WIN FOR LIFE/ Estrazione del 21/12/2009 ore 16:00 di Sisal Win for Life, i numeri del concorso 1084/09

- La Redazione

Alle 16:00 di oggi, lunedì 21 dicembre 2009, c’è stata una nuova estrazione di Win for life. La combinazione vincente estratta, le quote e le vincite di Win for Life

Win_for_lifeR375

Arriva con l’estrazione delle 15 la vincita più alta di Win for life di oggi. Un giocatore ha infatti sfiorato il superpremio di Win for life che vale 4000 euro al mese per 20 anni. Ha indovinato i dieci numeri estratti, ma non ha avuto dalla sua parte il numerone di Win for life necessario per vincere la rendita da capogiro. Tuttavia, grazie al fatto che nelle estrazioni delle 13 e delle 14 non c’erano state vincite da 10 o da 0, si porta a casa un premio di circa 26.000 euro, che costituisce al momento la vincita più alta di oggi. Buone anche le vincite minori di questa estrazione di Win for life, apparse sopra la media.

Il concorso 1083/09 di Win for life ha infatti premiato con 167,89 euro i 9 e gli 1, ha poi dato 12,11 euro agli 8 e ai 2, infine ha assegnato 2,21 euro ai 7 e ai 3. Il montepremi di questa estrazione di Win for life è stato di appena 84.000 euro, di cui oltre 67.000 finiti nelle tasche dei circa 10.000 vincitori di questa estrazione di Win for life.

Ecco la combinazione vincente dell’ultima estrazione di Win for Life (n. 1084/09 ore 16:00 di lunedì 21 dicembre 2009):

(Fonte: Sisal – Win for Life)

(Vi ricordiamo di controllare le vincite per le estrazioni di Sisal Win for Life e per tutti i concorsi Sisal sul sito Sisal.it o in ricevitoria) 

Il Regolamento del nuovo gioco Sisal Win for Life

Come si gioca a Win for Life – Sulla schedina di Win for Life sono riportati i numeri dall’1 al 20. Occorre scegliere 10 di questi numeri. Il macchinario della ricevitoria provvederà poi ad assegnare casualmente a ogni giocata un numero compreso tra 1 e 20, il cosiddetto “numerone”, fondamentale per aggiudicarsi il “vitalizio”, ovvero un premio di 4.000 al mese per 20 anni (il premio è netto, garantito, destinabile a favore di terzi ed ereditabile). La giocata minima è di 1 euro, ma giocandone 2 si possono raddoppiare le possibilità di vincita. Le estrazioni sono giornaliere, una ogni ora dalle 8:00 alle 20:00.

Come si vince a Win for Life – Giocando 1 euro si vince indovinando 7 (premio di 2 euro), 8 (premio di 10 euro), 9 (premio 100 euro) o 10 (premio di 10.000 euro) numeri estratti. Giocando 2 euro si vince anche azzeccando 3 (premio di 2 euro), 2 (premio di 10 euro), 1 (premio di 100 euro) o zero (premio di 10.000 euro) numeri estratti. Per aggiudicarsi il vitalizio occorre indovinare 10 numeri più il numerone oppure zero numero più il numerone (quest’ultimo caso solo se si sceglie di giocare i 2 euro). Inoltre chi si aggiudica il vitalizio, vince anche il premio di 10.000 euro per aver indovinato 10 o zero numeri usciti per quella estrazione. Le probabilità di centrare un dieci o uno zero sono una su 185mila e di per portare a casa la rendita di 4.000 euro al mese per 20 anni una su 3,5 milioni. Duecento volte più facile di un 6 al Superenalotto.

Sistemi – Per aumentare le possibilità di vincita a Win for Life è possibile giocare fino a 14 numeri. Ecco quanto costa (per raddoppiare le possibilità di vincita – come avviene giocando 2 euro anziché 1 – occorre raddoppiare il costo): per 11 numeri occorrono 11 euro, per 12 numeri 66 euro, per 13 numeri 286 euro e per 14 numeri 1.001 euro.

Gli abbonamenti a Win for Life – Data l’elevata periodicità di estrazione, che è una caratteristica peculiare di Win for Life, al momento della giocata si può decidere di “abbonarsi” con la stessa combinazione scelta per 2, 3, 4, 5 o 10 estrazioni oppure tutti i concorsi della giornata, tutti quelli della giornata in corso e di quella seguente o tutti i concorsi della settimana.

Un aiuto all’Abruzzo – Di ogni euro giocato a Win for Life, il 65% va al montepremi, il 23% all’erario che li destina per la ricostruzione in Abruzzo, l’8% al ricevitore e il restante 4% alla Sisal. A vigilare sul gioco vi saranno i Monopoli di Stato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori