DANTE E LA NATURA/ Lo spettacolo della terra e del cielo

- Fabrizio Piccarolo

Giovedì 21 ottobre, Fondazione Lombardia per l’Ambiente invita alla prima di due serate dedicate alla visione del poeta davanti alla natura e alle stelle

dante_alighieri_arte_michelino_lapresse_2011
Dante Alighieri e la Commedia raffigurati da Domenico di Michelino, 1465 (LaPresse)

La Natura e Dante, un rapporto tutto da esplorare, da scoprire e riguadagnare. Per questo Fondazione Lombardia per l’Ambiente ha organizzato giovedì 21 e giovedì 28 ottobre 2021 due incontri, per ritrovare il rapporto del Poeta con l’ambiente, il cielo e la terra. Due incontri che nascono nel contesto del ciclo di conferenze (gratuite, aperte al pubblico) Arte, Natura e Bellezza, dove dal 2015 la Fondazione prova a coniugare indagine scientifica con arte e cultura.

L’anniversario dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri ha dato infatti l’occasione per un omaggio in linea con la vocazione della Fondazione a diffondere cultura ed educazione ambientale. Con questo spirito nascono le due conferenze in calendario questo ottobre.

La prima, giovedì 21, vede protagonista uno scrittore e poeta, Davide Rondoni, chiamato a trattare il rapporto del Poeta con l’ambiente e la natura – tema messo al centro anche del suo più recente “Che cos’è la natura? Chiedetelo ai poeti”.

«Dante Alighieri è un uomo appassionato e ferito – spiega Rondoni, introducendo l’incontro – che cerca di spiegare com’è possibile che “amore muove il sole e le altre stelle”. Questo è un uomo attuale, che può insegnarci di nuovo, insieme a tanti altri poeti, cosa vuol dire avere a che fare con la Natura».

La seconda serata, giovedì 28 ottobre, sarà invece un astrofisico, Stefano Sandrelli, a raccontare il rapporto di Dante con le stelle.
«Dante – osserva Sandrelli – riesce a mettere nelle stesse terzine elementi scientifici e elementi di astrologia, elementi di cultura popolare e elementi di altissima filosofia e teologia. È proprio questa sintesi uno degli elementi che lo rendono così affascinante».

Con queste due serate la Fondazione offre così due occasioni uniche per gli amanti del Sommo Poeta come per gli appassionati di ambiente, per gli  studenti come per il pubblico più ampio; due opportunità per approfondire una visione del mondo e della natura più ampia, attraverso due punti di vista originali che aprono alla grandissima originalità di una delle personalità più ricche e profonde che la cultura universale abbia mai avuto.

Entrambi gli appuntamenti (con inizio alle 21.00) sono ospitati nella Sala Pio XII di Palazzo Schuster, in via sant’Antonio 5 a Milano, ad accesso gratuito prenotandosi a eventifla@flanet.org (fino ad esaurimento posti) con obbligo di green pass. Gli incontri sono in live streaming sul sito della Fondazione www.flanet.org – che con questi eventi inaugura la nuova veste grafica e di contenuto on line da questa settimana.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori