TERREMOTO/ Oggi in Italia le scosse, la magnitudo e i comuni coinvolti. Giovedì 6 giugno 2013

- La Redazione

Pochi e di live intensità i terremoti registrati fino a questo momento dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) sul territorio italiano. Vediamone tutti i dettagli.

terremoto_r439
I terremoti di oggi (Infophoto)

Dopo le diverse scosse registrate oggi dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, si è verificato di recente un solo rilevante terremoto, di magnitudo 2.7. L’evento sismico si è generato però in mare, al largo della costa calabrese, alle ore 16.47. L’epicentro è stato localizzato nel distretto sismico della Costa calabra occidentale alle coordinate 39.464°N, 15.468°E e a una profondità di 286.9 chilometri. Nessun comune italiano, distante in un raggio di 20 chilometri dall’epicentro, ne ha avvertito gli effetti.

Pochi e di lieve intensità i terremoti registrati fino a questo momento dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) sul territorio italiano: il primo si è verificato alle ore 7.37 nel Lazio, in provincia di Frosinone, con una magnitudo pari a 1 grado sulla Scala Richter. L’epicentro è stato localizzato nel distretto sismico della Valle Latina, alle coordinate 41.763°N, 13.244°E e a una profondità di 3 chilometri. Diversi i comuni che ne hanno avvertito gli effetti, tra cui quelli (distanti al massimo 10 chilometri dal punto di localizzazione) di Acuto (Fr), Anagni (Fr), Ferentino (Fr), Fiuggi (Fr), Fumone (Fr), Guarcino (Fr), Torre Cajetani (Fr) e Trivigliano (Fr), ma anche quelli (distanti tra i 10 e i 20 chilometri) di Affile (Rm), Arcinazzo Romano (Rm), Gorga (Rm), Jenne (Rm), Vallepietra (Rm), Alatri (Fr), Collepardo (Fr), Filettino (Fr), Frosinone (Fr), Morolo (Fr), Paliano (Fr), Patrica (Fr), Piglio (Fr), Serrone (Fr), Sgurgola (Fr), Supino (Fr), Trevi Nel Lazio (Fr), Veroli (Fr) e Vico Nel Lazio (Fr). Altri lievi terremoti sono stati registrati attraverso il servizio Iside (Italian Seismic Instrumental and parametric Data-base) dell’Ingv che pubblica il bollettino sismico italiano integrato con informazioni prodotte dal servizio di sorveglianza sismica nazionale. Vediamo allora che gli eventi sismici più rilevanti, ma di magnitudo comunque decisamente bassa, si sono verificati in molte aree d’Italia, a cominciare dalla provincia di Perugia, interessata da diverse scosse di magnitudo oscillante tra 0.3 e 1.2 gradi sulla scala Richter: i comuni più vicini all’epicentro sono quelli di Gubbio (Pg), Scheggia (Pg) e Costacciaro (Pg), ma anche Cantiano e Pietralunga. La scossa più recente, delle ore 13.45, è avvenuta proprio in provincia di Perugia con una magnitudo di 0.9 gradi: i comuni più vicini all’epicentro sono però quelli di Preci (Pg), Sellano (Pg) e Visso (Mc).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori