DIRETTA/ Armenia Bosnia (risultato finale 4-2): show di Mkhitaryan, impresa armena!

- Fabio Belli

Diretta Armenia Bosnia (risultato live 0-0): streaming video e tv, al via il match valevole per la sesta giornata delle qualificazioni agli Europei 2020.

Pjanic Bosnia
Miralem Pjanic (Foto LaPresse)

DIRETTA ARMENIA BOSNIA (4-2): SHOW DI MKHITARYAN, IMPRESA ARMENA!

Succede di tutto nel secondo tempo allo stadio di Erevan dove l’Armenia dà vita a un fantastico secondo tempo contro al Bosnia e con Mkitharyan che sale letteralmente in cattedra: infatti dopo un ottimo avvio e due palle gol a riportare i rosso in vantaggio è proprio il trequartista da poco approdato alla Roma, siglando la sua doppietta personale al minuto 66 e facendo esplodere il pubblico di casa: 2-1 e Armenia che torna a sognare! Ma anche stavolta, come nei primi 45’, il vantaggio dura poco: passano solo quattro giri di orologio e al minuto 70’ gli ospiti pervengono al pareggio: il merito è della mezzapunta Gojak che ben imbeccato batte per la seconda volta Ayrapetyan e smorza gli entusiasmi armeni: 2-2 e gara che può decidersi in un senso o nell’altro. Ma i padroni di casa e hanno una marcia in più e sfondano sistematicamente sulle fasce: e al minuto 77 una incursione dalla sinistra ancora di Mkhitaryan premia il terzino accorrente sulla fascia destra che da posizione defilata ribadisce in rete di potenza: gol di Hambardzumyan e 3-2 per l’Armenia che torna avanti in questo finale! Da lì comincia l’assedio della Bosnia che nell’ultimo quarto d’ora si riversa in avanti e va due volte vicina alla rete: addirittura al minuto 85 è il portiere Arapetyan che si erge a ero quando Dzeko mette in mezzo e da due passi Besic, a colpo sicuro, trova la miracolosa opposizione del numero uno di casa. Nei sei minuti di recupero concessi dal direttore di gara, a parte qualche brivido (un pericoloso tiro di Gojak deviato in angolo), non succede più nulla e anzi arriva pure il poker che chiude i giochi: con la Bosnia che assedia, ecco il blitz armeno col difensore ospite Loncar protagonista di un’autorete che da partire la festa. 4-2 e grande prova dell’Armenia che conferma quanto di buono si era visto contro l’Italia, batte la Bosnia e con questi tre punti sale a quota 9 e supera proprio i balcanici che restano a 7! (agg. di R. G. Flore)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE LA PARTITA

Armenia Bosnia di questa domenica 8 settembre 2019 non si potrà seguire in diretta tv sui canali in chiaro o a pagamento, sul digitale terrestre o sul satellite, che non trasmetteranno il match, né ci sarà la possibilità di vedere la partita in diretta streaming video via internet: aggiornamenti in tempo reale potranno comunque essere seguiti sul sito uefa.com, che offrirà i live e la diretta testuale di tutte le partite di qualificazione a Euro 2020.

ADAMYAN SFIORA IL GOL!

Al “Republica Stadium” di Erevan ha da poco preso il via il secondo tempo della sfida tra Armenia e Bosnia, valevole per il girone J delle Qualificazioni e a Euro 2020. Dopo il primo tempo, terminato sul punteggio di 1-1 grazie alle reti dei romanisti Mkhitaryan e Dzeko, il gioco riprende con gli stesi effetti dei primi 45’ e dunque senza cambi: pronti, via e i rossi di casa si rendono subito pericolosi pur non riuscendo a concludere al meglio dalle parti del numero uno ospite Sehic. E al minuto 49 gli armeni si ripetono con il numero 11 di casa, Barseghyan, che conclude da fuori di potenza ma trova ancora la replica di Sehic: passano due soli giri di orologio e la conclusione liftata a giro di Adamyan sfiora il palo con l’estremo difensore bosniaco immobile. L’impianto della capitale armena è una bolgia e crede all’impresa che proietterebbe in alto in classifica i propri beniamini, già vicini al colpaccio grosso contro l’Italia. (agg. di R. G. Flore)

GOL DEL PAREGGIO DI DZEKO!

Il vantaggio lampo dell’Armenia sulla Bosnia accende il pubblico presente allo stadio di Erevan ma… pure la Bosnia che si riversa immediatamente in attacco per cercare il pareggio e dà vita a un primo tempo di fuoco e fiamme in cui il romanista Dzeko e il suo ex sodale Pjanic mettono in ambasce la difesa di casa. E non è un caso che a siglare già al 13’ la rete del pari, replicando al neo giallorosso Mkhitaryan, è proprio Dzeko che sfrutta bene un suggerimento e batte Ayrapetyan: 1-1 e pareggia la Bosnia che rimette subito in linea di galleggiamento la barca. Tuttavia nella mezzora di primo tempo successiva il risultato non cambia più anche se oramai l’Armenia agisce solo di rimessa mentre sono gli ospiti ad andare due volte vicini alla rete del sorpasso, al di là delle diverse perdite di tempo e del clima agonistico che spezzetta continuamente il gioco: è il caso della punizione battuta da Pjanic nel finale e che dà al pubblico l’illusione, pardon il brivido del gol con la sfera che però accarezza solo la parte esterna della rete. E dopo soli 60 secondi di recupero il direttore di gara manda tutti nello spogliatoio per l’intervallo, con la certezza che ci attendono altri 45’ in cui può succedere di tutto. (agg. di R. G. Flore)

GOL LAMPO DI MKHITARYAN AL 3′!

Allo stadio “Repubblicano di Vazgen Sargsya” della capitale Erevan va oggi in scena il match che vede contrapposta l’Armenia, reduce dalla discussa sconfitta contro l’Italia, e la Bosnia Erzegovina: le due nazionali, inserite nel Gruppo J di Qualificazione Europea assieme all’Italia, giocano oggi la loro sesta gara e hanno rispettivamente 6 e 7 punti e l’obbiettivo di entrambe è vincere per avvicinare il secondo posto della Finlandia, più diretta inseguitrice dei leader azzurri. E nei primi 10’ di gioco tra le selezioni guidate da Armen Gyowlbowdaġyanc e Robert Prosinecki arrivano subito le prime emozioni: infatti non passano che solo tre giri di orologio e i padroni di casa vanno in vantaggio: prima al 2’ la Bosnia aveva colpito un clamoroso palo con Dzeko e sul ribaltamento di fronte ecco la rete che stappa il match: a siglarla è Mkhitaryan al termine di una bella azione che lo vede seminare il panico nell’area gialloblu, saltare il portiere, e segnare nonostante il disperato tentativo della difesa ospite di recuperar: 1-0 e come con l’Italia è l’Armenia a passare subito in vantaggio! (agg. di R. G. Flore)

IN CAMPO, SI COMINCIA!

Sta per avere inizio la diretta tra Armenia e Bosnia, match del girone J del torneo per le qualificazione agli Europei 2020 e tutto è pronto a Jerevan e anzi già le formazioni ufficiali della sfida stanno per fare il loro ingresso in campo. Prima però di dare la parola al campo andiamo a vedere che peso avranno i tre punti messi in quest’oggi. Come riferito prima si tratta di un vero scontro diretto per il girone J: Armenia e Bosnia infatti si contendono il terzo piazzamento, il quale però non sarebbe sufficiente per ottenere un pass per la manifestazione continentale. Pure il duello si annuncia bollente: la Bosnia infatti finora ha disputato 5 incontri incassando però solo 7 punti, complici i successi su Liechtenstein e la stessa Armenia, oltre al pari con la Grecia. Appena sotto vi sono poi gli armeni con solo 6 punti, guadagnati con i successi su Liechtenstein e Grecia: risultati però non all’altezza di Italia e Finlandia, con cui condividono il girone. Ora è però tempo di dare la parola al campo, si gioca! (agg Michela Colombo)

LA TRADIZIONE

Manca ormai sempre meno al fischio d’inizio della diretta di Armenia Bosnia e certo ora è tempo di prendere in esame anche la tradizione e la storia che le due formazioni vantano alla vigilia del sesto turno per le qualificazioni agli Europei 2019. Certo i dati a nostra disposizione non sono ricchissimi: in ambiti ufficiali in fatti si contano appena tre precedenti tra queste due formazioni, registrati in occasione del tornei preliminari. Ecco quindi che il primo scontro diretto risale alla stagione 2008-2009 in preparazione ai Mondiali di Russia: allora assistemmo a un doppio successo della Bosnia, che seppe affermarsi in casa per 4-1 e pure in trasferta col risultato di 2-0. Ultimo testa a testa tra le due squadre è poi ben recente e risale ai primi turni del girone J di questo turno per le Qualificazioni agli Europei 2020. Allora in Bosnia, la formazione di casa vinse per 2-1, con i gol di Krunic e Milosevic. (agg Michela Colombo)

ARBITRA BENOIT BASTIEN

Come abbiamo visto prima, la partita per il torneo di qualificazione agli Europei 2020, Armenia Bosnia, verrà diretta dal fischietto francese Benoit Bastien, che in questa particolare occasione a Yerevan sarà accompagnato dagli assistenti Zakrani e Haquette, oltre che dal quarto uomo Millot. Volendo ora conoscere meglio il primo direttore di gara, ecco che scopriamo subito che il francese ha alle spalle una grande esperienza in contesti internazionali e pure in stagione è già stato protagonista in ben 4 occasioni tra competizioni nazionali e tornei Uefa per club (a bilancio si contano quindi 20 gialli, 2 rossi e 2 calci di rigore concessi). Ampliando la nostra analisi va poi detto che la sfida di questo pomeriggio sarà veramente una novità per Bastien, che in carriera non ha mai avuto occasione di incontrare le due nazionali e neppure club armeni o bosniaci. (agg Michela Colombo)

ORARIO E PRESENTAZIONE

Armenia Bosnia, diretta dall’arbitro Benoit Bastien, domenica 8 settembre 2019 alle ore 15.00 presso il Republican Stadium di Yerevan, sarà una delle sfide in programma nella sesta giornata delle qualificazioni a Euro 2020 nel girone J, quello che vede impegnato anche gli azzurri di Roberto Mancini. Sfida da dentro o fuori per la terza e la quarta forza del raggruppamento, che qualifica agli Europei le prime due classificate. Dopo il 5-0 rifilato al piccolo Liechtenstein, la Bosnia si è mantenuta a -5 dalla Finlandia seconda e spererà oggi di ridurre le distanze grazie a un possibile regalo dell’Italia che affronterà i finlandesi. Servirà però battere un’Armenia che contro l’Italia ha ceduto solo nel finale e in inferiorità numerica, apparsa più che mai motivata e consapevole che solo superando la Bosnia le speranze di qualificazione potranno ancora essere coltivate nelle ultime quattro partite del girone. Finora nel girone 3 gol per il bomber armeno Karapetian (che sarà però assente per squalifica dopo l’espulsione subita contro l’Italia), 2 gol per ciascuno per la coppia d’attacco bosniaca Dzeko-Gojak.

PROBABILI FORMAZIONI ARMENIA BOSNIA

Le probabili formazioni che scenderanno in campo in Armenia-Bosnia, questo pomeriggio per le ore 15.00 presso il Republican Stadium di Yerevan. I padroni di casa armeni allenati da Gyowlbowdagyanc schiereranno un 4-2-3-1 con Airapetyan; Hambardzumyan, Haroyan, Calisir, Hovhannisyan; Mkrtchyan, Grigoryan; Barseghyan, Mkhitaryan, Ghazaryan; Babayan. Risponderà la Bosnia di Robert Prosinecki schierata con un 4-3-3 e questo undici titolare: Sehic, Todorovic, Sunjic, Zukanovic, Kolasinac; Krunic, Pjanic, Gojak; Visca, Dzeko, Milosevic.

LE QUOTE PER LE SCOMMESSE

Secondo l’agenzia di scommesse Snai, Bosnia favorita per la conquista dei tre punti contro l’Armenia. Vittoria interna proposta a una quota di 3.50, l’eventuale pareggio viene quotato 3.05 mentre la vittoria in trasferta viene proposta a una quota di 2.10. Per quanto riguarda il totale dei gol realizzati nel corso della partita, per l’under 2.5 la quota viene fissata a 1.70, mentre l’over 2.5 viene proposto a una quota di 2.00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA