Diretta Europei nuoto vasca corta 2019/ La 4×500 misti femminili è medaglia d’argento

- Michela Colombo

Diretta Europei nuoto vasca corta 2019: streaming video Rai, altre 4 medaglie per l’Italia nella giornata conclusiva. Miressi, Di Liddo e la 4×50 misti femminili argento, Carraro è bronzo.

Simona Quadarella
Diretta Europei nuoto vasca corta 2019: Simona Quadarella (Foto LaPresse)

Finisce alla grande questa edizione degli Europei di nuoto in vasca corta 2019: la staffetta italiana della 4×50 misti è medaglia d’argento, per soli 7 centesimi arriva alle spalle della Polonia ma per 4 precede la Russia, che era data per favorita. Nella semifinale della mattina aveva gareggiato Federica Pellegrini; questa volta la frazione a stile l’ha fatta Silvia Di Pietro mentre le altre azzurre sul podio sono Silvia Scalia, Benedetta Pilato ed Elena Di Liddo. Altra gloria per la quattordicenne già oro nei 50 rana; l’Italia ha dunque confermato la sua competitività anche nella piscina di Glasgow e in vasca corta, dove non sempre era riscita ad avere questi risultati. A chiudere gli Europei in Scozia è stata la 4×50 misti maschile: purtroppo l’Italia si è dovuta accontentare del quarto posto nuotando in 1’32’’51 (con Simone Sabbioni, Fabio Scozzoli, Piero Codia e un Alessandro Miressi reduce dall’argento nell’individuale) con un ritardo di 22 centesimi dal terzo posto della Bielorussia, che ha completato un podio nel quale Russia e Ungheria hanno vinto rispettivamente oro e argento. (agg. di Claudio Franceschini)

EUROPEI NUOTO VASCA CORTA 2019: ALTRE MEDAGLIE PER L’ITALIA

Martina Carraro vince un’altra medaglia agli Europei di nuoto in vasca corta 2019: arriva un bronzo nei 200 rana che è un ottimo risultato per lei, il tempo della ventiseienne è 2’19’’68 mentre la medaglia d’oro se la prende la russa Mariia Temnikova che precede la britannica Molly Renshaw. Delusione per Francesca Fangio: è quarta, ottima finale per lei ma purtroppo deve stare giù dal podio per 29 centesimi rispetto alla sua connazionale. E’ invece uno straordinario argento quello di Alessandro Miressi nei 100 stile: il ventunenne chiude in 45’’90, staccatissimo da Vladimir Morozov che è oro ma comunque pienamente soddisfatto di essere sul podio, precedendo l’altro russo Vladislav Grinev con la nazione dell’Est Europa che si conferma tra le più forti nella velocità del nuoto. I 100 farfalla femminili ci regalano un’altra gioia, ovvero l’argento di Elena Di Liddo: solo quinta Ilaria Bianchi ma la ventiseienne pugliese può festeggiare l’ennesimo podio della spedizione azzurra in questi Europei di nuoto in vasca corta a Glasgow, l’oro è della bielorussa Anastasiya Shkurdai che se lo prende per 16 centesimi. Rimpianti per Thomas Ceccon, solo quarto nella finale dei 100 misti: 52’’03 per il diciottenne, se non altro il bronzo (il greco Andreas Vazaios, giunto alle spalle di due russi) ha preso un buon margine e ha dato la sensazione di non essere mai in discussione. (agg. di Claudio Franceschini)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME SEGUIRE LE GARE

La diretta tv degli Europei di nuoto in vasca corta 2019 sarà garantita da Rai Sport e Rai Sport +, che si collegheranno fin dal mattino per seguire le batterie e torneranno ovviamente con la sessione serale di semifinali e finali; in assenza di un televisore sarà possibile come sempre seguire le gare sul sito www.raiplay.it, dunque in diretta streaming video semplicemente servendosi di dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.  CLICCA QUI PER LO STREAMING VIDEO SU RAIPLAY

COMINCIA LA SESSIONE SERALE

Stanno per iniziare le finali degli Europei di nuoto in vasca corta 2019: a Glasgow dunque avremo finalmente il quadro finale di questa manifestazione che è scattata mercoledì, e che arriva alla sua conclusione. L’Italia come abbiamo detto ha fatto davvero molto bene, e adesso ha la possibilità di chiudere con altre medaglie: avremo le due staffette miste (4×50) con le donne che in particolar modo potrebbero davvero regalarci il podio, ma non va dimenticata Martina Carraro che, già medaglia d’argento nei 50 rana, proverà a conquistare un’altra medaglia in una distanza quadruplicata. Italia che in questa rassegna scozzese ha fatto molto bene: non sempre la nostra nazionale di nuoto ha brillato in una vasca da 25 metri ma questo dicembre 2019 ci ha invece consegnato una spedizione che ha saputo fare anche meglio di quelle che fossero le premesse. Non resta ora che metterci comodi e stare a vedere quello che succederà nella serata conclusiva: finalmente ci siamo, le ultime finali per gli Europei di nuoto in vasca corta 2019 cominciano! (agg. di Claudio Franceschini)

BENE LE STAFFETTE 4X50 MISTE

Si è conclusa la mattinata agli Europei di nuoto in vasca corta 2019, pertanto a Glasgow siamo lanciati verso il gran finale: dopo le batterie dei 200 rana con gli ottimi risultati da parte delle italiane, dobbiamo anche segnalare le tre semifinali della 4×50 misti maschile. Nella prima vittoria dell’Ungheria davanti a Norvegia e Russia, nella seconda la Bielorussia ha sorprendentemente preceduto la Russia (terza la Turchia) mentre nella terza e ultima l’Italia con Lorenzo Mora, Fabio Scozzoli, Piero Codia e Marco Orsi ha centrato la semifinale con il tempo di 1’32’’74, arrivando in finale (prima è giunta la Germania). La gara femminile ha visto invece le azzurre volare con il miglior tempo di batteria, in 1’45’’84: a nuotare sono state Silvia Scalia, Arianna Castiglioni, Silvia Di Pietro e Federica Pellegrini che ha gestito la sua frazione, andando più lenta di altre avversarie (su tutte Anna Santamans della Francia, ma anche la tedesca Jessica Felsner) ma si è contenuta sapendo che comunque la finale sarebbe arrivata. Vedremo allora come andranno le cose nel tardo pomeriggio agli Europei di nuoto in vasca corta 2019, dove l’Italia spera addirittura di vincere il medagliere. (agg. di Claudio Franceschini)

BENE LE ITALIANE NEI 200 RANA

Agli Europei di nuoto in vasca corta 2019 sono in corso le prime batterie della mattina: dieci i titoli che vengono assegnati oggi, non ci sarà Federica Pellegrini che ha rinunciato a gareggiare nei 400. Intanto però ci sono le batterie dei 200 rana, con in vasca anche alcune nostre rappresentanti: Martina Carraro termina in seconda posizione con il tempo di 2’22’’00 la sua batteria (la quarta) vinta da Mariia Temnikova, presumibilmente niente da fare per Anna Pirovano che è quinta con il tempo di 2’23’’52. L’altra azzurra impegnata in questi preliminari dei 200 rana, vale a dire Francesca Fangio, ha terminato in 2’21’’01 con il secondo tempo dietro la russa Evgeniia Chikunova. Dunque Carraro e Fangio volano in semifinale mentre non c’è niente da fare per la Pirovano; adesso vedremo come procederanno queste batterie della mattina aspettando ovviamente che nella piscina di Glasgow prenda il via la serata conclusiva di questi Europei di nuoto in vasca corta 2019. (agg. di Claudio Franceschini)

SI COMINCIA

Stanno per cominciare le batterie dell’ultima giornata degli Europei di nuoto in vasca corta 2019 a Glasgow. Saranno dieci i titoli da assegnare oggi, per ben sette di queste gare saranno necessarie delle batterie al mattino e dunque eccoci pronti a vivere altre emozioni per introdurci poi alla grande sessione serale. Tanto deve ancora succedere, ma possiamo già abbozzare un bilancio di questa edizione della rassegna europea in vasca corta. La nazione leader nel medagliere è la Russia, che ha conquistato la bellezza di sette medaglie d’oro, più quattro argenti e due bronzi. Segue l’Italia, che in termini quantitativi è addirittura davanti al colosso russo: per gli azzurri quindici medaglie, di cui cinque ori, quattro argenti e sei bronzi. Terzo posto per l’Olanda con cinque ori, un argento e quattro bronzi, poi l’Ungheria, ma in questo caso dobbiamo annotare che i quattro ori magiari sono arrivati tutti dalla solita fenomenale Katinka Hosszu. Adesso però basta parole, a parlare devono essere solo la vasca di Glasgow e il cronometro: cominciano le batterie! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE

Si accende oggi, domenica 8 dicembre 2019, l’ultima giornata per gli Europei di nuoto in vasca corta a Glasgow 2019: ecco quindi che si tornerà a competere sulla metà distanza dei 25 metri per le ultime medaglie continentali rimaste in palio e ovviamente i riflettori saranno ancora una volta sui nostri azzurri. Già alla vigilia di questa ultima giornata di competizioni possiamo definire come positiva l’esperienza della delegazione azzurra in Scozia: i big si sono confermati e pure alcuni giovani hanno avuto modo di esplodere tra i grandi. Non vediamo dunque l’ora di vedere se i nostri faranno proprie anche le ultime medaglie in palio, ma ovviamente anche per oggi dovremo attendere un poco per le finali. Pure in questa domenica il programma degli Europei di nuoto in vasca corta 2019 è invariato e secondo il fuso orario italiano, al mattino e non prima delle ore 10,30 assisteremo a batterie e qualificazioni, mentre alla sera ma solo dopo le ore 18,00 via libera a semifinali, finali e  ovviamente anche alle ultime premiazioni.

DIRETTA EUROPEI NUOTO VASCA CORTA: PROGRAMMA E AZZURRI

Trattandosi dell’ultima giornata di gare per gli Europei di nuoto in vasca corta, certo non ci sorprende che questa mattina a Glasgow il calendario di gare per batterie e qualificazioni sia di poco più risicato. Ecco dunque che le prime a partire alle ore 10,30 saranno le donne con le batterie dei 50 m stile libero (con Di Pietro e Cocconcelli) a cui faranno seguito le prove per i 50 m dorso maschili (Sabbioni, Ceccon, ora). Seguono poi nel programma le batterie dei 200 m rana donne con Fangio, Carraro e Pirovano e le qualificazioni dei 400m maschili a farfalla, con Alberto Razzetti. Proseguendo nel programma mattutino ecco poi le gare dei 400 m stile con le azzurre Gabrielleschi e Quadarella, mentre a chiusura ci saranno le staffette 4×50 mista maschile e femminile. Solo a partire dalle ore 18.00 i8 riflettori si riaccenderanno a Glasgow, per le ultime semifinali e finali degli Europei di nuoto in vasca corta 2019 dove verranno assegnate le ultime medaglie: occhio in tal senso alle ultime due staffette in calendario, che potrebbero riservarci grandi sorprese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA