DIRETTA/ Inter Parma (risultato finale 2-2) streaming video e tv: pareggia Perisic!

- Mauro Mantegazza

Diretta Inter Parma streaming video e tv: orario, quote, probabili formazioni e risultato live della partita per la 6^ giornata di Serie A, oggi 31 ottobre.

Bastoni Inter
Diretta Inter Parma: l'esultanza di Bastoni nell'ultima sfida (LaPresse)

DIRETTA INTER PARMA (RISULTATO FINALE 2-2) PAREGGIA PERISIC!

Dopo il gol di Brozovic, l’Inter si trova comprensibilmente a sperare nella possibilità di ribaltare un match che sembrava stare sfuggendo definitivamente di mano. I nerazzurri non hanno però fatto i conti con un Sepe strepitoso, capace di opporsi al 28′ ad un gol fatto, con Ranocchia che era arrivato al colpo di testa da due passi su cross da calcio d’angolo. Liverani inserisce Sohm e Cyprien al posto di Kurtic e Gervinho, Conte sostituisce Hakimi e Barella con Ashley Young e Nainggolan. Forza la squadra di casa, al 37′ una gran botta di Vidal finisce di poco alta sopra la traversa, quindi 4′ di recupero e l’Inter riesce almeno a riacciuffare il pareggio. Segna Perisic che irrompe sul primo palo su una punizione calciata da Kolarov, trovando il 2-2 di testa: check al VAR e posizione del croato regolare d’un soffio, poi al 94′ Vidal sfiora il colpaccio, ma sarebbe stato troppo per un ottimo Parma. Finisce in parità. (agg. di Fabio Belli)

INTER PARMA IN STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA PARTITA DI SERIE A

La diretta tv di Inter Parma sarà garantita in esclusiva per gli abbonati Sky sui canali sportivi della piattaforma televisiva satellitare, di conseguenza la partita di Serie A sarà per loro visibile anche tramite il servizio di diretta streaming video garantito dal sito oppure dall’applicazione di Sky Go.

DOPPIO GERVINHO!

Inizio di ripresa col turbo per il Parma a San Siro. Bastano 2′ ai Ducali per portarsi in vantaggio: lancio di Hernani col contagiri per Gervinho che sbuca alle spalle di De Vrij e con una splendida girata al volo non lascia scampo a Handanovic. La scena si ripete al 17′, stavolta è Inglese a trovare la profondità per l’ivoriano che ancora una volta supera di slancio De Vrij e piazza il pallone alle spalle di Handanovic. L’Inter aveva appena sostituito Gagliardini ed Eriksen con Vidal e Brozovic, ed è proprio il croato a riportare immediatamente i nerazzurri in partita al 19′, gran botta secca imparabile per Sepe e Inter e Parma sull’1-2 per gli ospiti a San Siro. (agg. di Fabio Belli)

HAKIMI SPRECA

L’Inter continua ad affidarsi spesso alle conclusioni dalla distanza, al 28′ ci prova Kolarov dal limite dell’area ma senza fortuna, quindi qualche problema per Grassi che lascia il Parma momentaneamente in dieci ma riesce comunque a proseguire il match. Palloni tagliati di Eriksen e Kolarov nell’area Ducale, ma il Parma si fa sempre trovare pronto sui cross e non disdegna ripartenze pericolose. L’ultima occasione della prima frazione di gioco ce l’ha comunque l’Inter, Hakimi sbuca sul secondo palo su un cross ben piazzato in area da Kolarov, ma da posizione favorevole non riesce a centrare lo specchio della porta e si va al riposo col risultato ancora a reti bianche tra Inter e Parma a San Siro. (agg. di Fabio Belli)

