Dia de los Muertos/ Giorno dei morti in Messico: visite cimitero, tradizioni e usanze

- Valentina Gambino

Dia de los Muertos: cibo, altari e usanze particolari della festa dei morti che si celebra in Messico, tutte le curiosità.

Dia de los Muertos 2
Guanajuato, Mexico - January 12, 2019: Portrait of a woman with beautiful Day of the Dead themed costumes and skull makeup on the streets of Guanajuato, Mexico.
Pubblicità

Il giorno dei morti in Messico celebra la vita onorando i defunti. Dia de los Muertos ha usi e costumi particolari per una tradizione radicata fin dall’epoca pre-ispanica, benché oggi si assorbano anche elementi di cattolicesimo e pure moderni. In Messico, il giorno dei morti viene celebrato per due giorni. Il 1 ° novembre, chiamato Ognissanti, è quando arrivano gli spiriti dei bambini e il 2 novembre si celebra il Giorno dei morti, quando arrivano gli adulti. La morte è stata in tutte le culture e nel corso del tempo, un evento che invita alla riflessione, ai rituali, alle cerimonie, alla ricerca di risposte, che provoca paura, ammirazione e incertezza. Le culture pre-ispaniche avevano la convinzione radicata che potesse esistere un’entità immortale in grado di regalare coscienza all’essere umano, anche dopo la sua morte. Proprio per il suo percorso nell’aldilà (ancora “attivo”), si avrà ancora bisogno di utensili, strumenti e cibo per la “sopravvivenza”. Le origini della celebrazione del Giorno dei Morti in Messico risalgono al tempo degli indigeni della Mesoamerica, come gli Aztechi, i Maya, i Purepecha, i Nahuas e i Totonacas.

Pubblicità

Dia de los Muertos: cibo, altari e usanze particolari

L’elemento più indicativo della festa del Giorno dei Morti in Messico sono gli altari con le loro offerte, una rappresentazione particolare del trapasso, ricchissimo di allegorie e significati. Nei luoghi in cui la tradizione è più consolidata, gli altari iniziano a prendere forma il 28 ottobre e raggiungono l’apice il 2 novembre. È comune per il primo giorno bruciare una candela e posizionarla accanto ad un fiore bianco; il giorno successivo viene aggiunta un’altra candela e così via, offrendo ancora dell’acqua ma anche del cibo: dal pane bianco fino al cioccolato, il mandarino, l’arancia, la mela e la zucca. Nel giorno principale della festa verrà dato in dono anche il cibo preferito del defunto e alcuni alcolici come tequila, mezcal (distillato messicano ottenuto dalla pianta dell’agave) e birra. L’elemento che non manca in nessuno di questi giorni è il copale. Ma come sono organizzati gli altari dei morti? Tradizionalmente hanno livelli e, a seconda delle usanze familiari, vengono usati due, tre o sette di questi. Gli altari a due livelli, i più comuni oggi, rappresentano la divisione del cielo e della terra; quelli di tre livelli rappresentano il cielo, la terra e gli inferi, nonostante possano anche essere indicati come elementi della Santissima Trinità.

Pubblicità

Offerte per i defunti e visita al cimitero

Nelle offerte l’acqua non può mai mancare, la fonte della vita, poiché è indispensabile calmare la sete del visitatore dopo il suo lungo viaggio. Altro elemento essenziale è il sale che tradizionalmente servirà per la purificazione. Il pane dei morti possiede, invece, un doppio significato. Da un lato, rappresenta la croce di Cristo; dall’altro, le strisce sulla sua corteccia rappresentano ossa e sesamo e lacrime delle anime che non hanno trovato riposo. Durante questa giornata di festa e vacanza, è obbligatorio visitare le tombe dei defunti per pulirli e onorarli con fiori e candele. Questa visita è un altro esempio della ricchezza e della diversità della tradizione, perché in alcuni luoghi è abitudine fare un’offerta sulla tomba e passare la notte lì insieme a tutta la famiglia. Non mancheranno le preghiere così come la musica. La celebrazione del Giorno dei Morti varia da regione a regione, da città a città, ma hanno tutti un principio comune: la famiglia si riunisce per accogliere le anime, posizionare gli altari e le offerte, visitare il cimitero e sistemare le tombe, salutare i visitatori e sedersi al tavolo per condividere il cibo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità