Daniela Molinari, rifiutata due volte dalla mamma/ “Ho un cancro ma non mi aiuta”

- Davide Giancristofaro Alberti

Daniela Molinari è stata abbandonata dalla mamma appena nata: ora le chiede il suo aiuto per curarsi da un cancro ma ha rifiutato

molinari daniela iceberg 2021 640x300
Daniela Molinari ad Iceberg

Decisamente scioccante il caso di Daniela Molinari, la 47enne di San Vittore Olona, in provincia di Milano, che sta morendo di cancro e che potrebbe essere salvata dalla madre con una cura sperimentale. Daniela Molinari è stata abbandonata appena nata, e nonostante dopo alcune ricerche sia stata rintracciata la donna, questi si è rifiutata di aiutare la figlia naturale, anche se la stessa potrebbe farlo in forma totalmente anonima.

Era l’unica cosa che non mi sarei mai aspettata – ha raccontato ospite della trasmissione di Telelombardia, Iceberg – mi aspettavo di tutto, sicuramente mi aspettavo difficoltà, sofferenza, dolore, ma che mi negasse una provetta di sangue prelevata in totale anonimato in quanto il tribunale di Milano è stato assolutamente disponibile in tal senso… Hanno proposto tutto, addirittura andarla a prendere in un luogo anonimo e di fare il prelievo in un tribunale e non in un laboratorio, poi di riportarla indietro senza che nessuno venisse a sapere nulla, e nonostante questa proposta lei ha detto no”. La madre di Daniela Molinari si è rifatta una vita: “Mi hanno detto che vive in un paesino attorno a Como, ha marito, figlio e nipoti, ha partorito quando aveva 19 anni quindi ora ne dovrebbe avere 66, abbastanza giovane, in buona salute, in grado di intendere e di volere”.

DANIELA MOLINARI: “UN RIFIUTO INSPIEGABILE UMANAMENTE”

“È inspiegabile questo rifiuto umanamente – ribadisce Daniela Molinari, in lacrime e visibilmente provata dalla malattia – è purtroppo legittimato da una legge che io non ho il tempo per poter combattere, ma che sicuramente è ingiusta così come è formulata, andrebbe corretta, legittima un’omissione di soccorso e potrebbe legittimare un omicidio”. E ancora: “Mi è stato detto che la gravidanza è stata negativa e che c’è ancora sofferenza in questo momento nel ricordare l’esperienza, le è stato offerto anche l’aiuto di un supporto per poter affrontare questa cosa. Tutti nella vita viviamo esperienze negative che prima o poi vengono al pettine, e c’è per tutti un momento in cui bisogna prendere in mano le proprie cose, elaborarle e cercare di trasformarle in qualcosa di utile”. Secondo Daniele Molinari, la madre dovrebbe mettersi una mano sul cuore: “Non si può po’ post-porre il proprio dolore alla vita di un’altra persona, la vita è un bene inalienabile, è protetta dalla costituzione. Questa notizia non l’ho ancora elaborata, è incomprensibile. Sogno questo corpo senza un volto che non fa nulla, fermo, è come se sognassi una fisicità senza un’anima”. Quindi Daniela conclude, affranta: “Sono molto stanca, manca il futuro, faccio molta fatica, viene spontaneo chiedersi come una persona possa vivere normalmente, negando la vita ad un altro pezzo di se, anche se non è più vicino, è comunque la vita di una persona, lo fanno gli animali, non riesco a farmene una ragione”. La donna ha chiesto aiuto anche ad un avvocato: “Mi sono rivolta ad un avvocato che è Fabio Sgembri (lo stesso di Olindo e Rosa Bazzi ndr) e stiamo cercando il modo per poter affrontare dal punto di vista legale questa situazione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA