Denise Pipitone, inchiesta riaperta?/ Ex maresciallo “superficialità nelle indagini”

- Emanuela Longo

Caso Denise Pipitone a Ore 14: intervista all’ex maresciallo che indagò tra i primi. Riproposto l’interrogatorio choc a Della Chiave

denise pipitone ore 14 640x300
Denise Pipitone, il caso a Ore 14

Milo Infante e la trasmissione Ore 14 sono tornati anche oggi ad occuparsi del caso di Denise Pipitone. Tante le novità che in apertura ha anticipato il conduttore e giornalista: rompe il silenzio un ex maresciallo dei Carabinieri che indagò sul caso. Nuova segnalazione da Milano che riguarda un tassello importantissimo della vicenda. In attesa della conferma ufficiale, inoltre, il conduttore ha aggiunto che sarebbero state riaperte le indagini sulla sparizione della piccola Denise. Si parte subito dall’intervista al maresciallo Francesco Lombardo che seguì dal terzo giorno le indagini sulla scomparsa di Denise. “Probabilmente è stata causata forse per superficialità e leggerezza che poi purtroppo abbiamo rilevato più avanti nelle indagini”, ha esordito il maresciallo. A suo dire, “la famiglia Corona era avvezza a problemi con la giustizia che avevamo già subito intercettazioni a casa per altre questioni”. Per questo, dice, avrebbero sin da subito compreso che sarebbero stati intercettati. Fu lui ad accorgersi di alcune anomalie, tra cui la firma di Anna Corona e gli orari, “apposti dalla collega”.

Nel corso della trasmissione è stato trasmesso anche l’interrogatorio all’uomo audioleso, Battista Della Chiave, colui che sostiene di aver visto la bambina, che riconosce essere Denise Pipitone, in braccio a suo nipote. La persona che lo interroga è l’allora magistrato. L’interprete della lingua dei segni resta in quel caso in silenzio: “questa è la modalità dell’interrogatorio”, dice Infante. “E’ sconfortante”, ha commentato la criminologa Roberta Bruzzone.

DENISE PIPITONE, INTERROGATORIO A BATTISTA DELLA CHIAVE

L’impressione del conduttore di Ore 14 è che nessuno dei due – nè il magistrato, nè l’interprete – capisse nulla di quanto il testimone tentasse di riferire in merito alla sparizione di Denise Pipitone. Durante l’interrogatorio sarebbe giunta anche la moglie dell’uomo che avrebbe convinto il magistrato del fatto che il marito non avesse compreso nulla. A quel punto Battista avrebbe detto di non voler più parlare. Nel filmato viene mostrato anche il momento in cui, durante l’interrogatorio a Della Chiave sarebbero state piazzate le cimici proprio sotto gli occhi dell’interrogato. Piera Maggio, mamma di Denise Pipitone, ha scritto alla trasmissione: “Mi ha colpito il fatto… intanto al momento del sequestro Denise indossava un pantaloncino arancione e una canottiera con i bordi arancioni. Hanno rovinato tutto”. L’avvocato Frazzitta ha aggiunto: “Mi auguro che si apra commissione d’inchiesta. Sono stato indagato io da questi pm. Ma quando mai un interrogatorio viene condotto con la moglie, e se il testimone dice che non vuole parlare si interrompe tutto?”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA