SINDROME RARA/ Curato l’uomo che sente con gli occhi e vede con le orecchie

- La Redazione

Un uomo, padre di due bambini, per anni è vissuto sentendo il rumore degli occhi ogni volta che si muovevano nelle orbite. Un suono simile alla carta vetrata

orecchio
L'interno di un orecchio

Un uomo, padre di due bambini, per anni è vissuto sentendo il rumore degli occhi ogni volta che si muovevano nelle orbite.

COME LA CARTA VETRATA – Un suono insopportabile, simile a quello del graffiare della carta vetrata. Stephen Mabbutt, 57 anni, di Charlton nell’Oxfordshire, ha iniziato ad avvertire i sintomi sei anni fa. Un dolore sordo nella sua testa è progredito in una sensazione di vibrazione che condizionava la sua facoltà della vista ogni volta che parlava. Mentre i rumori forti gli facevano venire le vertigini. Dopo un periodo di tempo piuttosto lungo, Mabbutt ha iniziato a sentire il battito del suo cuore e le sue pupille muoversi, e così a malapena poteva seguire una conversazione o sentire la radio. Come raccontato dallo strano paziente all’Oxford Mail, «era un suono simile a quello della carta vetrata sul legno, ogni volta che muovevo i miei occhi». I medici sono rimasti sconcertati dalla sua malattia, e hanno cercato di curarlo con spray nasali e antibiotici, ma senza alcun risultato. Quindi il chirurgo Martin Burton, dell’Oxford Radcliffe Hospital, ha notato dei fori nei canali semicircolari all’interno dell’orecchio di Mabbutt.

SINDROME RARISSIMA – Come scrive il Daily Mail, è stato quindi visitato da Richard Irving della Birmingham Ear Clinic, che gli ha diagnosticato una rara malattia, chiamata Sindrome di deiscenza del canale superiore (Scds). La Scds colpisce solo una persona su 500mila tra quelle che vivono nel Regno Unito ed è stata scoperta un decennio fa. Si verifica quando una parte dell’osso che copre i canali semicircolari è mancante, esponendo così la membrana inferiore, che è particolarmente sensibile. Mabbutt si è sottoposto alla chirurgia nel maggio scorso, per sigillare i buchi. E nel frattempo dopo l’operazione è già tornato a lavorare alla Abbot Diabetes Care, dove è un coordinatore dell’area formazione. Come racconta lo stesso Mabbutt, «non potete immaginare quale sia il mio sollievo. Il mio caso è molto inusuale, con sintomi che possono essere facilmente confusi con quelli di altre malattie, e che sono molto dolorosi». Il 57enne aggiunge che la sua sindrome non è difficile da curare, ma estremamente difficile da identificare in un primo momento. Il sito della BBC scrive che Mabbutt sentiva persino il suo cuore battere, e che era così disturbato dai suoi rumori all’interno del corpo che gli era sempre più difficile sentire il mondo intorno a lui.

EFFETTI SULLA QUALITA’ DELLA VITA – Mabbutt ha raccontato alla BBC: «L’operazione ha fatto una grande differenza nella mia vita. Mi sento una persona completamente diversa». Come rivelato sempre all’emittente britannica, «quando alzavo la voce la potevo sentire riverberarsi nella mia testa e l’effetto era che la mia visione vibrava. Potevo persino udire il mio cuore battere e i miei occhi muoversi nelle orbite. Mi impediva davvero di concentrarmi». Come racconta il dottor Irving, che ha diagnosticato la Scds a Mabbutt, «tra i sintomi della malattia ci sono anche la perdita dell’udito e problemi di equilibrio, provocati in particolare da rumori forti o da pressioni sulla testa. Avevo un paziente che crollava a terra ogni volta che qualcuno intorno a lui rideva. Senti tutti i suoni all’interno del tuo corpo in modo particolarmente forte. I muscoli che muovono gli occhi sono connessi alle ossa del cranio e c’è un elemento di frizione quando si muovono questi muscoli. Alcuni pazienti, quando i loro occhi si muovono lateralmente, sentono i movimenti della frizione del muscolo come un rumore nel loro orecchio. «E’ una malattia che distrugge la qualità della vita. E i suoi sintomi sono così confusi che la maggior parte dei medici si grattava la testa e non comprendeva fino a quando è stata descritta in modo scientifico».

 

(Pietro Vernizzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori