophoto)

Anche nella giornata di oggi, venerdì 10 maggio 2013, alcuni terremoti hanno già interessato il territorio italiano. Il primo sisma, registrato come sempre dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, è avvenuto alle ore 2.42 in mare, al largo della costa calabra occidentale, con una magnitudo pari a 2.3 gradi di intensità sulla scala Richter. Il terremoto si è generato alle coordinate 38.906°N, 15.608°E, a una profondità di 170.4 chilometri, ma nessun comune (visto l’epicentro localizzato in mare) ne ha avvertito gli effetti. La scossa successiva è avvenuta invece alle ore 6.15 nella stessa area, ancora una volta in mare ma molto più vicino alla costa calabrese: la magnitudo è stata fissata a 2 gradi sulla Scala Richter, mentre l’epicentro è stato localizzato alle coordinate 39.178°N, 16.046°E e a una profondità di 24.7 chilometri. Numerosi i comuni che, in questo caso, si trovano non lontani dal punto in cui il sisma si è generato: quelli distanti al massimo 10 chilometri sono Amantea (Cs), Belmonte Calabro (Cs), Fiumefreddo Bruzio (Cs), Longobardi (Cs) e San Pietro In Amantea (Cs), mentre quelli distanti tra i dieci e i venti chilometri sono Aiello Calabro (Cs), Carolei (Cs), Castrolibero (Cs), Cerisano (Cs), Cleto (Cs), Domanico (Cs), Falconara Albanese (Cs), Grimaldi (Cs), Lago (Cs), Marano Marchesato (Cs), Marano Principato (Cs), Mendicino (Cs), Paola (Cs), San Fili (Cs), San Lucido (Cs), Serra D’aiello (Cs), Nocera Terinese (Cz) e San Mango D’Aquino (Cz). L’ultima scossa registrata fino a questo momento dall’Ingv si è verificata in Emilia Romagna, nella provincia di Forlì-Cesena, con una magnitudo pari a 2.2 gradi. Il sisma è avvenuto alle ore 8.35 di oggi, con epicentro localizzato nel distretto sismico dell’Appennino forlivese, alle coordinate 44.028°N, 11.887°E e a una profondità di 3.3 chilometri. I comuni italiani più vicini al punto in cui il sisma si è generato (massimo 10 chilometri) sono Civitella di Romagna (Fc), Dovadola (Fc), Galeata (Fc), Rocca San Casciano (Fc) e Santa Sofia (Fc), mentre quelli leggermente più distanti (tra i 10 e i 20 chilometri) sono Bagno Di Romagna (Fc), Castrocaro Terme e Terra Del Sole (Fc), Modigliana (Fc), Portico e San Benedetto (Fc), Predappio (Fc), Premilcuore (Fc) e Tredozio (Fc).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori