SCIOPERO FIAT/ Le tute blu di Mirafiori scioperano per due ore contro i licenziamenti di Fiat

- La Redazione

Le tute blu di Mirafiori hanno incrociato le braccia per due ore. Lo sciopero di Mirafiori è stato indetto contro alcuni licenziamenti ed il mancato premio di produzione.

fiat_R375

Le tute blu di Mirafiori hanno incrociato le braccia per due ore. Lo sciopero di Mirafiori è stato indetto contro alcuni licenziamenti ed il mancato premio di produzione.

I lavoratori dello stabilimento di Mirafiori sono scesi in piazza in occasione dello sciopero nazionale indetto dalla Cgil. Lo sciopero è durato due ore, ed è stato proclamato per protestare contro alcuni licenziamenti e contro il mancato premio di produzione. Sullo scopero, ha gravato anche l’ombra dell’annuncio di Marchionne di trasferire parte della produzione in Serbia. «Da Torino a Pomigliano ai ricatti non ci pieghiamo» è stato lo slogan delle tutte blu che, secondo i dati della Fiom hanno aderito al 65-70% alle carrozzerie e alla meccaniche.

Leggi anche: IL FATTO QUOTIDIANO/ Finmeccanica, guerra di potere

Leggi anche: LA REPUBBLICA/ La sindrome dei distratti che manda in crisi il matrimonio

Secondo i dati forniti dalla Fiat, invece, l’adesione allo sciopero sarebbe stato del 14% alle carrozzerie e del 12% alle meccaniche. «Il clima tra i lavoratori risente molto della novità della Serbia. Ogni giorno si aggiunge una notizia non incoraggiante, che aumenta le preoccupazioni: dai licenziamenti, al mancato pagamento del premio, da Pomigliano a Mirafiori», ha dichiarato Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori