Davide Rossi, figlio Vasco a processo/ “Omissione di soccorso? Ci siamo fermati e…”

- Silvana Palazzo

Davide Rossi, figlio di Vasco a processo per omissione di soccorso: “Ci siamo fermati”. L’amico è accusato di favoreggiamento: lo ha coperto dicendo che era lui alla guida dell’auto?

davide rossi 2019 instagram
Davide Rossi (Foto: Instagram)

Via al processo per Davide Rossi, figlio del cantante Vasco. È imputato per lesioni personali gravi e omissione di soccorso stradale per un incidente che risale al 2016. Intervenuto davanti al giudice monocratico, ha respinto le accuse: «Ci siamo fermati, siamo scesi dalla macchina e abbiamo chiesto alle ragazze nell’altra auto se fosse tutto a posto e loro ci hanno risposto di sì». L’incidente avvenne nelle strade del quartiere Balduina, a Roma. A bordo dell’auto dell’attore 34enne c’era un suo amico, che sostiene di essere stato lui alla guida del volante, e una ragazza. «Ho detto al mio amico di fare la constatazione amichevole e me ne sono andato con la ragazza perché era molto scossa dall’incidente», ha proseguito. Il figlio del rocker ha poi spiegato che era tranquillo, in quanto sapeva che stavano compilando il Cid. Proprio a proposito del padre ha voluto chiarire: «Non navigo nell’oro e non ho un lavoro stabile. I giornali hanno scritto cose allucinanti su di me, ma mi prendo pregi e difetti di essere figlio di Vasco».

DAVDE ROSSI, FIGLIO DI VASCO A PROCESSO CON L’AMICO

Nel corso dell’udienza oggi è stato sentito anche l’amico di Davide Rossi che era in auto, difeso dall’avvocato Fabrizio Consiglio. «Non sapevo di avere la patente scaduta da 4 mesi, l’ho scoperto dopo», ha dichiarato davanti al giudice monocratico. L’amico Simone Spadone, coetaneo, però deve difendersi dal reato di favoreggiamento perché, come riportato dal Corriere della Sera, gli inquirenti ritengono che abbia provato a togliere dai guai il figlio di Vasco Rossi, assumendosi quindi la responsabilità del sinistro, anche se quella notte non era alla guida dell’auto. Secondo il pm Rossi jr stava procedendo a velocità sostenuta, finendo per oltrepassare lo stop senza dare la precedenza, per lui obbligatoria. Quindi sarebbe finito sull’altra macchina con due ragazze a bordo. Una riporta solo un trauma al collo, l’altra una frattura di una costola. Ma anziché aiutarle Davide Rossi e gli amici se ne sarebbero andati in tutta fretta. Inoltre, le ragazze sostengono che era il figlio di Vasco Rossi alla guida. Ma per il suo difensore la vicenda è meno complicata di quel che sembra: «È nata da un fraintendimento dovuto alla concitazione di quei momenti», ha dichiarato l’avvocato Fabrizio Consiglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA