TERREMOTO/ Oggi in Italia scosse, magnitudo e comuni coinvolti. Venerdì 27 settembre 2013 (alle ore 11.00)

- La Redazione

Oggi si è prodotto un terremoto di magnitudo 2.4 alle ore 02:36. E’ stato Localizzato dai macchinari della Rete Sismica Nazionale dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia

sismografo_r439
Sismografo (Foto:Infophoto2)

Oggi si è prodotto un terremoto di magnitudo 2.4 alle ore 02:36. Localizzato dai macchinari della Rete Sismica Nazionale dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è stato individuato nel distretto sismico dell’Adriatico entro-settentrionale. Essendosi verificato in mare, al largo delle coste della provincia di Ancona, pochi comuni lo hanno avvertito. Nessuno entro un raggio di dieci chilometri dall’ipocentro; entro una distanza compresa tra i10 e i 20 chilometri, invece, è stato sentito da LORETO (AN), NUMANA (AN), SIROLO (AN), PORTO RECANATI (MC). Il suo ipocentro è stata fissata alle coordinate 43.548°N, 13.772°E, ad una profondità di 7 chilometri. Pochi minuti dopo si è scatenato un secondo sisma, sempre nella medesima zona. Questa volta è stato di intensità 2.1 gradi di magnitudo. Si è prodotto alle 02.50 nel distretto sismico dell’Adriatico Centro settentrionale, alle coordinate 4 3.588°N, 13.787°E, e ad una profondità di 7.5 chilometri. Il sisma è stato avvertito da alcuni comuni situati a una distanza compresa tra i 10 e i 20 chilometri dall’ipocentro: NUMANA (AN), SIROLO (AN), PORTO RECANATI (MC).Contestualmente, si sono verificati alcuni terremoti minotri- Alle 00:23 c’è stata una scossa alla coordinate 42.2 gradi di latitudine e 13.3 di longitudine, ad una profondità di 11.1 chilometri. La scossa, di 1.3 gradi di magnitudo, è stata avvertita dai comuni di COLLIMENTO (AQ), VILLAGRANDE (AQ), e L’AQUILA. Alle 03:46, invece, alle coordinate 40.7 gradi di latitudine e 15.4 di longitudine, si è verificato un sisma ad una profondità di 10.2 chilometri. È stato di intensità 1.5 gradi di magnitudo, e si è prodotto tra i comuni di MURO LUCANO (PZ), CASTELGRANDE (PZ), e BELLA (PZ)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori