CITTA’ PIU’ COSTOSE/ Lo studio di Ubs: la più cara è Oslo

- La Redazione

Secondo una ricerca condotta da UBS Wealth Management Research, la città più cara del mondo è Oslo, capitale della Norvegia, seguita da Zurigo, Ginevra, Copenhagen, Stoccolma e Tokyo

Calcolatrice_EuroR400
Foto: Fotolia

E’ Oslo, capitale della Norvegia, la città più costosa al mondo. UBS Wealth Management Research ha pubblicato uno studio che viene elaborato con scadenza triennale e aggiornato ogni anno in cui mostra la classifica dei costi delle città mondiali. La ricerca, intitolata “Prezzi e salari – un raffronto globale del potere d’acquisto”, attribuisce la medaglia d’argento a Zurigo, quella di bronzo a Ginevra. Le grandi città in cui visitatori e residenti sono costretti ad aprire più spesso il portafogli sono, in linea di successione, Copenhagen, Stoccolma e Tokyo. Agli ultimi posti della classifica, invece, si piazzano Buenos Aires, Il Cairo, Nairobi, Delhi, Manila e Mumbai (ultima, al 73esimo posto). Per quanto riguarda, l’Italia Roma si trova al 22esimo posto, Milano al 34esimo. Fatto curioso, quest’anno, nelle città americane prese in esame si è assistito ad un calo dei prezzi rispetto agli scorsi anni. La città americana più cara è New York che, tuttavia, si piazza solo al 14esimo posto. Subito dopo Tokyo, invece, al settimo posto, troviamo Sidney, in Australia. La ragione è legata alla svalutazione della banconota verde rispetto alle altre divise mondiali. In particolare, gli analisti hanno sottolineato come le gravi turbolenze valutarie che si sono verificate dal 2009 in poi abbiano fatto retrocedere il dollaro di circa un quarto rispetto al franco svizzero, mentre l’euro ha perso il 20% circa. Il dollaro australiano, dal canto suo, ha aumentato del 40% circa il suo valore rispetto al “cugino Usa”. In particolare, poi, queste fluttuazioni hanno sortito conseguenze sull’import-export e sul turismo, mentre non si sarebbero fatte particolarmente avvertire sul mercato domestico. Singolare anche la situazione della capitale del Venezuela, Caracas, dove l’innalzamento dell’inflazione (pari al 62 per cento) contestualmente al legame della valuta nazionale con quella americana ha fatto salire i prezzi e il suo posizionamento i classifica. Lo studio ha anche preso in considerazione i salari, rilevando come i lavoratori di Zurigo, Ginevra e Copenaghen godano di quelli più alti.

Tra le altre città valutate, New York è settima, Tokyo 19esima, Londra 22esima, Parigi 24esima. Gli italiani con gli stipendi più alti sono i milanesi al 26esimo posto. I lavoratori di Zurigo, Sidney e Lussemburgo, invece, godono del più elevato potere d’acquisto relativamente al loro stipendio orario netto. Per comporre la graduatoria per Ubs, gli analisti indipendenti si sono avvalsi di un paniere che contempla 122 beni e servizi. In particolare UBS Wealth Management Research ha rimodulato gli indici più significativi emersi in seguito alle analisi del 2009 e a quelle del 2010, calcolando l’inflazione accumulata, la crescita del Pil e le variazioni sui tassi di cambio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori