DIRETTA/ Genk Napoli (risultato finale 0-0): Pareggio amaro per gli azzurri

- Claudio Franceschini

Diretta Genk Napoli streaming video e tv: bomber, probabili formazioni, quote, orario e risultato live della partita alla KRC Arena per la seconda giornata nel gruppo E di Champions League.

Milik rovesciata Napoli Salisburgo lapresse 2019
Probabili formazioni Salisburgo Napoli (Foto LaPresse)

DIRETTA GENK NAPOLI (RISULTATO 0-0): TRIPLICE FISCHIO

Alla Luminus Arena il Genk ed il Napoli si annullano a vicenda con un pareggio per 0 a 0. Nel primo tempo gli azzurri falliscono diverse occasioni clamorose colpendo un palo con Callejon e due traverse con Milik. Nel secondo tempo il ritmo partenopeo risulta meno vivace ma la squadra di Ancelotti, che ha perso Mario Rui per infortunio già dal 33′, non riesce a strappare il successo. Il punto guadagnato oggi consente rispettivamente al Genk di portarsi a quota uno nella classifica del gruppo E mentre il Napoli sale a 4 punti. (cronaca Alessandro Rinoldi)

STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE GENK NAPOLI

La diretta tv di Genk Napoli sarà trasmessa esclusivamente per i possessori di un abbonamento alla televisione satellitare: l’appuntamento è su Sky Sport Uno (canale 201 del decoder) e in assenza di un televisore come sempre sarà possibile assistere alla partita di Champions League anche in diretta streaming video, attivando senza costi aggiuntivi l’applicazione Sky Go su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.

FASE FINALE DEL MATCH

Quando manca ormai solamente una decina di minuti al novantesimo della sfida tra Genk e Napoli, il punteggio è sempre fermo sullo 0 a 0. Gli sforzi dei partenopei non hanno l’esito sperato visto che Callejon al 56′ non inquadra per poco lo specchio della porta e gli ospiti rischiano quando Koulibaly, poi scagionato dal VAR, sembrava aver toccato il pallone commettendo un fallo di mano intorno al 64′. Fuori Milik e dentro Llorente tra gli azzurri.

E’ INIZIATA LA RIPRESA

Arrivati al cinquantacinquesimo minuto, il risultato tra Genk e Napoli è ancora bloccato sullo 0 a 0. In queste prime battute del secondo tempo, iniziato senza sostituzioni da parte di entrambi gli allenatori, dopo un primo mezzo squillo del solito Milik, sono i padroni di casa ad avere il controllo delle operazioni costruendo diverse manovre ragionate nel tentativo di affacciarsi in avanti in maniera pericolsa per la disperazione di mister Ancelotti, non soddisfatto dall’atteggiamento dei suoi calciatori in questa fase della partita.

FINE PRIMO TEMPO 

Al termine del primo tempo le formazioni di Genk e Napoli sono da poco rientrate negli spogliatoi per l’intervallo sullo 0 a 0. Dopo aver colpito un palo e due traverse rispettivamente con Callejon e Milik, il tecnico azzurro Ancelotti è costretto ad effettuare una sostituzione prematura rimpiazzando l’infortunato Mario Rui con Malcuit al 33′. I partenopei falliscono anche un’altra importante doppia occasione intorno al 37′ quando la conclusione di Koulibaly viene fermata sulla linea di porta da un avversario e Milik non inquadra lo specchio sulla ribattuta.

SCOCCA LA MEZZ’ORA

Giunti alla mezz’ora del primo tempo, il punteggio tra Genk e Napoli è sempre di 0 a 0. Le squadre, un po’ inspiegabilmente, si allungano già in questa fase della gara e sono gli azzurri i più bravi ad approfittarne prima costringendo il portiere avversario a deviare il tiro di Callejon contro il palo e poi scheggiando la traversa con Milik poco dopo il quindicesimo. Lo stesso attaccante polacco centra anche un’altra traversa con un colpo di testa al 26′ mentre cresce Fabian Ruiz, proponendo buone giocate offensive per i suoi.

FASE INIZIALE DEL MATCH

In Belgio la partita tra Genk e Napoli è cominciata da una decina di minuti nel primo tempo ed il risultato è di 0 a 0. Nelle fasi iniziali dell’incontro gli azzurri provano subito a prendere in mano le redini del match ma i padroni di casa non stanno a guardare ed alzano il proprio baricentro nel tentativo di proiettarsi in zona offensiva. Nessuna delle due compagini, finora, non riesce però a creare azioni realmente pericolose degne di nota.

FORMAZIONI UFFICIALI!

Genk Napoli inizia tra pochi minuti: aspettando che le due squadre scendano in campo, possiamo dire che nelle prime sei giornate di Serie A i partenopei hanno raccolto quattro vittorie e due sconfitte ma continuano a penare dal punto di vista dei gol segnati. Di fatto l’unica partita in cui il Napoli ha mantenuto la porta inviolata è stata quella contro la Sampdoria: per il resto sono arrivati 10 gol incassati, anche se nelle ultime quattro il dato è nettamente migliorato rispetto alle 7 reti subite nelle prime due. Vero però che in Champions League gli azzurri hanno iniziato tenendo a secco il Liverpool campione d’Europa; adesso dunque non resta che mettersi comodi e stare a vedere se Carlo Ancelotti si ripeterà. Leggiamo insieme le formazioni ufficiali e poi parola al terreno di gioco della KRC Arena, la diretta di Genk Napoli comincia! GENK (4-3-3): Coucke; Maehle, Cuesta, Lucumì, Uronen; Berge, I. Hagi, Hrosovsky; Bongonda, Samatta, Ito. Allenatore: Felice Mazzu NAPOLI (4-3-3): Meret: Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Fabian Ruiz, Elmas; Callejon, Milik, Lozano. Allenatore: Carlo Ancelotti (agg. di Claudio Franceschini)

LONZANO: APPUNTAMENTO CON IL GOL

Quali sono i bomber di Champions League per Genk Napoli? Conosciamo tutto ovviamente di Dries Mertens e Fernando Llorente, ma la serata potrebbe essere quella giusta per vedere all’opera Hirving Lozano. Finora un solo gol con la maglia dei partenopei, il messicano è stato fortemente voluto da Carlo Ancelotti che vede in lui una prima punta rapida e capace di attaccare gli spazi, un po’ sulla scia della trasformazione che Maurizio Sarri aveva operato sul già citato Mertens. A 24 anni Lozano ha segnato 4 gol nelle coppe europee, tutte arrivate nella Champions League dello scorso anno (preliminari compresi); ci sono però 8 reti in otto gare della CONCACAF Champions League ai tempi del Pachuca, mentre in nazionale i centri sono 9 e ci sono anche 37 realizzazioni nella Eredivisie. Lozano insomma i gol li sa fare, ma a Napoli deve sgomitare per avere un posto: Mertens è quasi intoccabile, Llorente ha avuto uno straordinario impatto sulla stagione e non va dimenticato un certo Arkadiusz Milik… (agg. di Claudio Franceschini)

TESTA A TESTA

Genk Napoli si gioca questa sera per la prima volta in contesto di partite ufficiali; non è tuttavia un debutto assoluto per i partenopei in Belgio, perché vi figurano tre gare giocate nel corso della storia. Diciamo subito che il bilancio totale tra il Napoli e il calcio belga parla di tre vittorie, un pareggio e due sconfitte; 100% di successo nelle due sfide che gli azzurri hanno giocato contro il Bruges, mentre nel 1977 l’Anderlecht aveva risposto con un 2-0 casalingo al successo di misura del Napoli al San Paolo, regalandosi la finale di Coppa delle Coppe in un doppio incrocio che dalle parti di Fuorigrotta ricordano ancora. Dunque, l’unica vittoria partenopea in Belgio risale al girone di Europa League di quattro anni fa: successo di misura timbrato da Vlad Chiriches nel finale di primo tempo. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE

Genk Napoli, che verrà diretta dall’arbitro rumeno Istvan Kovacs, si gioca alle ore 18:55 di mercoledì 2 ottobre: i partenopei dunque anticipano nella seconda giornata di Champions League 2019-2020. Siamo nel gruppo F, che la squadra di Carlo Ancelotti guida dopo la splendida vittoria contro il Liverpool: per il secondo anno consecutivo il Napoli ha battuto i Reds ma adesso si deve confermare alla KRC Arena, perché c’è ancora il rischio che le cose vadano a finire come 12 mesi fa. Ad ogni modo gli azzurri sono lanciati, e in campionato hanno ritrovato la vittoria dopo aver perso in casa contro il Cagliari; quarto posto in Serie A ma ora Ancelotti proverà a dare una nuova dimensione internazionale alla squadra. La vittoria contro il Genk è fattibile: all’esordio in questa Champions League i belgi sono stati nettamente battuti dal roboante Salisburgo. Andiamo dunque a valutare, mentre aspettiamo la diretta di Genk Napoli, in che modo le due squadre potrebbero essere disposte sul terreno di gioco per questa partita, analizzando nel dettaglio le probabili formazioni.

PROBABILI FORMAZIONI GENK NAPOLI

In Genk Napoli, Felice Mazzu dovrebbe comunque confermare il 4-2-3-1 visto a Salisburgo: davanti al portiere Coucke giocheranno dunque capitan Dewaest e Lucumì, con Maehele e Uronen che invece occuperanno le corsie laterali dovendo anche dare supporto al centrocampo, nel quale infatti giocheranno soltanto due elementi (verosimilmente Hrosovsky e Berge) che dovranno fare da frangiflutti ma anche provare a impostare la manovra. Il giapponese Ito e Ndongala saranno gli esterni schierati sulla linea di trequarti; Heynen davanti a loro, con Samatta che invece agirà in qualità di prima punta. Sono tante le opzioni di Ancelotti: volendo ripetere il 4-4-2 che ha battuto il Liverpool il tecnico emiliano punterebbe su Lorenzo Insigne da esterno sinistro, mentre davanti scalpita comunque Fernando Llorente anche se al fianco di Mertens potrebbe giocare uno tra Milik e Lozano, con il messicano che si deve ancora sbloccare. Fabian Ruiz e Allan possono formare la coppia centrale, da valutare l’eventuale titolarità di Zielinski mentre a destra ci sarà Callejon, con una difesa nella quale Manolas e Koulibaly proteggeranno Meret lasciando a Di Lorenzo e Mario Rui le fasce laterali.

QUOTE E PRONOSTICO

Ovviamente i partenopei partono nettamente favoriti in Genk Napoli, come ci mostra anche l’agenzia di scommesse Snai: differenza netta, anche considerando il fattore campo, tra il segno 1 per la vittoria dei belgi (6,75) e il segno 2 per il successo esterno della banda di Carlo Ancelotti, che vi farebbe guadagnare una somma pari a 1,42 quello che avrete deciso di mettere sul piatto. Per il pareggio, eventualità che come sempre viene regolata dal segno X, il valore della vostra vincita ammonterebbe a 5,00 volte la giocata con questo bookmaker.

© RIPRODUZIONE RISERVATA