Viterbo, il killer ha ucciso per un paio di jean firmati/ E’ un 22enne statunitense

Il 22enne che ha ucciso un commerciante a Viterbo, lo ha ammazzato per dei jeans firmati

Segregato in casa e ucciso da baby-gang
Polizia (LaPresse, 2019)

Il killer di Viterbo ha ucciso il povero negoziante per un paio di jeans firmati. E’ questa l’agghiacciante verità emersa in queste ultime ore, riportata stamane dal quotidiano Il Messaggero. Michael Aaron Pang, coreano residente in Kansas di 22 anni, era già stato altre volte nel negozio Fedeli, voglioso di accaparrarsi vestiti e jeans costosi: «Le indagini sono state molto rapide – le parole del procuratore capo Paolo Auriemma – è stato emesso un provvedimento di fermo. Un risultato raggiunto grazie alla sinergia delle forze di campo: squadra mobile, carabinieri e guardia di finanza». Secondo i parenti del povero Fedeli, quel ragazzo considerato “strano”, era entrato nel negozio già due volte prima dell’efferato delitto: «E’ un soggetto molto pericoloso – ha continuato il procuratore – abbiamo deciso di non diffondere subito le immagini raccolte dai video di sorveglianza perché non volevamo mettere in pericolo la vita di nessuno. Anche solo guardarlo troppo sarebbe stato un problema. E poi c’era il rischio, reale, di fuga».

VITERBO, IL KILLER HA UCCISO PER UN PAIO DI JEAN FIRMATI

Il 30 aprile e il 2 maggio aveva tentato di acquistare dei vestiti, ma le sue carte erano bloccate, ed è quindi tornato il 3, tentando nuovamente di assicurarsi qualche capo d’alta moda, per poi scagliarsi come una furia sul povero commerciante. Prima lo ha colpito più volte sul cranio, quindi lo ha nascosto dietro il bancone, di modo che i passanti non lo vedessero. Gli ha poi rubato il portafogli e il telefono, di cui si è disfatto subito dopo, portando con se anche i capi di abbigliamento non pagati. «Appena sono state diffuse le immagini del ragazzo – le parole del colonnello Guglielmo Trombetta – le abbiamo diramate a cascata a tutte le compagnie e stazioni. E’ stato subito riconosciuto perché fermato per un controllo a Marta. Poche ore dopo l’omicidio è stato inquadrato dalle telecamere del comune di Capodimonte». Pang è stato arrestato alle 10 di ieri, e nei prossimi giorni ci sarà l’interrogatorio di garanzia: il movente di questo atroce delitto resta ancora avvolto nel mistero, possibile abbia ucciso solo per dei jeans?



© RIPRODUZIONE RISERVATA