TERREMOTO/ Oggi in Italia le scosse, la magnitudo e i comuni coinvolti. Giovedì 30 maggio 2013

- La Redazione

Nella giornata di oggi, giovedì 30 maggio 2013, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato diversi terremoti con una magnitudo superiore a 2. Vediamo tutti i dettagli.

terremoto_r439
I terremoti di oggi (Infophoto)

Un nuovo evento sismico si è verificato poco fa in provincia di Messina, in Sicilia. Come riporta l’Ingv, il terremoto è avvenuto alle ore 18.57 con una intensità pari a 2.8 gradi sulla scala Richter, mentre l’epicentro è stato localizzato nel distretto sismico dei Monti Nebrodi, alle coordinate 38.029°N, 15.083°E e a una profondità di 9.1 chilometri. I comuni che ne hanno avvertito gli effetti, presenti in un raggio massimo di 10 chilometri dall’epicentro, sono quelli di Basicò (Me), Falcone (Me), Furnari (Me), Mazzarrà Sant’Andrea (Me), Montalbano Elicona (Me), Novara Di Sicilia (Me), Oliveri (Me) e Tripi (Me), mentre tra i 10 e i 20 chilometri ci sono Antillo (Me), Barcellona Pozzo Di Gotto (Me), Castroreale (Me), Floresta (Me), Fondachelli-Fantina (Me), Francavilla Di Sicilia (Me), Graniti (Me), Librizzi (Me), Malvagna (Me), Moio Alcantara (Me), Montagnareale (Me), Motta Camastra (Me), Patti (Me), Raccuja (Me), Roccella Valdemone (Me), Rodi’ Milici (Me), San Piero Patti (Me), Santa Domenica Vittoria (Me), Terme Vigliatore (Me), Castiglione Di Sicilia (Ct) e Linguaglossa (Ct).

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato poco fa un nuovo sisma, avvenuto alle ore 12.51 in provincia di Perugia (Umbria) con una magnitudo pari a 2.4 gradi di intensità sulla scala Richter. L’evento si è generato nel distretto sismico del Metauro alle coordinate 43.477°N, 12.515°E e a una profondità di 8.8 chilometri, coinvolgendo in particolare il comune (distante al massimo 10 km dall’epicentro) di Pietralunga (Pg), ma anche quelli (distanti tra i 10 e i 20 km) di Apecchio (Pu), Cagli (Pu), Cantiano (Pu), Piobbico (Pu), Urbania (Pu), Gubbio (Pg) e Scheggia e Pascelupo (Pg).

Un nuovo terremoto, di magnitudo 2.1, è stato recentemente registrato dall’Ingv in provincia di Viterbo, nel Lazio, precisamente alle ore 12.02. L’epicentro è stato localizzato nel distretto sismico dei Monti Sabatini, alle coordinate 42.204°N, 12.26°E e a una profondità di 7.4 chilometri. Diversi i comuni che ne hanno avvertito gli effetti: in un raggio massimo di 10 chilometri dall’epicentro ci sono quelli di Bassano Romano (Vt), Capranica (Vt), Monterosi (Vt), Nepi (Vt), Ronciglione (Vt), Sutri (Vt) e Trevignano Romano (Rm), mentre tra i 10 e i 20 chilometri ci sono Barbarano Romano (Vt), Calcata (Vt), Canepina (Vt), Caprarola (Vt), Carbognano (Vt), Castel Sant’elia (Vt), Civita Castellana (Vt), Corchiano (Vt), Fabrica Di Roma (Vt), Faleria (Vt), Oriolo Romano (Vt), Vallerano (Vt), Vejano (Vt), Vignanello (Vt), Anguillara Sabazia (Rm), Bracciano (Rm), Campagnano Di Roma (Rm), Canale Monterano (Rm), Formello (Rm), Magliano Romano (Rm), Manziana (Rm) e Mazzano Romano (Rm).

Nella giornata di oggi, giovedì 30 maggio 2013, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato diversi terremoti con una magnitudo superiore a 2. Il primo sisma si è verificato alle ore 2.30 in provincia di Cosenza (Calabria) con una magnitudo pari a 3 gradi di intensità sulla scala Richter. L’evento si è generato nel distretto sismico de La Sila alle coordinate 39.563°N, 16.459°E e a una profondità di 25.5 chilometri, coinvolgendo in particolare i comuni (distanti al massimo 10 km dall’epicentro) di Corigliano Calabro (Cs), San Cosmo Albanese (Cs), San Demetrio Corone (Cs), San Giorgio Albanese (Cs) e Vaccarizzo Albanese (Cs), ma anche quelli (distanti tra i 10 e i 20 km) di Acri (Cs), Bisignano (Cs), Longobucco (Cs), Rossano (Cs), San Lorenzo Del Vallo (Cs), Santa Sofia D’epiro (Cs), Spezzano Albanese (Cs), Tarsia (Cs) e Terranova Da Sibari (Cs). Il terremoto successivo, di magnitudo 2.9 sulla scala Richter, è stato avvertito invece in provincia di Reggio Emilia alle 3.49. L’epicentro è stato localizzato nel distretto sismico della Pianura padana emiliana, alle coordinate 44.89°N, 10.848°E e a una profondità di 5 chilometri. Diversi i comuni che ne hanno avvertito gli effetti: in un raggio massimo di 10 chilometri dall’epicentro ci sono quelli di Gonzaga (Mn), Moglia (Mn), Fabbrico (Re), Reggiolo (Re), Rio Saliceto (Re), Rolo (Re) e Novi Di Modena (Mo), mentre tra i 10 e i 20 chilometri ci sono Borgoforte (Mn), Motteggiana (Mn), Pegognaga (Mn), Quistello (Mn), San Benedetto Po (Mn), Suzzara (Mn), Campagnola Emilia (Re), Correggio (Re), Guastalla (Re), Luzzara (Re), Novellara (Re), San Martino In Rio (Re), Campogalliano (Mo), Carpi (Mo), Cavezzo (Mo), Concordia Sulla Secchia (Mo), San Possidonio (Mo) e Soliera (Mo).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori