Damiano dei Maneskin, scuse per l’uso di parola razzista/ “Non avrei mai detto…”

- Stella Dibenedetto

Damiano David dei Maneskin si scusa per aver cantato una parola razzista in una cover di Kanye West: “Non volevo essere offensivo”.

maneskin
(Sanremo 2021)

Damiano David, il frontman dei Maneskin, si scusa pubblicamente per aver utilizzato un termine razzista in una cover di Kanye West cantata durante il concerto che la band romana ha tenuto a Berlino lo scorso 16 giugno e che è stato trasmesso su TikTok. Nell’occasione, oltre ad essersi esibiti con i loro brani, i Maneskin hanno regalato ai propri fans anche la cover di “Black skinhead”, canzone del 2013 che contiene il verso “stop all that coon shit”. La parola finita nel merino del popolo del web è “coon” che viene utilizzata per offendere le persone di colore. Un significato di cui la band non era a conoscenza. Damiano, così, attraverso il proprio profilo Twitter, ha chiesto scusa a nome della band spiegando di non aver mai voluto offendere nessuno.

Le scuse di Damiano dei Maneskin per la cover di Kanye West

Informato della polemica che la cover ha scatenato sui social, Damiano dei Maneskin, con un post pubblicato sul suo profilo Twitter, ha chiesto scusa per l’accaduto. “Ho appena visto cos’è successo e voglio scusarmi profondamente per l’offesa che ho cantato nella canzone di Kanye qualche mese fa. Ho cambiato il resto del testo perché non volevo risultate offensivo. Non sapevo il significato di questa parola e non avrei mai detto qualcosa del genere intenzionalmente. So che ciò che ho fatto è sbagliato e mi voglio scusare con tutti voi. Avrei dovuto informarmi meglio su ciò che stavo cantando. Grazie per avermi fatto notare lo sbaglio” – ha scritto il frontman dei Maneskin. Poi, a nome anche di Victoria, Ethan e Thomas, ha concluso: “Ci scusiamo se abbiamo ferito o mancato di rispetto a qualcuno. Questa sarà una lezione per il futuro e faremo il nostro meglio per istruirci”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA