TERREMOTO/ Oggi, scossa di magnitudo 5.0 nello stretto di Sicilia Sabato 5 aprile 2014

- La Redazione

Terremoti oggi in Italia e nel mondo, venerdì 4 aprile 2014. Continua a tremare la terra in Cile, dove questa notte si è verificato un sisma di magnitudo 6.1. Lievi scosse anche a Perugia.

sismografo_new_r439
Sismografo (Fonte Infophoto)

Si è verificato un terremoto di magnitudo 5.7 sulla scala Richter è registrato dal sistema di monitoraggio sismico dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Il sisma si è verificato nel sud della Grecia con epicentro Mar Egeo circa alle 22.00 di questa sera. La forte scossa è stata avvertita anche nel Sud Italia. Seguiranno aggiornamenti con maggiori dettagli.

Un terremoto di magnitudo 2.2 sulla scala Richter è stato registrato dal sistema di monitoraggio sismico dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle 17:45 di oggi. Nessun danno segnalato, ma decisamente una scossa che è stata percepita nonostante la scarsa intensità da parte della popolazione, visto che l’ipocentro è stato registrato a poco più di dieci chilometri di profondità. Le città coinvolte dal terremoto sono state (a meno di 10 km) CAMPORA (SA) CANNALONGA (SA) CASTELNUOVO CILENTO (SA) CERASO (SA) CUCCARO VETERE (SA) GIOI (SA) MOIO DELLA CIVITELLA (SA) NOVI VELIA (SA) SALENTO (SA) STIO (SA) VALLO DELLA LUCANIA (SA); mentre quelle entro i 20 km sono state: ALFANO (SA) ASCEA (SA) BELLOSGUARDO (SA) CASAL VELINO (SA) CASTEL SAN LORENZO (SA) CENTOLA (SA) CICERALE (SA) FELITTO (SA) FUTANI (SA) LAURINO (SA) LAURITO (SA) LUSTRA (SA) MAGLIANO VETERE (SA) MONTANO ANTILIA (SA) MONTEFORTE CILENTO (SA) OMIGNANO (SA) ORRIA (SA) PERITO (SA) PIAGGINE (SA) PISCIOTTA (SA) ROCCADASPIDE (SA) ROFRANO (SA) ROSCIGNO (SA) RUTINO (SA) SACCO (SA) SAN MAURO LA BRUCA (SA) SESSA CILENTO (SA) STELLA CILENTO (SA) VALLE DELL’ANGELO (SA).

Una nuova scossa di magnitudo 2.3 sulla Scala Richter è stata registrata pochi minuti fa in provincia di Isernia, in Molise. L’Ingv fa sapere che il sisma è avvenuto alle 16.14 di oggi nell’area del Sannio, con epicentro a pochi chilometri di distanza dai comuni di Acquaviva d’Isernia (Is), Castel San Vincenzo (Is), Cerro Al Volturno (Is), Colli A Volturno (Is), Forli’ Del Sannio (Is), Fornelli (Is), Macchia D’isernia (Is), Miranda (Is), Montaquila (Is), Rionero Sannitico (Is), Roccasicura (Is), Rocchetta A Volturno (Is) e Scapoli (Is). Un altro lieve terremoto, di magnitudo 2, è avvenuto invece alle ore 16.11 in provincia di Perugia (Umbria), ancora una volta tra i comuni di Gubbio e Pietralunga nell’area del Metauro.

Nuove scosse di terremoto sono state registrate poco fa in provincia di Perugia (Umbria) dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). Gli ultimi eventi sono però stati molto lievi, di magnitudo compresa tra 0.7 e 1.8 gradi sulla Scala Richter e con epicentro localizzato nella gran parte dei casi a pochi chilometri di distanza dai comuni di Apecchio, Pietralunga, Gubbio, Costacciaro, Cantiano e Piobbico. Un altro terremoto di magnitudo 1.6 è avvenuto invece in provincia di Cuneo, tra i comuni di Acceglio e Argentera. Andando a osservare le scosse registrate in tutto il mondo dallo United States Geological Survey (USGS), poco fa si è verificato un sisma di magnitudo 6 a 28 chilometri di distanza da Kirakira, capoluogo della provincia di Makira-Ulawa, una delle nove delle Isole Salomone. Un altro evento di magnitudo 5.4 si è verificato invece nei pressi di Salamanca, piccolo comune del Cile della provincia di Choapa nella Regione di Coquimbo.

Tre lievi scosse sono state registrate poco fa in provincia di Roma. Secondo i dati riportati dall’Ingv, i terremoti sono avvenuti in rapida sequenza nell’area dei Monti Ernici-Simbruini, a pochi chilometri di distanza (non più di dieci) dai comuni di Jenne (Rm), Vallepietra (Rm), Trevi Nel Lazio (Fr) e Cappadocia (Aq). Il sisma più recente, che è stato anche il più forte, ha raggiunto una magnitudo di 2.2 gradi sulla Scala Richter, mentre gli altri due non hanno superato i 2.1 gradi. Gli altri comuni interessati dalle scosse, ma leggermente più distanti dall’epicentro, sono quelli di Affile (Rm), Agosta (Rm), Arcinazzo Romano (Rm), Bellegra (Rm), Camerata Nuova (Rm), Canterano (Rm), Cervara Di Roma (Rm), Rocca Canterano (Rm), Rocca Santo Stefano (Rm), Roiate (Rm), Subiaco (Rm), Acuto (Fr), Filettino (Fr), Fiuggi (Fr), Guarcino (Fr), Piglio (Fr), Serrone (Fr), Torre Cajetani (Fr), Trivigliano (Fr), Canistro (Aq), Capistrello (Aq), Castellafiume (Aq), Pereto (Aq), Rocca Di Botte (Aq), Sante Marie (Aq), Scurcola Marsicana (Aq) e Tagliacozzo (Aq).

Continua a tremare la terra in Cile, dove tre sere fa si è verificato il devastante terremoto di magnitudo 8.2 sulla Scala Richter che ha provocato la morte di sei persone, numerosi feriti e migliaia di sfollati. Lo United States Geological Survey (USGS) ha registrato questa notte un forte sisma di magnitudo 6.1, con epicentro localizzato a 76 chilometri di distanza dalla città di Iquique, capolouogo della regione di Tarapaca, dove in queste ore il governo cileno ha decretato l’allerta sanitaria. Il provvedimento è stato annunciato dal ministro della Sanità Helia Molina, visto che ancora oggi circa un terzo della popolazione della zona settentrionale non dispone di acqua potabile. Un altro terremoto di magnitudo 4.1 è avvenuto stamattina a pochi chilometri di distanza da North Vanlaiphai, una suddivisione dell’India classificata come census town che si trova nel distretto di Serchhip, nello stato federato del Mizoram. Secondo i dati riportati dall’USGS, la terra ha tremato anche in Giappone, a 38 chilometri a Est di Nobeoka, città della prefettura di Miyazaki, dove si è verificato nella notte un sisma di magnitudo 4.6. Per quanto riguarda l’Italia, invece, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato diverse scosse molto lievi in provincia di Perugia (Umbria), un’area già ben nota per la sua elevata attività sismica: sono almeno una decina i terremoti di magnitudo compresa tra 0.8 e 1.5 gradi rilevati fino ad ora tra i comuni di Gubbio, Pietralunga, Apecchio, Città di Castello, Cantiano e Piobbico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori