DAVID DI DONATELLO 2020/ Le pagelle: ‘Il traditore’ vince ‘tutto’ meritatamente

- Rossella Pastore

David di Donatello 2020, le pagelle: ‘Il traditore’ di Marco Bellocchio fa incetta di premi. Buon risultato anche per Trinca e Favino.

David di Donatello
La cerimonia di premiazione dei David di Donatello è andata in onda su Rai1

Quello de Il traditore ai David di Donatello 2020 è stato un vero e proprio trionfo. Con ben 6 statuette conquistate, il film di Marco Bellocchio ha praticamente conquistato un nuovo record. Bellocchio – distintosi anche come Miglior regista – ne ha parlato come di una ‘vittoria collettiva’: chi merita il premio, sostiene, è tutta la squadra che ha concorso alla realizzazione della pellicola. Queste le parole del maestro: “Sono tutti quelli che hanno lavorato al film, che hanno vinto. Io li rappresento, però hanno vinto tutti”. Bellocchio conclude il discorso con una nota filosofica: “È chiaro che la gloria passa. Mi ha molto colpito quella galleria che avete proposto con gli artisti morti quest’anno. Dico che si deve cercare di vivere al meglio la propria vita, senza perdere tempo”. Film a parte, il regista è proprio piacevole da ascoltare. Voto: 8.

Gli attori ‘protagonisti’ del David di Donatello 2020

Sono 6 le statuette conquistate in tutto dal Traditore di Marco Bellocchio. Tra queste, anche il premio Miglior attore protagonista a Pierfrancesco Favino per la sua interpretazione del pentito Tommaso Buscetta. Bello il suo discorso sull’importanza e la necessità degli aiuti al mondo del cinema, in questo periodo di emergenza legato alla pandemia di Coronavirus. In particolare, l’attore ha parlato di un incontro casuale avuto per strada con una vecchietta, la quale gli ha chiesto di tornare al più presto a ‘trovarla’. La signora intendeva in televisione, una sorta di ‘scatola dei sogni’ che tale si è rivelata soprattutto in questo periodo particolare. Voto: 7. Intenerisce il ringraziamento di Luigi Lo Cascio, Miglior attore non protagonista, con annessa incursione da parte dei figli piccoli. Voto: 8. Anche l’intervento di Jasmine Trinca, Miglior attrice protagonista, prevede l’entrata in scena di una piccola ‘co-protagonista’: è Elsa, la sua bambina. Momenti inediti e certamente impossibili da vivere su di un palco canonico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA