Diodato/ Protagonista della docu-serie “Storie di un’altra estate” (Che tempo che fa)

- Alessandro Nidi

Diodato ospite a “Che tempo che fa”, nel salotto televisivo di Fabio Fazio: il vincitore di Sanremo e degli MTV EMAS si racconta

diodato finale sanremo2020 640x300
Diodato

Diodato, all’anagrafe Antonio Diodato, sarà ospite questa sera della trasmissione “Che tempo che fa”, condotta da Fabio Fazio e in occasione della quale, con ogni probabilità, il vincitore del Festival di Sanremo 2020 parlerà della docu-serie “Storie di un’altra estate”, disponibile proprio da oggi su RaiPlay. Si tratta di un prodotto audiovisivo realizzato per raccogliere le sensazioni e le emozioni provate e percepite durante i concerti estivi. “Io ho una passione per la bellezza, e la cerco ovunque, anche nei momenti più bui – ha raccontato l’artista –. Credo sia importante condividerla. Per questo ho deciso di provare a raccontare tutta la bellezza che ho incontrato attraverso le ‘Storie di un’altra estate'”. Insieme a lui, nel format, figureranno, Daniele Luchetti, Ferzan Ozpetek, Michele Riondino, Manuel Agnelli e Rodrigo D’Erasmo, che saranno a loro volta protagonisti di un “pezzo” di strada condiviso con Diodato, autentico protagonista di questa docu-serie.

DIODATO E IL SUO NUOVO SINGOLO “FINO A FARCI SCOMPARIRE”

Peraltro, Diodato ha recentemente rilasciato il suo nuovo singolo, in rotazione radiofonica da venerdì 20 novembre. Si intitola “Fino a farci scomparire” ed è contenuto nel quarto album di inediti “Che vita meravigliosa”, già certificato Disco d’Oro. Una canzone che rispecchia i canoni tipici dell’estensione vocale e delle sonorità tipiche dell’artista tarantino, che non ne è soltanto l’interprete, ma anche l’autore, avendolo scritto di suo pugno. Un singolo delicato, che si apre con le sensazioni di rassegnazione e desolazione tipiche di una storia d’amore conclusasi da poco e con i ricordi di un passato felice che ora come ora appare irraggiungibile e lontano anni luce, per poi arrivare, in un crescendo emozionale riscontrabile nelle varie strofe, a individuare la ragione di tutto, che dà un senso a questa sofferenza temporanea e quasi la giustifica, aiutando così chi la vive a comprenderla e ad accettarla. “Fino a farci scomparire” descrive, di fatto, l’amore in tutta la sua grandezza, portando chi la ascolta a percepire l’enorme valore di un sentimento condiviso e ricambiato.

DIODATO E LA VITTORIA AGLI MTV EMAS

Questo 2020, per quanto anomalo e doloroso a causa della dilagante pandemia di Coronavirus che sta ammorbando l’intero orbe terracqueo, si è rivelato foriero di importanti soddisfazioni per Diodato, che non ha soltanto vinto il Festival di Sanremo (con annessi Premio della Critica “Mia Martini” e Premio Sala Stampa Radio Tv e Web), ma ha anche conseguito il Premio Lunezia, il David di Donatello, i Nastri d’Argento 2020 e il Ciak d’Oro del pubblico. Un en plein privo di eguali, che rappresenta un primato assoluto, impreziosito dal successo agli MTV EMAS, dove si è aggiudicato il “Best Italian Act”, superando i suoi connazionali “rivali” Elettra Lamborghini, Random, Irama e Levante (sua ex fidanzata). Come se non bastasse, Diodato ha anche ottenuto il doppio Disco di Platino per “Fai Rumore”, il brano con il quale ha trionfato in occasione della kermesse canora in landa matuziana e che, di fatto, ha inaugurato il suo anno meraviglioso. Questa sera, a “Che tempo che fa”, ci sarà sicuramente spazio per questi e per molte altre questioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA