DARIA BIGNARDI/ “Con mia madre ho litigato tutta la vita, ma…”

- Hedda Hopper

Daria Bignardi a Verissimo, la scrittrice prestata alla tv: “Ho capito che la mia vita è la scrittura”. Ma come è diventata un personaggio pop?

daria_bignardi_facebook_2018
Daria Bignardi (Facebook)

Daria Bignardi si racconta a cuore aperto nello studio di Verissimo da Silvia Toffanin. A 15 anni di distanza dall’ultima volta in Mediaset, la giornalista e conduttrice racconta: “sto bene, bisogna impegnarsi a stare bene. Quando ero ragazza tendevo al dark, tra l’ombra e la luce sceglievo l’ombra, ma ho imparato che è meglio la luce. Sono stata 10 anni a Mediaset, ero incinta di mio figlio Ludovico, ho un sacco di problemi bellissimi”. Dalla tv alla passione per la scrittura nata molto presto: “ho scritto un romanzo a sette anni, era un romanzo di otto pagine. Chissà che cosa mi passava per la testa, era la storia di un ragazzo che veniva lasciato dalla sua fidanzata.. “Non vi lascerò orfani” è stato il mio primo romanzo nato dopo la morte di mia madre. Quando tu perdi qualcuno, come nel caso io con mia madre che ho litigato tutta la vita, è un vuoto incolmabile e quello che rimane è un grande amore. Oggi pensando a mia madre e mio padre ho un sentimento di gratitudine, ma sono stata amata, male, ma sono stata amata. Ancora oggi ho a che fare con quell’ombra, nel mio ultimo libro parlo di abbandono e non avrei potuto scrivere quella storia se non avessi avuto quella impronta da parte di mia madre”. La Bignardi parlando poi d’amore non nasconde: “non so se ho imparato ad amare. L’amore è un enigma e questo lo fa essere una cosa meravigliosa”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Daria Bignardi a Verissimo, la scrittrice prestata alla tv: “Ho capito che la mia vita è la scrittura”

Daria Bignardi ha ormai trovato la sua strada confermando di essere una scrittrice che si presta a fare la conduttrice e la giornalista ma mai il contrario perché, ormai giunta al suo sesto romanzo, ha sicuramente capito che l’unica cosa di cui non può fare a meno è proprio la scrittura. In questi giorni sta presentando il suo nuovo romanzo “Oggi faccio azzurro” e oggi sarà a Verissimo, nel salotto di Silvia Toffanin, per fare lo stesso, parlando della sua vita e di come sono cambiate per lei le cose nel corso della vita tra malattie, successi e ritorni in tv. Proprio in queste settimane si è chiusa l’edizione de L’Assedio e il suo resoconto alla fine è sempre positivo, ma cosa ha fatto Daria Bignardi e perché è nota al grande pubblico? Anche in questo caso quello che è successo è quella che possiamo definire una contaminazione, visto che la giornalista, classe 1961, è diventata pop quando ha tenuto le redini del primo esperimento social del Grande Fratello.

Com’è diventata un personaggio pop Daria Bignardi?

Daria Bignardi ha studiato al Liceo Ariosto di Ferrara, ha studiato poi al DAMS e dopo un periodo di studio e lavoro a Londra, torna a Milano dove inizia a collaborare per Panorama e alla fine degli anni ’80 diventa giornalista professionista ed esordisce in TV agli inizi su Rai 3 collaborando con Gad Lerner. Qualche anno dopo, arriva il passaggio a Mediaset ed ecco che la giornalista lascia il posto nelle retrovie per piazzarsi davanti alla telecamera per presentare una  serie di talk e, infine, nel 2000, proprio la prima edizione del Grande Fratello. E’ in quel momento che Daria Bignardi diventa un personaggio pop che i ragazzi di quella generazione non hanno mai dimenticato. Nonostante il successo non ha mai smesso di scrivere, è passata in radio e ha continuato il suo percorso in tv. Nel 2004 lascia le reti Mediaset per passare a LA7 e poi va con il talk show Le invasioni barbariche, altro programma di successo, fino a L’Assedio. Cosa racconterà di lei oggi pomeriggio a Verissimo?

© RIPRODUZIONE RISERVATA