Daniele Logli, figlio Antonio/ “Sono convinto che mio padre sia innocente”

- Davide Giancristofaro Alberti

Daniele Logli, figlio di Antonio, si racconta ai microfoni di Eleonora Daniele, in diretta su Rai Uno: “credo nell’innocenza di mio padre”

logli 2020 rai 622x300
Daniele Logli (Storie Italiane)

Daniele Logli è stato ospite negli studi di Storie Italiane, il programma di Rai Uno condotto da Eleonora Daniele. Daniele Logli è il figlio di Antonio, l’uomo attualmente in carcere perchè accusato dell’omicidio della moglie, Roberta Ragusa. Daniele ha ricevuto molte critiche sui social: “Perchè pensavano che volessi solo difendere mio padre – racconta lo stesso ragazzo parlando con la conduttrice – per la vicenda processuale, io ho deciso di parlare perchè ero convinto di quello che che stavo dicendo perchè erano cose accertate, e in secondo luogo, perchè è stato messo in discussione il bene che volessi a mia madre, una cosa molto terribile: si può scrivere tutto ma mettere in discussione il bene verso mia mamma mi sembra proprio fuori luogo, una cosa che mi ha ferito moltissimo, così come le critiche rivolte a mia sorella”. Daniele Logli ha aggiunto: “Mia madre era una mamma molto protettiva, voleva bene a me e mia sorella, dava il 110% per i propri figli, avevo un rapporto molto particolare con lei. Condividevamo molte cose, parlavamo di tutto, anche non solamente di scuola o delle cose che facevo durante il giorno, era una persona con cui parlavo e che faceva piacere parlare, è stata una mancanza da ogni punto di vista”.

DANIELE LOGLI: “MORTE DI MIA MADRE? O SI REAGISCE O SI VA A FONDO”

“Si può reagire – ha proseguito Daniele Logli – ma se una persona reagisce non vuole dire che non senta il dolore di fronte alla perdita. Le scelte sono due: o reagisci o affondi, e io ho scelto di reagire anche perchè lei stessa avrebbe voluto questo, sono sicuro”. Sull’innocenza di suo padre: “Si sono convinto della sua innocenza, secondo me ci sono state delle cose che andavano considerate in maniera differente. Cosa è successo a mia mamma? Mi sono fatto delle idee ma sinceramente non ho elementi, quindi non mi esprimo. Allontanamento volontario? Spero di no”. Il giornalista Biavardi, in collegamento: “Nel caso Ragusa, che è scomparsa, si sono pronunciati quasi 30 giudici e non voglio pensare che abbiano preso una strada così alla leggera. E poi, qual è l’ipotesi alternativa all’omicidio? Se ne è andata abbandonando i figli? C’è un voluminoso fascicolo processuale che mette insieme una serie di indizi concordanti e logici”. Sul rapporto con sua sorella Alessia, Daniele Logli ha concluso: “All’inizio è stata dura, ma siamo molto uniti, io mi son sentito di proteggerla un po’. Lei ora sta cercando di fare la modella, sta cercando di sfondare nel mondo dello spettacolo, e se è quello che vuole fare lei sono contento per lei”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA