Die Hard – Un buon giorno per morire/ Film su Rete 4, il ritorno di John McClane

- Davide Giancristofaro Alberti

John McClane di nuovo in azione nel capitolo del 2012 di Die Hard “Un buon giorno per morire”: scopriamo insieme trama e curiosità

die hard 2019 film 640x300
Die Hard - Un buon giorno per morire

Il film Die Hard – Un buon giorno per morire andrà in onda sabato 17 ottobre alle ore 21 e 20, nella prima serata di Rete 4. Si tratta di una pellicola di genere thriller parte di una saga diretta da John Moore e interpretata da Bruce Willis. Questo film è stato girato nel 2012. Gli interpreti principali, alcuni già visti nei film precedenti, sono Bruce Willis, che interpreta per la quinta volta i panni di John McClane, Jai Courtney in John McClane Jr., Cole Hauser che interpreta Collins, Sebastian Koch in Yuri Komarov, Julija Snigir la bella e letale Irina Komarov, Radivoje Bukvić nei panni di Alik e Amaury Nolasco in Murphy. Le musiche sono state realizzate da Marco Beltrami.

DIE HARD – UN BUON GIORNO PER MORIRE, LA TRAMA

La trama di Die Hard – Un buon giorno per morire. Il protagonista John Mclane parte ala volta della Russia per ricercare il figlio, arrestato con l’accusa di omicidio. Tra i due non scorre buon sangue, Jack e il padre non si parlano da tempo. L’uomo è però venuto a sapere del suo arresto, e senza pensarci due volte parte per salvarlo. Non appena arriva in città ha chiaro fin da subito che l’arresto in realtà è stata causato da qualcosa di molto più grosso. Jack in realtà è un agente della CIA che cerca di spodestare coloro che sono al potere per evitare che un oligarchia conquisti il potere, scatenando una temibile guerra con gli Stati Uniti. Il ragazzo lavorava in Russia insieme ad un ex trafficante, che dopo i disaccordi con l’Ucraina si è convinto a collaborare con gli americani per salvare il Paese. In Die Hard – Un buon giorno per morire padre e figlio decidono di mettere da parte l’ascia di guerra e lavorare insieme per liberarsi dai guai e raggiungere finalmente gli Stati Uniti lasciando il paese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA