TITANIC/ La nipote di un ufficiale: fu colpa del timoniere. Virò dalla parte sbagliata

- La Redazione

 Stando al racconto della nipote di un secondo ufficiale del Titanic, la nave affondò per un errore del timoniere. 

titanic_R375

Stando al racconto della nipote di un secondo ufficiale del Titanic, la nave affondò per un errore del timoniere. 

Il Titanic non è affondato perché andava ad una velocità troppo elevata e l’equipaggio si accorse troppo tardi dell’iceberg. Tutt’altro. Come andò realmente lo ha raccontato il nipote di un ufficiale di bordo presente sulla nave protagonista del più famoso incidente in mare della storia. Si trattò, in realtà, di un banale errore del timoniere. Lo ha raccontato Lady Louise Patten, moglie dell’ex ministro dell’istruzione Lord John Patten, nipote del secondo ufficiale Charles Lightoller.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Secondo il racconto la nave avrebbe avuto tutto il tempo necessario per potere virare ma il timoniere, semplicemente, girò dalla parte sbagliata. Una volta compiuto l’errore, il tempo a disposizione fu troppo poco per poter rimediare. Ci furono, ai tempi, due inchieste ma il secondo ufficiale non rivelò mai come si svolsero i fatti per non far finire i proprietari della nava sul lastrico ed evitare che tanti colleghi perdessero il lavoro.

Leggi anche: FOLLIE ALIMENTARI/ Il bar di New York che frigge Cheesburger, crostate, ananas e ogni cosa portano i clienti

 

 

Leggi anche: DEATH VALLEY/ Il mistero delle pietre «titaniche» da 100 chili che si muovono da sole. Effetto degli ufo o di venti fortissimi?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori