DIRETTA GIRO DEL DELFINATO 2020/ Primoz Roglic vince la 2^ tappa, è il nuovo leader

- Michela Colombo

Diretta Giro del Delfinato 2020: streaming video e tv Rai, orario, percorso e vincitore della 2^ tappa, oggi 13 agosto da Vienne a Col de Porte.

ciclismo Tour
Monica Bandini è morta, ciclismo (LaPresse)

Primoz Roglic ha vinto la seconda tappa del Giro del Delfinato 2020 in cima al Col de Porte, prendendosi anche la maglia di leader della classifica generale, che resta in casa Jumbo-Visma, regina assoluta del ciclismo d’agosto. Secondo posto per Thibaut Pinot, terzo il tedesco Emanuel Buchmann su un arrivo in salita che ha emesso sentenze piuttosto interessanti. Ripresa la fuga da lontano, è stato il team Ineos a fare il ritmo, un forcing che ha fatto male ai vari Alejandro Valverde, Adam Yates, Rigoberto Uran e Steven Kruijswijk, ma che è stato eccessivo anche per Chris Froome, ancora lontano dalla condizione dei giorni migliori. Sembrava tutto perfetto per Egan Bernal, con anche Geraint Thomas nei panni del gregario di lusso, ma l’accelerazione di Primoz Roglic con il compagno di squadra Sepp Kuss (meno brillante invece Tom Dumoulin) ha rimescolato tutto, mandando in difficoltà fra gli altri Romain Bardet e Tadej Pogacar. All’ultimo chilometro restano in 11, Roglic parte lunghissimo e fa il vuoto con una progressione micidiale, con cui si prende tappa e maglia. Anche nella classifica generale è secondo Pinot, poi Buchmann terzo e quarto Bernal, anche grazie agli abbuoni di ieri. Per il momento tuttavia anche Ineos si deve inchinare, la Jumbo-Visma in queste settimane sa soltanto vincere… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ECCO LA SALITA FINALE

Siamo ormai nel vivo della diretta Giro del Delfinato 2020 per la seconda tappa, che ha ormai superato anche il Gpm di prima categoria di Côte Maillet (una salita di 6,2 km all’8% di pendenza media), dove per primo è passato lo svizzero Michael Schär, il quale dunque è già certo di conservare la sua maglia a pois di leader dei Gpm anche al termine della frazione odierna, a patto naturalmente di arrivare al traguardo. Questa salita ha fatto selezione nel gruppo di testa, della fuga iniziale infatti resistono solo lo stesso Michael Schär e con lui Bruno Armirail. Anche il loro destino comunque è segnato, perché il gruppo è in forte recupero quando siamo ormai ai piedi della salita finale verso l’arrivo al Col de Porte, dove ci attendiamo grande battaglia fra gli uomini in lotta per la classifica generale, che saranno poi i grandi protagonisti anche del Tour de France che scatterà da Nizza sabato 29 agosto. Siamo dunque pronti a vivere il gran finale della seconda tappa del Giro del Delfinato 2020, che darà sicuramente spettacolo su una grande salita… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE IL GIRO DEL DELFINATO 2020

La diretta tv del Giro del Delfinato 2020 sarà garantita dal canale tematico Eurosport ai propri abbonati, che davanti a un televisore oppure in diretta streaming video tramite il servizio fornito da Eurosport Player potranno seguire oggi tutte le fasi salienti della seconda tappa Vienne-Col de Porte. Va aggiunto che la tappa sarà pure visibile in diretta tv, a partire dalle ore 14.45 anche sul digitale terrestre, al canale Rai Sport HD, al numero 57 del telecomando: disponibile per tutti la diretta streaming video dell’evento tramite il noto servizio Raiplay.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING RAI PLAY

IL GRUPPO CONTROLLA

Sempre all’attacco nella diretta Giro del Delfinato 2020 della seconda tappa la fuga da lontano di otto uomini della quale vi abbiamo parlato in precedenza, composta da Doubey, Soupe, Asgreen, Armirail, O’Connor, Schar, Cousin e Sutterlin. Da osservare che le condizioni meteo non sono molto favorevoli e quindi sulla parte finale della tappa potrebbe pesare l’incognita maltempo. In gruppo le squadre più attive sono la Jumbo-Visma, non solo perché Wout Van Aert ha la maglia di leader ma perché naturalmente l’arrivo in salita chiama anche all’azione i big che puntano alla generale, come i tre capitani appunto della Jumbo-Visma, ma lavora anche la Bahrain-McLaren, il cui capitano è invece senza ombra di dubbio Mikel Landa. Il vantaggio della testa della corsa è nel frattempo inferiore ai tre minuti quando mancano ancora i 50 km che saranno decisivi: il finale della seconda tappa del Giro del Delfinato 2020 presenta infatti il Gpm di prima categoria di Côte Maillet e infine naturalmente l’arrivo in cima al Col de Porte, che sarà un primo test severo circa la condizione dei big, che pensano al Delfinato ma naturalmente anche all’ormai imminente Tour de France. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

VIA ALLA FUGA

Siamo entrati nel vivo della diretta del Giro del Delfinato 2020 per la 2^ tappa e quando abbiamo superato la prima ora di corsa dalla partenza di Vienne ecco che la situazione in strada ci pare già cristallizzata. In testa alla corsa infatti vediamo già un gruppetto di otto fuggitivi che non hanno fatto fatica al via a trovare l’attacco giusto per volare in avanti. Anzi già nei primi km di questa 2^ tappa del Giro del Delfinato abbiamo assistito a diversi attacchi e in cinque subito hanno trovato la fuga: nel classico tira e molla col gruppo, ecco che poi altri tre sono andati in avanscoperta e superati già i primi 5 km, ecco che in strada il drappello degli otto battistrada, ora compatto, ha cominciato a mettersi alle spalle secondi preziosi. Ed ora, superati i primi 45 km dei 135 previsti in questa frazione nulla è cambiato: in avanti troviamo dunque sempre gli stessi otto e dunque Fabien Doubey, Jerome Cousin, Jasha Sutterlin, Bruno Armirail, Michael Schar, Geoffrey Soupe, Michael Gogl e Kasper Asgreen, con un vantaggio di +2’55” dal gruppo. Pur va detto che solo tra poco si comincerà a salire per quello che è il primo Gpm della giornata, il Col de Virville: vedremo che accadrà. (agg Michela Colombo)

IN STRADA, VIA!

Si accende la diretta del Giro del Delfinato 2020, per la seconda tappa: solo tra pochi istanti scenderanno in strada tutti i nostri beniamini sulle due ruote, che partiranno a breve da Vienne per percorrere tutti i 135 km previsti oggi. Pure in attesa che venga dato il via ufficiale, ci pare utile, se non curioso fare un tuffo nel passato e ricordare una delle più belle edizioni del Giro del Delfinato, quella del 1977, che visse proprio al Col de Porte uno dei suoi momenti più intensi. Sono passati dunque 43 anni, ma nella memoria degli appassionati è indelebile il ricordo dell’impresa realizzata da Bernard Hinault, proprio sul Col de Porte, che oggi farà da traguardo in salita e Gpm Hors Categorie del Criterium. Qui infatti nel 1977 nella quinta tappa, il ciclista francese nella discesa che porta a Grenoble fu vittima di una bruttissima caduta, quando era in testa alla corsa con un minuto e 40 secondi di vantaggio sui primi avversari. Nonostante lo stop e la foratura subita anche sulla costa di Bastiglia, fu però Hinault a vincere questa memorabile tappa da Romans Sur Isere a Grenoble, arrivando per primo davanti a Lucien Van Impe e Bernard Thevenet: Hinault vinse poi il Criterium. Ma ora è tempo di tornare al presente: diamo la parola alla strada dunque la diretta del Giro del Delfinato 2020 per la 2^ tappa sta per cominciare! (agg Michela Colombo)

VAN AERT IN COPERTINA

Wout Van Aert è per il momento l’uomo copertina della diretta Giro del Delfinato 2020, che tra poco più di un’ora ci proporrà la seconda tappa. Il belga della Jumbo-Visma ha infatti vinto ieri la prima frazione e di conseguenza è per il momento il leader della classifica generale: non ha ambizioni di successo finale perché ci saranno davvero troppe salite per lui fino a domenica, ma di certo è proprio Van Aert l’uomo copertina del ciclismo mondiale in questo momento. La vittoria di ieri è stata solo la ciliegina su una torta caratterizzata da due successi di assoluto prestigio, quelli ottenuti da Van Aert alla Strade Bianche e poi alla Milano Sanremo. Nella classica toscana sicuramente Wout Van Aert ha sfruttato anche le sue straordinarie qualità da campione di ciclocross, mentre nella Classicissima è entrato definitivamente tra chi merita di essere chiamato campione anche su strada. Di certo Van Aert ha un feeling fenomenale con il Delfinato: l’anno scorso vinse ben due tappe (la corsa ne prevedeva otto), quest’anno con un percorso più breve e quasi tutto di montagna l’occasione migliore era quella di ieri e Van Aert immediatamente ne ha approfittato. Come fanno i campioni… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

FOCUS SULL’ARRIVO

In attesa di dare la parola alla strada per la diretta del Giro del Delfinato 2020 per la seconda tappa, prevista tra Vienne a Col de Port, ecco che vale certamente la pena di dare un occhiata più da vicino al traguardo in salita previsto oggi, su una delle cime simbolo di questa classica corsa a tappe, che anticipa il Tour de France. Sono dunque occhi puntati al Gran Premio della Montagna Hors categorie del Col de Porte, passo montano posto nel dipartimento francese dell’Isere e tra Grenoble e Chambery, e che da anni è una delle tappe “classiche” del Criterium, ma non solo. Pure ricordiamo che qui negli anni passati ha fatto tappa anche il Tour de France, per la precisione 18 volte, dal 1907 al 1998. Vanta però ancor più passaggi durante il Giro del Delfinato, che quest’anno lo supererà partendo verso ovest, partendo da Sainte Egreve, su uno dei versanti più impegnativi (ma non il più difficoltoso, come quello sud-ovest da Grenoble). (agg Michela Colombo)

OGGI LA 2^ TAPPA

Il Giro del Delfinato torna in diretta anche oggi, giovedi 13 agosto 2020 per la 2^ tappa di questa edizione 2020, davvero unica del suo genere, che oggi porterà i corridori da Vienne a Col de Porte, al termine di frazione ancora colma di saliscendi e che potrebbe riservarci grandi sorprese. Già ieri infatti nella prima tappa inaugurale di questa edizione del Criterium (che pure nel post pandemia è rimasto in calendario, sia in versione ridotta, alla vigilia del Tour de France 2020, che verrà inaugurato il prossimo 29 agosto) infatti abbiamo visto che sono state già scintille sulle strade francesi specie nel finale, con la vittoria finale di Wout Van Aert: oggi certo lo spettacolo non sarà meno considerato anche il valore dei partecipanti, che non hanno esitato a mettersi in mostra solo ieri, e che anche oggi saranno impazienti di mettersi alla prova in una delle prime gare a tappe della stagione del ciclismo mondiale, e che ci accompagna verso l’appuntamento della Grande Boucle. Senza scordare poi che anche oggi, il tracciato per la seconda tappa del Giro del Delfinato 2020 si annuncia movimentato con diverse salite importanti ma non eccessivamente impegnative, utili per scaldare le gambe, fino all’arrivo in salita annunciato al Col de Porte (cima Hors Categorie anche della corsa).

DIRETTA GIRO DEL DELFINATO 2020: IL PERCORSO DELLA 2^ TAPPA

Ma andiamo subito a vedere che ci riserverà la diretta del Giro del Delfinato 2020 per la seconda tappa di questa emozionante, anche se ridotta, edizione, ricordando subito che i nostri beniamini saranno in strada dalla partenza di Vienne alle ore 13.00: l’arrivo al Col de Porte è atteso invece verso le ore 16.30 circa, dopo 135 km percorsi. Dando pure un’occhio al tracciato e all’altimetria, ecco che la 2^ tappa odierna si configura come “Hilly”, ovvero “collinare” anche se troviamo di fatto ben quattro Gpm, di cui due piuttosto interessanti. Comunque questa mattina si partirà con calma: da Vienne infatti attendono almeno una cinquantina di km piuttosto tranquilli (dove è inserito un punto sprint a Pajay, al 37 km) prima di affrontare la prima salitella della giornata, il Gpm di terza categoria del Cote de Viriville, con 4.1 km alla pendenza di 5.5%. Subito farà seguito un altro scoglio che il Gpm di quarta categoria del Cote de Roybon (1.5 km al 5.1%), ma superati saranno ancora una trentina di km abbastanza agevoli, in una placida discesa. Dopo i 90 km dunque si farà davvero sul serio per la diretta del Giro del Delfinato 2020: qui infatti comincerà la salita che porterà al Gran Premio della Montagna di 1^ categoria del Cote Maillett (6.2 km al 8%). Di seguito una ripida discesa che porterà i corridori verso il traguardo in salita sul Col de Porte, uno dei picchi simbolo di questa corsa a tappe: saranno infatti 17,5 km alla pendenza di 6.2% di media fino alla linea del traguardo finale della seconda tappa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA