DIRETTA/ Atalanta Shakhtar (risultato finale 1-2): Sconfitta immeritata al 95′

- Mauro Mantegazza

Diretta Atalanta Shakhtar streaming video tv: risultato finale 1-2, a San Siro si gioca la partita valida per la seconda giornata nel gruppo C della Champions League.

gruppo Atalanta
Diretta Atalanta Shakhtar (Foto repertorio LaPresse)

DIRETTA ATALANTA SHAKHTAR (RISULTATO 1-2): TRIPLICE FISCHIO 

Allo Stadio Giuseppe Meazza lo Shakhtar Donetsk batte in trasferta l’Atalanta per 2 a 1. Nel primo tempo i padroni di casa erano riusciti a passare in vantaggio 28′ grazie al colpo di testa vincente di Zapata, su assist di Hateboer, dopo aver colpito anche un palo con Pasalic. Tuttavia, gli ospiti hanno pareggiato subito al 41′ con Junior Moraes, su suggerimento di Alan Patrick, e, nel recupero, ormai a tempo scaduto, hanno trovato il gol della vittoria nella ripresa al 90’+5′ con Solomon, con l’aiuto di Dodo. I tre punti guadagnati oggi consentono allo Shakhtar di portarsi a quota 3 nel girone C mentre l’Atalanta resta ferma a zero punti. (cronaca Alessandro Rinoldi)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA PARTITA

La diretta tv di Atalanta Shakhtar Donetsk sarà un’esclusiva Sky: l’appuntamento sarà dunque sul canale numero 201, Sky Sport Uno, oppure anche in diretta streaming video tramite il servizio offerto da Sky Go, naturalmente anche in questo caso solamente per gli abbonati alla piattaforma satellitare.

FASE FINALE DEL MATCH 

Quando manca ormai solamente una decina di minuti al novantesimo della sfida tra Atalanta e Shakhtar Donetsk, il punteggio è ancora bloccato sull’1 a 1. Il cronometro corre verso il fischio finale mentre l’equilibrio continua a regnare tra italiani ed ucraini, protagonisti un’occasione per parte: a 63′ Zapata non inquadra di pochissimo lo specchio della porta così come, sul fronte opposto, Kovalenko spara a lato proprio intorno all’80’.

E’ INIZIATA LA RIPRESA

Arrivati al cinquantacinquesimo minuto, il risultato tra Atalanta e Shakhtar Donetsk è sempre fermo sull’1 a 1. In queste prime battute del secondo tempo, iniziato senza sostituzioni da parte di entrambi gli allenatori, gli ospiti tentano di proseguire con quanto di buono fatto vedere nell’ultima parte della frazione precedente e costringendo gli italiani a difendersi. Visibilmente frustrato Zapata, fermato con qualche fallo di troppo da parte degli arancioneri, oggi in divisa grigia.

FINE PRIMO TEMPO 

Al termine del primo tempo le formazioni di Atalanta e Shakhtar Donetsk sono da poco rientrate negli spogliatoi per l’intervallo sull’1 a 1. Nonostante l’ottimo avvio da parte degli italiani, capaci anche di andare a segno con Zapata al 28′ per il gol del vantaggio, gli ucraini crescono lentamente e, al 41′, ne approfittano per siglare la rete del pareggio con Junior Moraes, su suggerimento di Alan Patrick e sfruttando un’incertezza da parte di De Roon, oltre a sfiorare il sorpasso già nel recupero al 45’+3′, quando Marlos ha centrato la traversa direttamente su calcio di punizione. Fino a questo momento il direttore di gara oltre a Krystov ha ammonito rispettivamente anche Ilicic da un lato, Stepanenko e Moraes dall’altro.

SCOCCA LA MEZZ’ORA 

Giunti alla mezz’ora del primo tempo, il punteggio tra Atalanta e Shakhtar Donetsk è cambiato ed è di 1 a 0. I minuti passano ed i nerazzurri di mister Gasperini sprecano un’occasione clamorosa al 16′ quando l’estremo difensore avversaro Pyatov para a Ilicic un calcio di rigore concesso per fallo di Krystov, ammonito nella circostanza, proprio ai danni dello sloveno. I padroni di casa continuano a spingere e, dopo il palo centrato da Pasalic, ci pensa Zapata a portare in vantaggio i suoi con un colpo di testa su assist da parte di Hateboer dalla destra.

FASE INIZIALE DEL MATCH 

A Milano la partita tra Atalanta e Shakhtar Donetsk è cominciata da una decina di minuti nel primo tempo ed il risultato è di 0 a 0. Nelle fasi iniziali dell’incontro le due squadre sembrano volersi studiare a vicenda ma sono senza dubbio i bergamashchi ad essere più intraprendenti, vedendosi anticipare in corner Zapata sul più bello al 4′ e mandando alto di testa il pallone con Pasalic al 5′. Gli ucraini tentano quindi di uscire dalla propria metà campo, così da costruire qualche azione interessante, ma senza avere successo per merito della difesa italiana.

FORMAZIONI UFFICIALI, VIA!

Siamo al via di Atalanta Shakhtar: in vista delle formazioni ufficiali, possiamo dire che la Dea sta letteralmente volando in campionato e, dopo le prime sei giornate, ha numeri assolutamente fantastici. I 15 gol segnati fanno della squadra di Gian Piero Gasperini il miglior attacco della Serie A, in condivisione con il Napoli; l’Atalanta ha sempre segnato almeno due gol, ne ha realizzati 4 sabato scorso e 3 sul campo della Spal. Sono già tre le vittorie esterne degli orobici, che per contro hanno subito qualche rete di troppo; Duvan Zapata, con 5 realizzazioni, ha pareggiato il bottino che Filippo Inzaghi aveva raccolto dopo le prime sei giornate nel 1996. Adesso però è arrivato il momento di metterci comodi e stare a vedere quello che ci racconterà il campo: ecco le formazioni ufficiali di Atalanta Shakhtar, la partita comincia! ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, A. Masiello, Palomino; Hateboer, De Roon, Pasalic, Castagne; A. Gomez; Ilicic, D. Zapata. Allenatore: Gian Piero Gasperini SHAKHTAR (4-2-3-1): Pyatov; Bolbat, Kryvtsov, Matviyenko, Ismaily; Alan Patrick, Stepanenko; Marlos, Kovalenko, Taison; Junior Moraes. Allenatore: Luis Castro (agg. di Claudio Franceschini)

I BOMBER ATTESI

La diretta di Atalanta Shakhtar ci porta a concentrarsi anche sui bomber della partita. La Dea deve rilanciarsi dopo il brutto ko contro la Dinamo Zagabria, in una competizione del tutto nuova per lei. Duvan Zapata può essere la chiave per vincere la partita, grazie a fisicità e grande senso della posizione. Spesso parte spalle alla porta ed è in grado di partire in accelerazione per dimostrare tutta la sua qualità palla al piede. Zapata è un ragazzo molto umile e arrivato in punta di piedi in Italia ora si è ritagliato un ruolo da grande protagonista. Dall’altra parte il giocatore offensivo più pericoloso è Konoplyanka, ragazzo abile a muoversi soprattutto sull’ala sinistra in un 4-2-3-1 e anche intelligente a sfruttare gli inserimenti dei suoi compagni per guadagnarsi spazio al centro. L’Atalanta dovrà fare molta attenzione. (agg. di Matteo Fantozzi)

I TESTA A TESTA

Non figurano precedenti di Atalanta Shakhtar Donetsk, che dunque rappresenta un inedito assoluto nel calcio internazionale; la Dea è anche alla prima partita contro una squadra ucraina, mentre ne aveva giocate due contro lo Spartak Mosca uscendone con un pareggio e una sconfitta. Molto più ampio il bilancio dello Shakhtar contro formazioni italiane: sono ben 22 le partite con un quadro negativo, perché ci sono appena 6 vittorie a fronte di 2 pareggi e 14 sconfitte. Gli arancionero hanno sempre perso contro il Milan (quattro volte), la Lazio e il Vicenza (due gare a testa), sono a secco di successi contro l’Inter – ma almeno hanno pareggiato una volta – mentre sono riusciti a battere Roma, Juventus e Napoli. Contro i giallorossi lo Shakhtar ha il bilancio migliore: ha vinto quattro volte con due sconfitte, in una occasione ha eliminato la Roma arrivando ai quarti di Champions League mentre due anni fa ha subito la stessa sorte. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE DEL MATCH

Atalanta Shakhtar Donetsk, diretta dall’arbitro tedesco Tobias Stieler, si gioca alle ore 18.55 di oggi, martedì 1 ottobre, allo stadio Giuseppe Meazza di San Siro a Milano. Si tratta della partita valida per la seconda giornata nel gruppo C della Champions League 2019-2020, che per la prima volta nella storia vede l’Atalanta in corsa nella massima competizione europea per club. Sappiamo che i nerazzurri in Champions League giocheranno le loro partite casalinghe a San Siro e sappiamo pure che Atalanta Shakhtar Donetsk sarà già fondamentale per il cammino di entrambe le squadre. L’Atalanta eccellente in campionato ha avuto un esordio pessimo in Europa, incassando quattro gol dalla Dinamo Zagabria. Nella prima giornata ha perso anche lo Shakhtar Donetsk, che è stato battuto dal Manchester City, dunque entrambe hanno bisogno di punti: superato lo scotto del debutto, ci auguriamo che anche la Champions League possa ammirare la migliore Atalanta che in Italia ormai conosciamo benissimo.

PROBABILI FORMAZIONI ATALANTA SHAKHTAR DONETSK

Per quanto riguarda le probabili formazioni di Atalanta Shakhtar Donetsk, Gian Piero Gasperini dovrebbe naturalmente puntare sui suoi uomini migliori. In porta torna titolare Gollini, mentre in difesa sono in quattro per tre posti: Palomino insidia il posto di Djimsiti al centro della difesa, con Masiello e Toloi ai suoi fianchi. Castagne esterno sinistro, rischia la panchina Gosens perché come sempre Hateboer è favorito a destra; in mezzo al campo tornerà De Roon in coppia con Freuler, con Pasalic alternativa a partita in corsa. In attacco ecco infine il Papu Gomez e Ilicic in appoggio a Duvan Zapata. Consueto 4-2-3-1 per Luis Castro: davanti al portiere Piatov agiranno Kryvtsov e uno fra Matvilenko e Bondar, mentre come terzini dovremmo vedere Butko e Ismaily. Il veterano Stepanenko e Alan Patrick formeranno la coppia in mediana, mentre sulla linea della trequarti avremo Marlos esterno destro, capitan Taison trequartista centrale e Konoplyanka a sinistra, la prima punta infine dovrebbe essere Junior Moraes.

PRONOSTICO E QUOTE

Diamo in conclusione uno sguardo anche al pronostico su Atalanta Shakhtar Donetsk, secondo le quote dell’agenzia sportiva Snai. I nerazzurri sono favoriti sull’onda degli ottimi risultati in campionato e il segno 1 è quotato a 1,80; si sale poi a 3,85 in caso di segno X e fino a 4,25 per chi avrà creduto nel segno 2 in caso di un successo ucraino a San Siro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA