TE DEUM/ Quell’inno che faceva tremare il cuore anche ai “mangiapreti” Napoleone e Garibaldi

- Rino Cammilleri

RINO CAMMILLERI introduce con un breve cenno storico e una sua personale riflessione l’inno del Te Deum che la tradizione cattolica fa eseguire ai fedeli per la fine dell’anno ALL’INTERNO IL TESTO LATINO E LA TRADUZIONE

tedeumR375_30dic09

C’è qualcosa di magnifico ma anche di terribile in questo antichissimo canto con cui la Chiesa loda l’Onnipotente e Gli rende grazie in occasione di eventi particolarmente importanti. E quando un anno si conclude. Tanto magnifico e terribile, questo inno, che non hanno osato rinunciarvi neppure i più feroci anticlericali. Napoleone, per esempio, non se ne perse uno, arrivando a minacciare di morte il clero se non gliel’avesse eseguito in pompa magna. Il Piemonte delle leggi eversive metteva in carcere i vescovi che si rifiutavano di intonarlo per protesta. Perfino Garibaldi, il più fanatico dei mangiapreti, pretese il solenne Te Deum, e più di una volta.

Bisogno di ingraziarsi le plebi superstiziose e legate alla religione? Voglia di legittimarsi come «liberatori» e «purificatori» della Chiesa? Sì, c’era anche questo, come nel caso del generale Championnet e la sua pistola puntata alla testa dell’arcivescovo di Napoli affinché il sangue di San Gennaro si sciogliesse pure davanti agli invasori francesi. Ma nessuno mi toglie dalla capoccia che c’era anche un fondo di ancestrale terrore del divino, una di quelle emozioni che niente come la musica è capace di far salire dal profondo dello stomaco.

E, tra i canti sacri della tradizione cristiana, se ce n’è uno in grado di far tremare il cuore è il possente Te Deum. Quelle note, sgorgate nella magnificenza del gregoriano, in qualche modo evocano il Giudizio, la sentenza finale di quel Maestro che, scaduto il tempo, ritira il compito e lo valuta: sufficiente o insufficiente. La vita è infatti un compito, anche se molti cercano di convincerci che sia solo un giocattolo (il quale, se ti va bene ci giochi, sennò lo butti via). E la valutazione finale, senza possibilità di appello, prevede una sola alternativa di voto: buono, non buono. Uniamoci anche noi, nel finale di quest’anno, al canto di ringraziamento che la Chiesa eleva da sempre al suo Creatore. Uniamoci anche se siamo stonati. Anche se quest’anno non è stato dei migliori, perché il Signore non permetta di peggio (al quale, com’è noto, non c’è mai fine). Finché non si realizzi la Beata Speranza e venga, finalmente, il Suo Regno.

 

VAI AL TESTO DEL TE DEUM E ALLA TRADUZIONE, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO

 

 

Te Deum laudámus: / te Dóminum confitémur.

Te ætérnum Patrem, / omnis terra venerátur.

Tibi omnes ángeli, /

tibi cæli et univérsæ potestátes:

tibi chérubim et séraphim /

incessábili voce proclamant:

Sanctus, / Sanctus, / Sanctus /

Dóminus Deus Sábaoth.

Pleni sunt cæli et terra / maiestátis glóriæ tuae.

Te gloriósus / Apostolórum chorus,

te prophetárum / laudábilis númerus,

te mártyrum candidátus / laudat exércitus.

Te per orbem terrárum /

sancta confitétur Ecclésia,

Patrem / imménsæ maiestátis;

venerándum tuum verum / et únicum Fílium;

Sanctum quoque / Paráclitum Spíritum.

Tu rex glóriæ, / Christe.

Tu Patris / sempitérnus es Filius.

Tu, ad liberándum susceptúrus hóminem, /

non horruísti Virginis úterum.

 

 

Tu, devícto mortis acúleo, /

aperuísti credéntibus regna cælórum.

Tu ad déxteram Dei sedes, / in glória Patris.

Iudex créderis / esse ventúrus.

Te ergo, quæsumus, tuis fámulis súbveni, /

quos pretióso sánguine redemísti. ætérna fac cum sanctis tuis / in glória numerári.

Salvum fac pópulum tuum, Dómine, /

et bénedic hereditáti tuæ.

Et rege eos, / et extólle illos usque in ætérnum.

Per síngulos dies / benedícimus te;

et laudámus nomen tuum in sæculum, /

et in sæculum sæculi.

Dignáre, Dómine, die isto /

sine peccáto nos custodíre.

Miserére nostri, Dómine, / miserére nostri.

Fiat misericórdia tua, Dómine, super nos, /

quemádmodum sperávimus in te.

In te, Dómine, sperávi: /

non confúndar in ætérnum.

 

VAI ALLA TRADUZIONE DEL TE DEUM IN LINGUA ITALIANA, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO

TE DEUM – TRADUZIONE DELL’INNO IN LINGUA ITALIANA

 

Te noi lodiamo Dio: Te noi professiamo Signore.

Te eterno Padre venera tutta la terra.

A te gli Angeli tutti,

A te i Cieli e tutte le Potenze,

A te i Cherubini e i Serafini,

Inneggiano con voce incessante.

Santo, Santo, Santo

Il Signore Dio dell’universo.

I cieli e la terra sono pieni della tua gloria.

Te loda il glorioso coro degli Apostoli,

Il grande numero dei Profeti,

Il candido esercito dei Martiri.

La santa Chiesa diffusa su tutta la terra confessa Te,

Padre della gloria immensa,

Il Figlio tuo unigenito vero e venerando,

Il Santo Spirito Consolatore!

Tu, o Cristo, Re della gloria,

Tu Figlio eterno del Padre.

Tu, per liberare l’uomo,

Non hai rifiutato il grembo della Vergine.

Tu, vinto il pungiglione della morte,

Hai aperto a chi crede in Te il regno dei cieli.

Tu siedi alla destra di Dio, nella gloria del Padre.

 

 

 

Noi crediamo che verrai a giudicare.

Allora Ti preghiamo: soccorri i tuoi servi

Che hai redenti con il Tuo sangue prezioso

E fa che si riuniscano nel numero dei tuoi Santi.

Salva il tuo popolo, Signore,

E benedici la tua eredità.

Guida i tuoi servi,

E conducili nell’Eternità.

Ogni giorno Ti benediciamo,

In eterno lodiamo il Tuo nome.

Degnati, o Signore, in questa giornata

Di custodirci senza peccato.

Pietà di noi, Signore,

Pietà di noi.

Sia sempre su di noi, Signore, la Tua misericordia,

Dato che abbiamo sperato in Te.

In Te, Signore, ho sperato:

Che io non sia confuso in eterno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori