Denise Pipitone, spunta nuovo testimone/ “L’ho vista in un autogrill del Marocco”

- Dario D'Angelo

Denise Pipitone, un nuovo testimone a Quarto Grado racconta di aver visto la piccola di Mazara del Vallo in Marocco insieme ad una donna siciliana…

denise pipitone chi lha visto 640x300
Denise Pipitone, Age Progression 2021

Io sono convinto di aver visto Denise Pipitone nel 2004 in un autogrill in Marocco“. A pronunciare questa frase è Alberto Fraese D’Amato, presunto testimone del giallo di Mazara del Vallo intervistato in esclusiva da Quarto Grado. Sentito dalla trasmissione di Gianluigi Nuzzi, l’uomo ha raccontato di essersi trovato in compagnia di alcuni amici nel Paese nordafricano. Era il 4 settembre del 2004, ovvero 3 giorni dopo della piccola: “La bambina era in compagnia di una donna marocchina“, racconta il testimone, “e di una donna siciliana: tutte e due avevano il velo“. Fraese D’Amato specifica di non essere nuovo a viaggi in Marocco, condizione che lo avrebbe messo in grado di comprendere le parole pronunciate dalla donna marocchina all’indirizzo del tassista, che si era fermato per un posto di blocco. La donna, secondo il racconto del testimone, avrebbe chiesto al conducente di richiamarli una volta che la polizia fosse andata via. Solo a quel punto sarebbero ripartiti per la città di Beni Mellal.

Denise Pipitone, spunta nuovo testimone: “L’ho vista in un autogrill del Marocco”

L’uomo prosegue nel suo racconto: “La bambina era tranquilla, la tenevano per mano. Sono entrati in questo bar a bere qualcosa. L’albergo che avevamo noi era a 100/150 metri di distanza dal locale. Ho pensato di andare in albergo, di prendere la macchina fotografica e fare la foto al tassista, alla marocchina, alla siciliana tutti insieme. Però quando sono tornato con la macchina fotografica dov’erano loro erano già andati via, non c’erano più. La bambina non poteva avere più di 4 anni. Aveva due codini, un segnettino sul volto, l’ho vista a due metri di distanza. Ancora adesso posso dire che era Denise“. Fraese D’Amato ha aggiunto di aver denunciato il tutto alle autorit, ma senza esito: “Quando siamo tornati all’aeroporto di Malpensa abbiamo fatto la denuncia, abbiamo detto di aver visto questa bambina. Tutti e 3 abbiamo firmato e non si è mai saputo niente. Un’altra denuncia l’ho fatta alla stazione della polizia di Gallarate nel 2019“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA