Diretta/ Inter Udinese (risultato finale 5-1): sagra del gol, ora la festa Scudetto!

- Fabio Belli

Diretta Inter Udinese. Streaming video DAZN del match valevole per la diciannovesima giornata di ritorno del campionato di Serie A.

Lukaku e Conte
Inter, Antonio Conte e Romelu Lukaku (LaPresse, 2021

DIRETTA INTER UDINESE (RISULTATO FINALE 5-1): SAGRA DEL GOL, ORA E’ FESTA SCUDETTO!

Una vera e propria sagra del gol, culminata col punto della bandiera dell’Udinese grazie al penalty di Pereyra al 79’ (fallo di mani di Eriksen rilevato con l’on-field review): così l’Inter chiude il suo stupendo campionato, mancando l’ennesimo clean sheet ma arriccheno il già cospicuo carniere di gol e terminando a quota 91 in campionato. Il signor Volpi fischia anzitempo la fine delle ostilità, anche se in campo la gara era finita da tempo, e ora al “Meazza” si prepara l’ultimo atto della festa Scudetto che vedrà la squadra di Antonio Conte sollevare idealmente, attraverso i guantoni di capitan Handanovic, il trofeo riservato ai Campioni della Serie A. Per tutto quanto concerne il futuro del tecnico e della società nerazzurra, ci si penserà domani. Adesso, da queste parti, è tempo di festeggiare: in fondo, in Italia vincere uno Scudetto non è mai, come diveva qualcuno, un pranzo di gala… (agg. di R. G. Flore)

DIRETTA INTER UDINESE STREAMING VIDEO TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Inter Udinese verrà trasmessa su DAZN1, il canale che è disponibile al numero 209 del decoder di Sky e che è accessibile anche dagli abbonati alla televisione satellitare da almeno tre anni; i clienti DAZN invece potranno seguire questa partita in maniera “regolare”, vale a dire installando l’applicazione su dispositivi mobili come PC, tablet o smartphone per la visione in diretta streaming video, oppure utilizzando una smart tv che sia dotata di connessione a internet.

GOL, FANNO FESTA ANCHE PERISIC E LUKAKU!

Una volta siglato il punto del 3-0, Conte concede anche minuti a Lukaku, al posto proprio di Lautaro, e a Perisic che invece rileva un Hakimi che ha finito la sua stagione in crescendo. Al minuto 62 Bastoni salva tutto su una palla velenosa di De Paul, mentre poco dopo il gioco viene fermato per via di uno scontro fortuito da Samir e Gagliardini: poco dopo arriva il gol-meraviglia del pomeriggio con una bellissima azione in velocità e tutta di prima che vede Lukaku fare sponda alla grande per Vecino, l’uruguaiano si invola verso la porta e poi allarga a sinistra per l’accorrente Perisic che di prima con un destro a giro disegna un arcobaleno imparabile per Musso: 4-0 e più festa di così non può essere (64’)! Ma il divertimento continua perché al 72’ prima Lukaku sbaglia un gol facilissimo da pochi metri su assist di Vecino ma sul prosieguo dell’azione, un cross del neo entrato Sanchez pare troppo lungo, poi sbatte sul palo e sulla faccia del belga che così segna… involontariamente il 24esimo gol della sua stagione. 5-0 per l’Inter, che quest’anno è una macchina da gol! (agg. di R. G. Flore)

GOL, TRIS DI LAUTARO SU RIGORE AL 56′!

Il secondo tempo della sfida tra Inter e Udinese comincia con un cambio (Padelli al posto di Handanovic per una sorta di passerella finale di saluto per il terzo portiere) e i nerazzurri che appaiono non ancora sazi, laddove comunque i friulani cercano con impegno la rete che riaprirebbe il match. Nel primo quarto d’ora della ripresa da segnalare Hakimi che salva su De Paul davanti a Padelli al 49’ e poi una grande conclusione di Lautaro a 52’ dopo aver saltato due difensori, ma l’attento Musso devia in corner. Poco dopo ci prova Eriksen, alla ricerca del bis, da fuori area e guadagna un corner col numero uno argentino ancora decisivo: l’Inter è una valanga e al 55’ Hakimi scherza più volte Zegelaar in area costringendolo al fallo da rigore. Sul dischetto va Lautaro che non sbaglia e segna il 17esimo gol della sua stagione: rete di potenza 3-0 per l’Inter! (agg. di R. G. Flore)

FINE 1° TEMPO, GOL CAPOLAVORO DI ERIKSEN!

A seguito del battibecco precedentemente descritto con Becao, Conte corre ai ripari e manda subito Lukaku a scaldarsi. Intanto nell’ultimo quarto d’ora di questo primo tempo, va registrata una chance per De Paul su un pallone allontanato da D’Ambrosio, ma l’argentino colpisce male e l’azione sfuma. In questo finale i friulani provano a sfondare, sfruttando anche il poco affiatamento dei tre difensori che compongono il reparto arretrato odierno nerazzurro: al 36’ Lautaro lavora la sfera per Vecino che quasi da casa sua prova il gol dalla distanza ma la sfera termina di molto a lato. Poco dopo ennesimo guaio muscolare per Sensi che chiude così la sua travagliata stagione: al suo posto ecco Eriksen, tra i pochi centrocampisti oggi a disposizione di Conte. Poi ecco il calcio di punizione guadagnato da Gagliardini: da posizione centralissima va Eriksen che, grazie a una leggera deviazione di Okaka e al palo, ‘battezza’ pure Musso e segna il suo terzo gol stagionale, ancora con una perla su calcio piazzato. 2-0 Inter e tutti al riposo! (agg. di R. G. Flore)

RITMI BASSI, NERAZZURRI IN CONTROLLO

Una volta trovato il vantaggio, l’Inter di Conte comincia a giocare più sciolta, e Sensi è tra i più attivi: al mnuto 16 brivido per la difesa bianconera con un rischioso retropassaggio di Samir per Musso che deve inventarsi dribblomane per eludere l’intervento di Lautaro evitando così anche la frittata. Tre minuti dopo un fallo tattico di Becao, che letteralmente si aggrappa a un ispiratissimo Martinez, non viene sanzionato col “giallo” dal direttore di gara come regolamento vorrebbe: poco dopo un brutto errore di Gagliardini regala un calcio di punizione a centrocampo all’Udinese e he poteva costargli anche un cartellino. Ad ogni modo i ritmi non sono altissimi e complice il caldo e l’atmosfera da amichevole estiva le azioni pericolose latitano. anzi al 25′ il gioco si ferma per un contatto Becao-Martinez che fa ruzzolare l’argentino malamente: quest’ultimo non accetta ls cuse del brasiliano e deve intervenire Lukaku per calmare gli animi. e infatti poco dopo il 10 nerazzurro si ‘vendica’ su Becao e si becca il cartellino che gli farà saltare la prossima gara di A…  (agg. di R. G. Flore)

GOL, YOUNG LA SBLOCCA AL 7′!

Il pomeriggio di festa allo stadio “Giuseppe Meazza” per l’Inter Campione d’Italia, e che vede l’Udinese quale sparring partner, comincia con i nerazzurri che schierano molte seconde linee e così nei primi 15’ del match sono i friulani ad apparire più arrembanti e pronti a tenere il pallino del gioco, laddove gli uomini di Conte si fanno vedere in avvio solo con dei lanci lunghi dalle retrovie. Al minuto 5’ una bella combinazione dei padroni di casa porta Lautaro davanti a Musso ma sul lancio il connazionale dell’argentino è bravo ad anticiparlo, subendo anche fallo. Poi al minuto 7’, al termine di un bello scambio volante, l’Inter va in vantaggio: l’inglese dal centro-sinistra detta l’azione, si fa ridare palla da Lautaro e davanti a Musso lo fredda in uscita, venendone però travolto: 1-0 e vantaggio quasi immediato ai danni dell’undici allenato da Gotti! (agg. di R. G. Flore)

GLI ALLENATORI

Inter Udinese potrebbe anche rappresentare l’addio di Antonio Conte e Luca Gotti alle rispettive panchine. Sarà davvero così? È difficile stabilirlo: ovviamente tutto porterebbe alla conferma di un Conte che ha riportato lo scudetto sulle maglie nerazzurre dominando il campionato, ma ricordiamo bene il tira e molla della scorsa estate e un addio che pareva davvero fatto. Alla fine la frattura si è ricomposta, ma nella sua eventuale permanenza come allenatore dell’Inter peserà eventualmente la stabilità societaria e dunque le mosse in sede di calciomercato, visto che 7 anni fa la separazione della Juventus era stata clamorosa e legata ai diverbi con la dirigenza. Gotti invece rappresenta la guida di un’Udinese che forse non era così brillante dai tempi di Francesco Guidolin; il problema forse è che viene ancora visto come un traghettatore, e per questo c’è sempre l’opzione di sostituirlo. Infatti, da Udine non ci sono ancora segnali che puntino a un rinnovo che, pure, il tecnico veneto meriterebbe in pieno; staremo allora a vedere, per come lo conosciamo e quanto detto finora potrebbe essere lui stesso a tirarsi indietro… (agg. di Claudio Franceschini)

INTER UDINESE: LO STORICO

Diamo uno sguardo ora ai precedenti della diretta di Inter Udinese. Il match si è disputato in Serie A a San Siro per 47 volte col bilancio che ci parla di un predominio dei meneghini in grado di vincere 26 volte rispetto alle 10 dei friulani e a 11 pareggi. La squadra nerazzurra ha segnato 83 reti, mentre i bianconeri 51. L’Udinese è una delle poche squadre che l’Inter non ha battuto, visto che all’andata il match terminò con un pari. L’ultimo precedente sorride ai nerazzurri che si imposero per 1-0 con un gol nel finale di primo tempo di Stefano Sensi, era il settembre del 2019. Per trovare un’ultima vittoria dell’Udinese si deve tornare al dicembre 2017, quando arrivò un 1-3. Gli ospiti andarono subito in vantaggio con un gol di Lasagna, pareggiato dopo poco da Icardi. Nella ripresa un rigore di De Paul e un gol di Barak regalarono i tre punti all’Udinese. Sarà interessante vedere come andrà oggi la gara, per aggiornare anche il bilancio. (agg Matteo Fantozzi)

PASSERELLA TRICOLORE A SAN SIRO!

Inter Udinese, in diretta domenica 23 maggio 2021 alle ore 15.00 presso lo stadio Giuseppe Meazza di Milano, sarà una sfida valevole per la diciannovesima giornata di ritorno di Serie A. Festa Scudetto a San Siro con 1000 spettatori presenti allo stadio Giuseppe Meazza, dopo 11 anni la formazione nerazzurra è tornata sul tetto d’Italia trovando nel girone di ritorno un rendimento che ha consentito alla formazione allenata da Antonio Conte di fare letteralmente il vuoto.

L’ultima sconfitta in casa della Juventus ha lasciato qualche strascico polemico soprattutto per come è maturata e per l’arbitraggio, ma questa ultima giornata concentrerà solamente la voglia di fare festa per Lukaku e compagni. Anche l’Udinese può ritenersi soddisfatta del cammino portato avanti, anche se molti punti persi per strada dalla formazione friulana hanno lasciato l’amaro in bocca soprattutto al tecnico Gotti, che poteva vedere la formazione bianconera ancor meglio piazzata in classifica senza tante ingenuità. Una comoda salvezza rientrava comunque nei piani di inizio stagione del club che può dunque essere più che soddisfatto del lavoro svolto da staff e squadra.

PROBABILI FORMAZIONI INTER UDINESE

Le probabili formazioni della sfida tra Inter e Udinese allo stadio Giuseppe Meazza. I padroni di casa allenati da Antonio Conte scenderanno in campo con un 3-5-2 e questo undici titolare: Handanovic; Skriniar, De Vrij, D’Ambrosio; Hakimi, Vecino, Eriksen, Sensi, Perisic; Pinamonti, Lukaku. Risponderà la formazione ospite guidata in panchina da Luca Gotti con un 3-5-1-1 così disposto dal primo minuto: Musso; Becao, Bonifazi, Nuytinck; Molina, De Paul, Walace, Makengo, Stryger-Larsen; Pereyra; Okaka.

QUOTE E PRONOSTICO

Per chi vorrà scommettere sulla sfida tra Inter e Udinese, le quote del bookmaker Snai moltiplicano per 1.35 la posta scommessa sulla vittoria interna, mentre la quota relativa al pareggio viene proposta a 5.25 e la quota riferita al successo in trasferta viene offerta a 6.75 volte rispetto a quanto messo sul piatto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA