AGENZIA WEB COMPRA STORIE DI VITA/ Un sito inglese cerca persone comuni con storie straordinarie

- La Redazione

Un sito web inglese cerca storie incredibili di gente comune da vendere ai giornali. Meglio se si tratta di storie d’amore

webgenerico_R375

Vendersi la vita sui giornali. E’ l’idea di due giornalisti inglesi che invitano la gente a raccontare episodi della propria vita (“più sono incredibili meglio è”) che loro penseranno a rivendere a giornali e riviste. Il sito si chiama sellthatstory.com (“vendi questa storia”), loro sono Angela Epstein e John Jeffay. Promettono riservatezza e professionalità. Sulla homepage del sito si legge: “Chiamateci o mandateci una e-mail per raccontarci la vostra storia e vi diremo quanto si può guadagnare . Non c’è nessun obbligo, nessuna pressione, solo un semplice filo diretto con quello che può trasformare la vostra vita reale in denaro contante”. La domanda allora è: quanto si guadagna? Da un minimo di duecento sterline fino a duemila sterline.

 

 

Dipende da cosa si racconta. Conoscendo il livello media dei giornali inglesi, molto incentrati su gossip e avventure amorose, ci si può immaginare cosa possa interessare di più. Lo stesso John Jeffay lo ha sottolineato: “Basta sfogliare una rivista femminile per avere un’idea: la richiesta maggiore è di storie di persone comuni che parlano di esperienze straordinarie”. Sulla homepage dle sito, difatti, appena si comincia a leggere, troviamo la seguente indicazione: “Vendi la tua storia specialmente se è quella di una relazione d’amore”.

 

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Insomma, dopo i reality televisivi, il futuro si fa sempre più pubblico e voyeuristico. Probabilmente sarà un successo, anche vista la grande crisi dell’editoria su carta (i giornali si vendono sempre meno) e la recessione economica. Duemila sterline sono un bel gruzzoletto. I due giornalisti chiariscono comunque che loro non prendono soldi dai privati che decidono di mettere la propria vita sotto gli occhi di tutti, ma solo dai giornali che decidono di comprare le storie. Una mediazione, dunque.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori