SUPERENALOTTO/ Estrazione di oggi martedì 20/09/2011 concorso 112/2011 con numero jolly e superstar

- La Redazione

Questa sera tanti italiani sono partiti nuovamente alla caccia del jackpot milionario del Superenalotto che mette in palio 64.300.000 di euro. Ecco i numeri vincenti

Superenalotto_RicevitoriaR400
imagoeconomica

Con un balzo di un milione di euro rispetto  a sabato scorso, il jackpot del Superenalotto arriva oggi, martedì 20 settembre 2011, a quota 64,3 milioni di euro. Molto probabile, quindi, che se anche oggi non verrà centrata una vincita di prima fascia si arriverà a superare la soglia dei 65 milioni di euro che, molto probabilmente, richiameranno l’attenzione di molti giocatori italiani sul concorso a premi più ricco di Sisal.

Intanto, è ormai passato più di un mese dall’ultima vincita di prima fascia al Superenalotto: si trattava di un 5Stella da quasi 800.000 euro realizzato il 16 agosto a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano. Guardando al passato, scopriamo che nel 2010, nel mese di settembre, erano stati realizzati un 5Stella e un 5+, nel 2009 due 5+, nel 2008 un 5+ e nel 2007 ben due 5Stella e un 5+. In questo 2011, è stato il mese di febbraio finora a non regalare nemmeno una vincita di prima fascia.

Ma veniamo al fatto di cronaca da “smorfiare” per questo concorso. Parliamo  del declassamento che il debito pubblico italiano ha subito da parte dell’agenzia di rating americana Standard & Poor’s. I numeri che ci arrivano dalla smorfia sono il 30 (Italia), il 69 (debito), il 54 (agenzia), il 39 (americana), l’80 (downgrade) e il 19 (finanza). I sei numeri per questo concorso sono quindi: 19-30-39-54-69-80. Nessuno di questi compare nella top ten dei numeri più ritardatari o più frequenti nelle sestine vincenti del Superenalotto.

Ecco la combinazione vincente dell’ultima estrazione del Superenalotto (n. 113/2011 di martedì 20 settembre 2011):

(Fonte: Sisal)

(Vi ricordiamo di controllare le vincite per le estrazioni del Superenalotto e per tutti i concorsi Sisal sul sito Sisal.it o in ricevitoria) 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori