LA MALEDIZIONE DEL NUMERO 11/ Il terremoto in Giappone è caduto l’11 marzo, 11 come l’11 settembre e l’11 marzo della strage di Madrid…

- La Redazione

Naturalmente sono coincidenze, ma dopo le terribili notizie del disastro che ha colpito  il Giappone quest’oggi, la Rete è andata a caccia di ogni possibile significato legato al numero 11

tsunamigiapponeR400
Foto Ansa

Naturalmente sono coincidenze, ma dopo le terribili notizie del disastro che ha colpito  il Giappone quest’oggi, la Rete è andata a caccia di ogni possibile significato legato al numero 11. Perché? Sarebbe la maledizione del numero 11. Cominciata l’11 settembre 2001 con la strage delle Torri Gemelle a New York, proseguita con quella di Madrid l’11 marzo del 2004, e adesso di nuovo riaccaduta con il terremoto e lo tsunami che hanno devastato il Giappone, di nuovo l’11 marzo.

Un legame tra il numero 11 e i disastri che ha già un precedente nel mondo del cinema, il film 11.11, la paura ha un nuovo numero. Il disastro del Giappone poi cade in un anno che finisce proprio per 11, 2011, per cui si tratta oggi di un doppio 11. E qualcuno ha già tirato fuori la profezia di un famoso esperto di terremoti, il ricercatore italiano Bendandi, che avrebbe previsto un terremoto a Rlma per l’11 maggio 2011, cioè quest’anno. ovviamente, anche gli esperti dello studioso hanno smentito la possibilità, una data scaturita da calcoli sbagliati.

Come scrive uno dei numerosi siti che hanno pubblicato, senza verificarla, la notizia sul terremoto del 2011 in Italia, attraverso il suo metodo Bendandi avrebbe predetto un terremoto devastante per la città di Roma e aree limitrofe per il giorno 11 maggio 2011Le previsioni di Bendandi sono sempre state nell’arco di alcuni mesi, massimo un anno, e non per il lungo periodo. E’ inverosimile quindi pensare che abbia fatto delle predizioni addirittura ad alcuni decenni di distanza dalla sua morte. I romani possono quindi tirare un sospiro di sollievo, almeno in attesa della prossima teoria catastrofista che ultimamente su Internet non mancano mai.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori