ISRAELE/ Hamas pone condizioni per far entrare gli aiuti della flottiglia di attivisti a Gaza

- La Redazione

Hamas pone delle condizioni per fare entrare gli aiuti umanitari sequestrati da Israele dopo il blitz sulla flottiglia di attivisti. Hamas vuole che Israele liberi gli attivisti ancora in stato d’arresto.

israele_attacco-mareR375

Hamas pone delle condizioni per fare entrare gli aiuti umanitari sequestrati da Israele dopo il blitz sulla flottiglia di attivisti. Hamas vuole che Israele liberi gli attivisti ancora in stato d’arresto.

Gli aiuti umanitari che si trovavano sulla flottiglia che è stata oggetto del blitz israeliano, sequestrati da Israele, potraanno entrare a Gaza solamente a certe condizioni. Lo ha detto il ministro del Welfare e portavoce di Hamas Ahmed al-Kurd. Le condizioni dettate dal ministro palestinese consisterebbero nel rilascio immediato di tutti gli attivisti arrestati da Israele (un israeliano, un irlandese e un’Australiana) e del trasferimento in blocco e non in parte delle merci sequestrate. Secondo il ministro, dal momento che il convoglio è stato organizzato dalla Turchia, spetterebbe proprio ad Ankara stabilire se il trasferimento sia legittimo e decidere se consentirlo o meno.

Leggi anche: ISRAELE/ 5 dei 6 attivisti italiani coinvolti nel blitz degli israeliani sono a Istanbul. “Ci hanno picchiato. Sembrava una scena di Apocalypse now”

Intanto, il maggiore Guy Inbar, portavoce israeliano, ha dichiarato che 8 camion con i beni della Flottiglia stanno aspettando di entrare nella Striscia di Gaza dal valico di Kerem Shalom, mentre ha smentito il sequestro degli aiuti da parte israeliana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori