DIABLO DOMINIQUE CHILLÈ DIOUF/ Un Battisti rap (#TeamMorgan, The Voice 2019)

- Matteo Fantozzi

Diablo, Dominique Chillé Diouf, a The Voice of Italy 2019 nel #TeamMorgan ha già conquistato tutti, vola in semifinale grazie a una bella versione rap di Lucio Battisti.

Diablo
Diablo nel Team Morgan a The Voice of Italy 2019

Cosa succederà alla Ragazza è il brano con cui si sfidano Diablo e Violet alle battle di The Voice of Italy. Morgan decide di mandare in semifinale Diablo: “Sei gentile e potrai insegnarlo anche a me”. Il coach specifica: “Si tratta di una canzone di un Lucio Battisti diverso, che è molto attuale e che fa riflettere anzi fa quasi orrore“. Eletta Lamborghini dopo la prova risponde: “Come mettere due ragazzi alla prova by Morgan. Devo fare i complimenti a questi due ragazzi perché era difficilissimo. Sono stati davvero bravi”. Gue Pequeno anche nota la mano del maestro: “La follia di Morgan si vede, sono artisti di Serie A con la a maiuscola”. Gigi D’Alessio però sottolinea: “Non sono d’accordo a prendere due ragazzi e fargli fare un esperimento del genere. Morgan ha superato Morgan. Questa canzone ha un ritornello che si muove su una nota sola”. Sono stati veramente bravi entrambi e per Morgan hanno retto emotivamente. Gigi ha apprezzato molto la parte rap e anche Gue si unisce al coro. La prova è stata molto complicata, ma Gigi attacca ancora: “Questa è stata una grandissima furbata perché la gente poi apprezza l’esibizione. Bravo, sei stato furbo”. Diablo alla fine ringrazia: “Sono felice che Morgan ci ha fatto dire la nostra parola con il rap, questo è importante perché siamo giovani”. (agg. di Matteo Fantozzi)

Passato difficile

Dominique Chillé Diouf, noto come Diablo, è un giovane diciottenne tra i protagonisti di The Voice of Italy 2019 nel team di Morgan. Pur essendo nato a Roma vive a Cervasca, un piccolo paese in provincia di Cuneo. Ha partecipato alle blind audition del programma televisivo con esito positivo. Si è presentato, però, ai quattro giudici del Talent di Rai 2 come Diablo, il suo nome d’arte. Come quasi tutti i giovani della sua età, Diablo vive con la madre e con un fratello minore di 14 anni; il padre, invece, Dominique non l’ha mai conosciuto, pur vivendo con lui l’altro fratellino: i genitori, infatti, si sono separati prima della sua nascita. La sua passione è naturalmente la musica e per questo ha abbandonato gli studi prima di diplomarsi ed è attualmente disoccupato, nella speranza di poter fare della musica il suo lavoro a tempo indeterminato, anche se nel frattempo si dedica comunque a svolgere lavori saltuari per non pesare troppo sulla madre.

I suoi ormai già numerosi fan lo accostano all’amatissimo Capo Plaza e chissà se non riuscirà a raggiungere lo stesso successo: quel che è certo che ha già numerosi pezzi inediti pronti, oltre a Baby portato sul palco di The Voice. Quello che infatti ha affermato riguardo alla sua esigenza di scrivere è chiarissimo: “La musica, quando la tiri fuori, non è che lo fai per spaccare, per diventare famoso o ricco. Se alla gente piace sei fortunato, ma prima deve piacere a te. Devi dire quello che senti per farlo sentire agli altri. Il mio obiettivo è che gli altri capiscano me e la mia musica. Il mio sogno è farmi ascoltare, che sia con la musica adesso o che sia un giorno con il ballo, comunque con qualcos’altro di artistico“. E con queste parole è abbastanza evidente il valore immenso che Diablo riserva alla musica nella sua vita, si potrebbe quasi dire che è stata la sua salvezza.

Diablo, un passato difficile

Il suo nome d’arte, Diablo, è specchio del suo animo tormentato e del suo passato abbastanza difficile: nonostante questo però durante le prime audizioni di The Voice of Italy 2019, il giovane ha conquistato tutti e quattro i giudici, che si sono prontamente girati per guardarlo in viso: la particolarità delle blind audition sappiamo essere quella che i concorrenti in gara non possono essere visti durante l’esibizione e devono riuscire a conquistare ognuno dei quattro personaggi seduti sulle poltrone girevoli. Dominique ha conquistato subito Guè Pequeno ed Elettra Lamborghini, naturalmente per affinità di genere avendo lui portato un suo inedito rap dal titolo Baby, ma subito dopo ha ottenuto l’appoggio anche dei meno prevedibili Gigi D’Alessio e Morgan. Proprio quest’ultimo poi, deludendo tutte le aspettative dei due giudici più giovani e assolutamente in maniera inaspettata (forse aiutato dal blocco ricevuto dal giudice rapper del programma e quindi dall’impossibilità di scegliere lui), è riuscito a conquistare il cuore di Diablo e a farlo entrare nel suo team. Clicca qui per il video della sua prima esibizione.

Diablo, così nell’ultima puntata

Durante la quinta puntata di The Voice of Italy, poi, ogni giudice ha dovuto diminuire il numero di talenti all’interno del suo team e passare da quattordici talenti a soli sei. Diablo però, dopo aver sentito il racconto di Morgan che riguardava il padre e la sua infanzia, è riuscito a scampare anche questa selezione e a candidarsi ufficialmente per le battle che andranno in onda il 28 maggio su Rai 2 sempre in prima serata. I concorrenti in gara sono stati ascoltati dai giudici in gruppi da tre o quattro e il giovane Dominique è passato insieme ai colleghi Elisa, Matteo, Viola, Erica e Naive.

Insomma, la carriera di Diablo è ufficialmente cominciata ed è passato in pochissimo tempo dall’essere il bambino che ballava e cantava Michael Jackson nei filmini di famiglia, a decine di migliaia di visualizzazioni su youtube. Non è stato però tutto così semplice, come in ogni cosa, sono serviti al diciottenne di Cervasca determinazione ed impegno: egli ha studiato inizialmente solfeggio, chitarra elettrica e pianoforte e si è dedicato al rap solo in età più adulta ascoltando artisti come Eminem, Kanye West e Lil Wayne o gli italiani Gemitaiz, Salmo, Fabri Fibra e lo stesso giudice che lo desiderava nel suo team Guè Pequeno.

Il video della prima esibizione



© RIPRODUZIONE RISERVATA