PERISIC PERICOLOSO

Inizio di primo tempo non memorabile a San Siro, e a metà primo tempo Inter e Parma sono ancora sullo 0-0. I nerazzurri si fanno subito pericolosi subito con una girata di Perisic che finisce d’un soffio alta, quindi con un tentativo di Lautaro Martinez controllato da Sepe. Al 10′ gran riflesso di Handanovic su una botta secca di Cornelius, ma l’azione era stata fermata per fuorigioco. L’Inter colleziona una discreta quantità di tiri dalla bandierina ma conclude poco, al 20′ ci prova Perisic che è il più attivo alla conclusione, ma stavolta l’azione era ferma per offside. Il primo ammonito della partita è Hernani nel parte, al 23′ sanzionato per un intervento su Hakimi. (agg. di Fabio Belli)

FORMAZIONI UFFICIALI, VIA!

Solo pochi istanti prima del fischio d’inizio della diretta di Inter Parma: mentre le formazioni ufficiali del match stanno facendo il loro ingresso in campo, approfittiamone per analizzare qualche dato. Alla vigilia della sesta giornata di Serie A la squadra di Antonio Conte ha messo da parte 10 punti, utili per la 4^ piazza della classifica: i nerazzurri hanno infatti messo a tabella tre successi e un solo KO (col Milan), rivelandosi anche molto prolifici sotto rete, ma non impeccabili in difesa (13 gol fatti e 8 subiti finora). Solo altri numeri per il Parma che invece staziona solo alla 16^ posizione della graduatoria, con solo 4 punti e un tabellino che recita un successo (col Verona) e un pari, recuperato nell’ultimo turno. I ducali per il momento non si stanno rivelando brillanti in difesa: ben 11 le reti incassate e solo sei quella segnate a favore. Ora torniamo al presente e diamo la parola al campo: Inter Parma si gioca! INTER: 1 Handanovic; 6 de Vrij, 13 Ranocchia, 11 Kolarov; 2 Hakimi, 5 Gagliardini, 23 Barella, 36 Darmian; 24 Eriksen; 14 Perisic, 10 Lautaro. A disposizione: 27 Padelli, 97 Radu, 15 Young, 22 Vidal, 33 D’Ambrosio, 42 Moretti, 44 Nainggolan, 48 Carboni, 49 Satriano, 77 Brozovic, 95 Bastoni, 99 Pinamonti. Allenatore: Conte. PARMA: 1 Sepe, 2 Iacoponi, 3 Pezzella, 4 Balogh, 7 Gagliolo, 8 Grassi,11 Cornelius, 14 Kurtic, 23 Hernani,27 Gervinho, 33 Kucka. A disposizione: 40 Turk, 77 Rinaldi, 10 Karamoh, 15 Brugman, 18 Cyprien, 19 Sohm, 30 Valenti,45 Inglese, 93 Sprocati,99 Adorante. Allenatore: Liverani. (agg Michela Colombo)

INTER PARMA: GLI ALLENATORI

Mentre aspettiamo la diretta di Inter Parma, possiamo adesso spendere qualche parola in più sui due allenatori Antonio Conte e Fabio Liverani. Per Conte la seconda stagione all’Inter è iniziata in modo abbastanza strano: la squadra sembra essere a metà di un guado e non decolla, anche se di certo non si può parlare di crisi. Il Covid non ha dato una mano, soprattutto nel derby, mentre la partita contro lo Shakhtar ha detto che l’Inter gioca bene ma non segna, soprattutto se per una volta resta a secco il “solito” Lukaku. Basta poco per decollare, ma di certo non si può più sbagliare, anche perché dopo il Parma arriverà il Real Madrid in Champions League. Sul fronte emiliano, dobbiamo osservare che il Parma ha deciso un cambio anche di filosofia piuttosto radicale passando da Roberto D’Aversa a Fabio Liverani: alcune difficoltà sono dunque comprensibili, perché nelle prime uscite abbiamo visto una squadra che non è più quella di D’Aversa ma non è ancora quella di Liverani. A San Siro però servirà il migliore Parma per uscirne bene… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

TESTA A TESTA

A poche ore dal fischio d’inizio della diretta di Inter Parma vogliamo ora fissare la nostra attenzione anche sullo storico che interessa i due club, chiamati oggi in campo nella sesta giornata di campionato. I dati a nostra disposizione sono davvero tanti: dal 1960 a oggi le due formazioni si sono sfidate a viso aperto in ben 63 occasioni tra primo campionato italiano e Coppa Italia. Il bilancio complessivo poi pende nettamente in favore dei nerazzurri, visto che nello scontro diretto hanno fatto loro ben 26 successi: solo 19 le vittorie ottenute dai ducali, mentre i pareggi recuperati entro il triplice fischio finale sono stati finora 18. Va infine aggiunto che l’ultimo testa a testa ufficiale segnati tra Inter e Parma è ben recente visto che risale alla stagione 2019-20 della Serie A. Qua dunque ricordiamo il pareggio per 2-2 segnato a San Siro con i gol di Candreva e Lukaku per l’Inter e le reti di Karamoh e Gervinho del Parma: al ritorno furono i nerazzurri a vincere per 2-1 con i gol di Bastoni e De Vrij, mentre solo Gervinho provò a ricucire lo strappo per gli emiliani. (agg Michela Colombo)

RISULTATO SCONTATO?

Inter Parma, in diretta alle ore 18.00 di oggi, sabato 31 ottobre, si gioca allo stadio Giuseppe Meazza di San Siro in Milano per la sesta giornata del campionato di Serie A. Una sfida che negli ultimi decenni spesso è stata di grandissimo valore, oggi arriviamo invece alla diretta di Inter Parma con orizzonti ben diversi tra i nerazzurri di Antonio Conte e gli emiliani di Fabio Liverani. L’Inter è tornata alla vittoria in campionato sabato scorso contro il Genoa e adesso è quarta in classifica in una graduatoria d’altronde ancora molto corta: per adesso dunque non serve fare molti calcoli, ma solo raccogliere quanti più punti possibile per l’obiettivo finale, che potrebbe essere lo scudetto. Quella di oggi è una delle partite dunque da vincere, al cospetto di un Parma che nella scorsa giornata ha faticato per pareggiare contro lo Spezia: i punti in classifica per gli emiliani sono solamente quattro, ma a San Siro avranno poco da perdere – qualsiasi risultato positivo dovesse arrivare, sarebbe tanto di guadagnato…

PROBABILI FORMAZIONI INTER PARMA

Le probabili formazioni di Inter Parma tengono logicamente conto di un periodo che è molto intenso per i nerazzurri. Il turnover potrebbe ad esempio riportare titolari Kolarov in difesa e Perisic a centrocampo, mentre in attacco ci sono meno alternative con la doccia gelata dell’infortunio di Lukaku e di conseguenza con Lautaro Martinez ecco Pinamonti, anche se resta da capire chi giocherà in loro appoggio e se ci sarà dunque spazio per Eriksen dal primo minuto questa volta. Sul fronte emiliano, Cornelius e Gervinho in settimana non sono stati nemmeno convocati per la Coppa Italia, segnale molto evidente del fatto che mister Liverani li voglia al massimo oggi in campionato. Kucka dovrebbe agire da trequartista, a meno che il Parma si presenti con un atteggiamento ancora più aggressivo, che proponga Karamoh in appoggio alle due punte, con Kucka che scivolerebbe sulla linea dei centrocampisti. Occhio infine a Grassi, che potrebbe essere adattato da terzino destro.

PRONOSTICO E QUOTE

Infine, diamo uno sguardo anche al pronostico di Inter Parma secondo le quote fornite dall’agenzia Snai. I padroni di casa nerazzurri partono largamente favoriti, infatti il segno 1 è quotato a 1,27, mentre poi si sale a quota 6,00 in caso di pareggio (naturalmente segno X) e fino a 10,00 volte la posta in palio in caso di segno 2 per una vittoria del Parma.



© RIPRODUZIONE RISERVATA