LA CLASSIFICA/ Venezia al secondo posto tra le città più puzzolenti del mondo

- La Redazione

Venezia risulta essere al secondo posto tra le città turistiche più puzzolenti al mondo: colpa della mancanza di un adeguato sistema fognario che fa sì che gli scarichi finiscano nei canali

venezia-acqua-alta-r400
Palazzo Ducale a Venezia

Dal villaggio che olezza di cipolle rancide alle zaffate insopportabili delle acque fognarie. Per evitare le brutte sorprese durante le vacanze esiste un solo metodo: avere naso. In ogni caso, per una località turistica nulla è peggio dei cattivi odori. Lo sanno bene i funzionari del governo del Malawi, che hanno discusso del fatto che le flatulenze potrebbero diventare un reato penale. Tuttavia il Malawi non è l’unica destinazione turistica a creare problemi olfattivi ai visitatori. Il sito web skyscanner.net ha pubblicato una classifica delle cinque città più puzzolenti del mondo. E al secondo posto purtroppo c’è Venezia.

CANCUN, MESSICO – Enormemente apprezzata dai turisti di tutto il mondo per le sue spiagge tropicali e per la sua atmosfera festosa, Cancun ha ora anche un profumo creato in suo onore, creato per fare sì che le persone di entrambi i sessi che lo utilizzano abbiano la stessa aroma del vibrante centro della movida messicana. Tuttavia, la città è conosciuta anche per il suo odore meno piacevole. Ci sono stati casi di esalazioni provenienti dalle fognature vicine agli alberghi, con lamentele dei turisti che, nell’ipotesi migliore, hanno definito la situazione come «singolare» o addirittura, nella peggiore, come «pericolosa».

VENEZIA, ITALIA – L’eleganza senza tempo di Venezia è di un’indubbia bellezza. Tuttavia, la città ha anche la reputazione di non essere proprio profumata durante i mesi estivi. Il sistema delle fognature cittadine, che in sostanza pompa le acque reflue direttamente nei canali, fa sì che quando le temperature sono molto calde si sentano arrivare delle zaffate inusuali. E per le persone che passeggiano in città questo a volte può essere difficile da tollerare. Come scrive anche The Guardian, «Venezia è ben conosciuta per il suo odore. I suoi canali puzzolenti d’estate possono sopraffare quasi come la sua bellezza, e l’origine di entrambi i fenomeni è umana». Sempre per il quotidiano londinese, l’odore dei canali è stato spiegato nel 2002 da uno scienziato britannico, David Smith: mentre le città che circondano Venezia, sulla riva della laguna, hanno sempre avuto un buon impianto di fognature, nella città storica non ne esisteva nessuno. E quindi i liquidi reflui di milioni di turisti che visitano la città finiscono direttamente nei canali e nella laguna poco profonda, talora causando una spessa poltiglia di alghe e l’odore di verdura marcia.

 

ROTORUA, NUOVA ZELANDA – Le spettacolari sorgenti geotermiche bollenti vicino a Rotorua nell’isola settentrionale della Nuova Zelanda attraggono migliaia di visitatori ogni anno. Tuttavia, quanti visitano i geyser dovrebbero essere diffidenti nei confronti del puzzo opprimente di uova marce che si origina dalle sorgenti, una conseguenza delle emissioni di idrogeno solforato, oltre che il motivo per cui Rotorua è soprannominata «la Città Sulfurea». Al punto che uno studio, citato dal quotidiano New Zealand Herald, avrebbe dimostrato che i ricoveri ospedalieri per l’asma e per altri disturbi respiratori nei sei distretti di Rotorua tra il 1991 e il 2001 sono stati tra cinque e dieci volte più elevati della media nazionale.

ST HELEN AUCKLAND, REGNO UNITO – Le cipolle sono famose per la loro capacità di fare piangere le persone, ma i residenti del piccolo villaggio di St Helen Auckland, nella contea inglese di Durham, sono costretti alle lacrime per ragioni ben diverse. Diversi cittadini inferociti hanno protestato contro una fabbrica locale i cui prodotti avrebbero fatto sì che il villaggio puzzi di «cipolle rancide». Alcuni affermano che l’odore è così cattivo che non possono uscire di casa né aprire le finestre.

 

COSTA D’ORO, FRANCIA – Questa regione nella Francia orientale è la terra d’origine di uno dei formaggi più puzzolenti al mondo, l’Epoisses de Bourgogne. Considerato il formaggio preferito da Napoleone, l’Epoisses ha un odore così forte che è vietato portarne delle porzioni sui mezzi di trasporto pubblici. E’ probabilmente consigliabile non tenere questo formaggio neppure nell’auto, a meno che non si voglia pagare una multa pesante.

 

(Pietro Vernizzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori