MEETING 2011/ Il programma completo, le mostre e gli spettacoli

- La Redazione

Presentato il programma completo del XXXII Meeting per l’amicizia fra i popoili. Titolo dell’edizione 2011 è E l’esistenza diventa una immensa certezza. Le mostre e gli spettacoli

meeting_R400-1
Foto Ansa

E’ stato reso noto il programma definitivo della XXXII edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli che si terrà a Rimini dal 21 al 27 agosto prossimi. L’apertura è affidata al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che idealmente collegherà l’evento con la ricorrenza per i 150 anni dell’unità d’Italia. Titolo dell’incontro sarà “150 di sussidiarietà”, che è anche il titolo dell’omonima mostra presente al Meeting. Lo spettacolo inaugurale invece avrà luogo nel cuore di Rimini, piazza Cavour, con il titolo di “E’ festa”. Una serata di canti popolari che racconteranno l’unità d’Italia. Titolo di questa edizione 2011 del Meeting è “E l’esistenza diventa una immensa certezza”. Un programma, quello di questo Meeting, al solito densissimo di appuntamenti di ogni tipo. Circa cento sono infatti i convegni previsti, oltre venti gli spettacoli e naturalmente le numerose mostre. Nel dettaglio.  Oltre la già citata mostra sulla sussidiarietà: “Ante gradua, quando la certezza diventa creativa: gli affreschi del Pellegrinaggio di Santa Maria della Scala a Siena”; “Atomo: indivisibile? Domande e certezza nella scienza”; “Con gli occhi degli apostoli, una presenza che travolge la vita”; “Cor ad cor loquitur, la certezza di Newman, coscienza e realtà”; “E rivivrai; il profeta Ezechiele, la crisi e la speranza”; “Mia sorella la vita, Boris Pasternak”; “Non sembrava immagine che tace: l’arte della realtà al tempo di Dante”; “San Carlo Borromeo: la casa costruita sulla roccia”, Ecco invece i principali spettacoli di questo Meeting.

Come detto, il Meeting sarà aperto con lo spettacolo “E’ festa”, ideato e diretto da Ambrogio Sparagna e Davide Rondoni. Si terrà in piazza Cavour. Sparagna è uno dei più importanti ricercatori musicali, già presente al Meeting di due anni fa. Accompagnato dal poeta Rondoni, eseguirà musiche popolari di ogni angolo d’Italia. Al Meeting saranno poi presenti i leggendari Chieftains, gruppo di musica popolare irlandese, che si esibiranno il 24 agosto. Il 22 agosto invece l’opera teatrale “La ballata del cavallo bianco” di Gilbert K. Chesterton. Sempre il 22 il concerto del pianista Kim Dong Kyu, vincitore del concorso pianistico di San Marino. Il 23 concerto dell’orchestra del Teatro regio di Parma, con brani di Donizetti, Rossini e Mascagni.  Il 24 lo spettacolo “Job o la tortura da parte degli amici”, spettacolo teatrale dello scrittore e filosofo francese Fabrice Hadjadj. Ci sarà poi il Galà di premiazione del Meeting Rimini festival con la presenza del regista polacco Krysztof Zanussi. Giovedì 25 concerto del cantautore Nicolò Fabi. Grande finale la sera del 26 con lo spettacolo di Paolo Cevoli “La penultima cena”.

I principali incontri. Il capo dello Stato parteciperà a “150 di sussidiarietà”. Insieme a lui il presidente del Meeting Emilia  Guarnieri e il presidente della Fondazione per la Sussidiarietà Giorgio Vittadini. Il tema dell’edizione di quest’anno del Meeting sarà svolto dal filosofo Costantino Esposito, professore di storia della filosofia all’università di Bari. L’incontro “Con gli occhi degli apostoli” verrà invece presentato dal custode di terra Santa padre Pizzaballa e dal biblista José Miguel Garcia. Il Mediterraneo è tema dell’incontro con il ministro degli esteri Frattini, il professore egiziano Wael Farouq, anche vice presidente del Meeting Cairo.  Presenti anche il vic presidente della Corte Costituzionale egiziana e il segretario del papa della chiesa ortodossa coopta. L’incontro conclusivo avrà a tema la presentazione del libro di don Giussani “Ciò che abbiamo di più caro”. Sarà tenuto dallo psichiatra Eugenio Borgna e dal sacerdote padre Aldo Trento. Nel corso del Meeting si segnala la presentazione dei nuovi libri di Luca Doninelli, Mario Calabresi e Gianpaolo Pansa. Sarà anche presentata la traduzione in arabo de “Il rischio educativo” di Giussani, a cura di Abdel Fattah Hasanm ex parlamentare dei Fratelli musulmani d’Egitto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori