Ultime notizie/ Ultim’ora di oggi: le prime foto del Royal Baby (8 maggio 2019)

- Carmine Massimo Balsamo

Ultime notizie, ultim’ora di oggi: prime foto del Royal Baby, il figlio nato due giorni fa da Meghan e Harry (8 maggio 2019)

Harry e Meghan, in una uscita pubblica
Meghan e Harry (LaPresse)

E’ stato finalmente mostrato il Royal Baby, l’ultimo nato nella famiglia reale, dall’unione fra l’ex attrice americana Meghan Markle e il principe Harry. I duchi di Sussex si sono fatti fotografare e riprendere dalle telecamere presso il castello di Windsor, rispondendo anche a qualche domanda dei giornalisti presenti. «Ha un carattere dolcissimo, è davvero calmo. Non so proprio da chi abbia preso», le prime parole della noe-mamma Meghan, mentre Harry ha aggiunto: «Ma tutti dicono che i bambini cambiano molto in due settimane – commentando una battuta sul fatto che il piccolo assomiglierebbe alla mamma – il suo aspetto cambia ogni singolo giorno. Siamo così emozionati di avere questo batuffolo di gioia, vogliamo passare del tempo speciale con lui ora che inizia a crescere». Quindi Harry ha aggiunto: «Ha un carattere dolcissimo, è davvero calmo. Non so proprio da chi abbia preso». Intanto sale altissima l’attesa per conoscere il nome del nuovo arrivato, e secondo gli scatenatissimi bookmakers inglesi, potrebbe chiamarsi Arthur ed Edward, anche se non è da escludere l’opzione Filippo, in onore del nonno di Harry nonché marito della regina. Secondo gli scommettitori, l’annuncio del nome del neonato verrà dato via social. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie. Siri revocato da Conte in Cdm

Tutto come previsto. Alla fine il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, ha disposto la revoca a sottosegretario alle infrastrutture, per Armando Siri, esponente della Lega. La revoca è giunta in occasione del consiglio dei ministri tenutosi stamane a Palazzo Chigi, ed è stata decisa dopo che il Premier ha sentito il parere dei ministri presenti. Il prossimo step sarà la sottoscrizione della stessa revoca da parte del presidente della repubblica Sergio Mattarella, dopo di che Siri dovrà ufficialmente lasciare il suo incarico. Si è trattata di una discussione civile e pacata, ha fatto sapere all’uscita dal Cdm il ministro dell’interno, Matteo Salvini, che poi ha ribadito «fiducia nel premier ma anche difesa di Armando Siri, innocente fino a prova contraria». La riunione è durata circa due ore, dalle 11 alle 13, e durante il consiglio dei ministri hanno preso la parola anche lo stesso Salvini, nonché il ministro Giulio Bongiorno. Il vice-presidente del consiglio, Luigi Di Maio, ha parlato di “Segnale di discontinuità col passato”, sottolineando che «quando si parla di inchiesta di corruzione e mafia la politica deve agire prima della giustizia». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, revoca Siri: Cdm in corso

E’ in corso il consiglio dei ministri a Palazzo Chigi, durante il quale il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, “ufficializzerà” la richiesta di revoca dell’incarico al sottosegretario alle infrastrutture in quota Lega, Armando Siri, sotto indagine per corruzione. Da giorni Movimento 5 Stelle e la Lega si stanno scontrando sul tema, con i grillini che pretendono che Siri faccia un passo indietro, mentre il Carroccio difende fino ad eventuale processo il proprio tesserato. Come ricorda Quotidiano.net, la revoca dell’incarico a Siri avviene attraverso un decreto emesso dalla presidenza della repubblica su proposta dello stesso premier, di concerto con il ministro competente, ovvero, Danilo Toninelli, che poche ore dopo la diffusione della notizia dell’indagine su Siri aveva già ritirato le deleghe allo stesso. Il parere dei ministri non è quindi vincolante, e anche se contrari, alla fine deciderà Conte. Al Cdm sono presenti tutti gli esponenti del governo ad eccezione di Giovanni Tria e Moavero, titolari di Economia ed Esteri, fuori Italia per altre missioni. Secondo quanto si apprende, le parti della Lega sarebbero state prese durante il dibattito dal ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, dimissioni Siri: Di Maio vs Salvini

on si placa la polemica che ruota attorno le dimissioni del sottosegretario alle infrastrutture leghista Siri. Per il capo politico del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio ieri era l’ultimo giorno utile perché il politico ligure potesse presentare le dimissioni. Il grillino non si capacita di come la Lega possa difendere ad oltranza il sottosegretario, stante le pesanti parole dei magistrati contenute nella richiesta di autorizzazione a procedere. Le parole di Di Maio trovano una netta avversione nell’altro vice premier Salvini: il capo della Lega è intenzionato a difendere ad oltranza il suo uomo, in tale contesto da evidenziare la sua intenzione di votare in consiglio dei ministri contro l’allontanamento.

Ultime notizie Bolzano, violentata 15enne

Choc a Bolzano: una ragazzina di 15 anni è stata violentata mentre tornava da scuola lungo le passeggiate del fiume Isarco, nei pressi dello Stadio Druso. Come riporta Repubblica, sul posto sono giunte le forze dell’ordine ma l’aggressore si era già allontanato. L’inchiesta è coordinata dalla Procura locale, che mantiene il massimo riserbo sull’accaduto. Poche le informazioni a disposizione sullo stupro, con la giovane che era in bicicletta quando a un certo punto è stata avvicinata e violentata da uno sconosciuto: il primo a prestare soccorso è stato un passante, che ha sentito i lamenti della quindicenne in stato di choc ed ha chiamato l’ambulanza.

Ultime notizie Napoli, Mattarella visita la piccola Noemi

Visita del presidente Mattarella a Noemi, la piccola bambina ferita nella sparatoria di Napoli. Mattarella ha partecipato al simposio dei capi di Stato organizzato dalla fondazione Cotec nel capoluogo campano e non ha voluto lasciare la città partenopea senza prima rendere omaggio alla giovane vittima della barbara aggressione camorristica. Nella mattinata al Teatro San Carlo vi era stato il ricordo della piccola: nel minuto di silenzio dedicato dall’organizzazione si erano uniti nell’omaggio anche i capi di stato di Spagna e Portogallo. Sul fronte sanitario, nel nuovo bollettino medico emesso dai sanitari si segnala un leggero miglioramento anche se si registra come la piccina è ancora collegata al respiratore automatico.

Ultime notizie Pil Italia, allarme deficit sui conti

Nuovo allarme sui conti pubblici lanciato dalla commissione europea nel consueto report che contiene le previsioni economiche per i paesi membri. I contabili di Bruxelles non solo riducono le stime di crescita del PIL ma avvertono che il rapporto deficit/Pil schizzerà fino alle soglie del fatidico 3%, con un debito che a sua volta supererà la soglia del 130%. Tale scenario per la commissione è ancora più preoccupante stante la riduzione della crescita economica, che quest’anno sarà limitata a un misero +0.1%, dato che classifica il bel paese come fanalino di coda di tutta Europa. La situazione per il commissario Ue Moscovici non va al momento rivalutata: lo stesso commissario sottolinea però come nel perdurare di tali stime ci sarà sicuramente bisogno molto presto di una manovra correttiva.

Ultime notizie tangenti in Lombardia, 43 arresti in tutta Italia

Tangenti in Lombardia: ci sono anche nomi eccellenti tra le 43 persone arrestate ieri mattina da Carabinieri e Guardia di Finanza, arresti a vario titolo per corruzione e finanziamento illecito ai partiti. L’inchiesta coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Milano ha infatti portato in cella alcuni esponenti regionali di Forza Italia ed è stato chiesto l’arresto anche per il deputato forzista Diego Sozzani, accusato di finanziamento illecito ai partiti. Il procuratore capo meneghino, Francesco Greco, nella conferenza stampa dopo gli arresti ha evidenziato come molti dei reati commessi sono stati effettuati con persone importanti del mondo delle cosche calabresi: per Greco questa è la prova di come la ‘ndrangheta si sia infiltrata nel mondo degli affari del nord Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA