DIRETTA/ Maccabi Milano (risultato finale 85-86 OT): punti preziosi per l’Olimpia!

- Claudio Franceschini

Diretta Maccabi Milano (risultato finale 85-86 OT) è bella ma sofferta vittoria per l’Olimpia nella partita valida per l’undicesima giornata di basket Eurolega.

Malcolm Delaney Milano Facebook 2020 640x300
Diretta Khimki Milano, basket Eurolega recupero 8^ giornata (da facebook.com/OlimpiaMilano1936)

DIRETTA MACCABI MILANO (RISULTATO FINALE 85-86)

Ci sono voluti i tempi supplementari, ma alla sirena è grande festa per i biancorossi di Messina, che sbancano alla Menora Mivtachim Arena nell’11^ giornata dell’Eurolega. Termina infatti col risultato di 85-86 la sfida tra Maccabi Tel Aviv e Milano e per la formazione meneghina sono punti davvero importanti quelli che arrivano oggi: l’Ea7 infatti si aggrappa ora alla ottava e ultima posizione in classifica valida per la fase finale del torneo e dunque torna a sperare in vista della qualificazione ai playoff. Venendo però ora alle ultime emozioni del match di basket, va detto che è stato un overtime veramente stellare quello a cui abbiamo assistito questa sera. Al via è subito Milano a portarsi in vantaggio con Brooks, mentre Dibartolomei trova subito il pari per gli israeliani: la tensione si taglia col coltello e porta (oltre a un po’ di stanchezza) entrambe le squadre a sbagliare parecchio. Pure Brooks fa di tutto per portare in vantaggio l’Ea7 e ci riesce sul 76-77 con una magnifica tripla: Gunter e Delaney contribuiscono con sostanza, ma Maccabi rimane sempre incollata. È dunque un continuo sorpasso e controsorpasso sul tabellone del risultato: nell’ultimo minuto Rodriguez con una bomba riporta sul 83-84 i milanesi. È dunque botta a risposta nel finale ma l’ultima parola è di Delaney, che chiude col risultato di 86-85 per l’Olimpia. (agg Michela Colombo)

SI VA ALL’OVERTIME

Si va all’overtime per la sfida dell’Eurolega tra Maccabi Tel Aviv e Milano: terminata anche la quarta frazione di gioco, è 70-70 il punteggio sul tabellone e dunque servirà qualche minuti extra per capire a chi andranno questo preziosissimi punti in palio nella 11^ giornata della manifestazione continentale. In attesa di ridare la parola al parquet, vediamo intanto che cosa è successo negli ultimi venti minuti di gioco, ricordando che pure all’intervallo ci eravamo lasciati con i milanesi in forte vantaggio. Pure una volta tornati in campo, i padroni di casa hanno cominciato a fare sul serio: nel terzo parziale si gioca infatti palla su palla e gli israeliani provano dunque a rosicchiare qualche punticino. Dopo dieci minuti di gioco il risultato è già sul 53-59 sempre per Milano: è dunque nell’ultimo parziale che li uomini di Messina si fanno completamente recuperare. Al via del quarto quarto è Dorsey a firmare il + 4 nei primi secondo di gioco: di fila Hunter mette a segno altri punti preziosi, mentre Milano fatica a creare gioco. Messina si affida dunque a Delaney che sul 61-64 non delude e riporta in avanti l’Ea7. Pure questo non basta: Wilbekin segna il vantaggio del Maccabi Tel Aviv sul 70-69 ed è solo una magia di Punter che permette all’Olimpia di andare ai supplementari. Vediamo che succederà.! (agg Michela Colombo)

DIRETTA MACCABI MILANO STREAMING VIDEO TV: COME VEDERE LA PARTITA

Non sarà possibile assistere alla diretta tv di Maccabi Milano, a meno che non ci siano variazioni di palinsesto all’ultimo momento (nel caso, bisognerà controllare su Eurosport 2): tutte le partite di Eurolega sono fornite, come sappiamo, dalla piattaforma Eurosport Player che ne garantisce la visione in diretta streaming video ai suoi abbonati. Ricordiamo anche l’appuntamento con il sito ufficiale www.euroleague.net, dove consultare liberamente le informazioni utili come il tabellino play-by-play, le statistiche dei giocatori e delle squadre e la classifica del girone di Eurolega.

INTERVALLO

Maccabi Milano 35-47: continua la situazione di equilibrio alla Menora Mivtachim Arena, siamo all’intervallo lungo e in questa partita di Eurolega può decisamente succedere di tutto anche se il finale di secondo periodo ha dato indicazioni precise. L’Olimpia è dove voleva essere, in vantaggio e con un allungo importante anche e soprattutto per morale e inerzia; nel secondo quarto hanno prodotto punti utili gli esterni, con Kevin Punter e Vlado Micov che sono riusciti a trovare soluzioni anche dalla lunga distanza. L’ingresso di Sergio Rodriguez ha dato dinamismo e giro palla convincenti per la squadra di Ettore Messina; il Maccabi ha provato ad allungare senza riuscirci, con Dragan Bender e Othello Hunter che stanno guidando molto bene la second unit sopperendo a un quintetto titolare nel quale il solo Elijah Bryant sta facendo il suo, mentre Scottie Wilbekin al momento sembra essere fuori dalla partita (anche 3 palle perse) se non per gli assist, che hanno portato a canestri importanti. Milano però ha retto l’urto giallo con l’attacco, arrivando al sorpasso nella parte finale del periodo; qui l’Olimpia ha anche trovato l’allungo giusto con uno straordinario parziale di 15-1 partorito da Shavon Shields e Kyle Hines, il quale finalmente ha anche iniziato a farsi sentire sotto canestro. Pur con uno Zach LeDay da 0/2 dal campo e un Kaleb Tarczewski che si è preso un solo tiro, Milano sta allungando le sue mani sulla partita: riuscirà a confermarsi nel secondo tempo? Stiamo per scoprirlo… (agg. di Claudio Franceschini)

MACCABI MILANO (RISULTATO 20-18): FINE 1° QUARTO

Maccabi Milano 20-18: avvio veemente da parte degli israeliani nella sfida di Eurolega, ma l’Olimpia dimostra comunque di essere in partita e risponde colpo su colpo. Ettore Messina parte con un quintetto decisamente piccolo: Kevin Punter insieme a Malcolm Delaney e Zach LeDay, con Vlado Micov e Kaleb Tarczewski a completare. È però soprattutto la panchina a dare il suo contributo: Shavon Shields e Jeff Brooks si alzano e sono subito incisivi portando energia, a contribuire maggiormente è però Kyle Hines che dimostra di essere giocatore di lusso anche per questi contesti. Il Maccabi ha tanto da Elijah Bryant in avvio, il numero 0 si prende responsabilità dall’arco e fa centro due volte; poi però il rubinetto si chiude e Milano riesce a rientrare egregiamente, anche se rischia di andare sotto a rimbalzo dove lo stesso Bryant e Angelo Caloiaro possono fare la differenza. Siamo solo alla fine del primo quarto, ma il punteggio alla Menora Mivtachim Arena è alto: le due squadre sembrano essere in palla e non si risparmiano, come detto brava l’Olimpia a rimanere agganciata al match con la possibilità ora di allungare le mani sulla vittoria. Vedremo quello che succederà nel secondo quarto… (agg. di Claudio Franceschini)

MACCABI MILANO (RISULTATO 0-0): PALLA A DUE!

Eccoci arrivati alla palla a due di Maccabi Milano. Il coach della squadra israeliana è per la terza stagione consecutiva Ioannis Sfairopoulos, greco che nella sua carriera ha guidato per quattro anni l’Olympiacos arrivando a vincere due campionati nazionali – impresa replicata in Israele – ottenendo anche tre titoli di allenatore dell’anno (uno sulla panchina del Pireo, due su quella del Maccabi) ma non riuscendo mai a festeggiare in Eurolega. Da questo punto di vista Sfairopoulos era arrivato in finale nel 2012, quando era il vice di Jonas Kazlauskas sulla panchina del Cska Mosca: i russi avevano raggiunto la finale ma l’avevano persa, curiosamente, contro l’Olympiacos. Nel roster di oggi domina Scottie Wilbekin che segna 17,6 punti a partita aggiungendoci 2,9 assist, in doppia cifra l’unico altro giocatore è Tyler Dorsey (10,1) mentre Othello Hunter, che esce dalla panchina, ha cifre inferiori rispetto alla produzione degli anni scorsi garantendo comunque 7,0 punti e 5,0 rimbalzi. Una squadra come detto in difficoltà, che nelle ultime uscite ha perso in trasferta contro Real Madrid e Valencia e che non vince dalla partita interna contro lo Zalgiris; Milano dovrà essere brava ad approfittarne per migliorare la sua classifica. Vedremo se sarà così: è giunto il momento di metterci comodi e lasciare la parola al parquet della Menora Mivtachim Arena, dove la diretta di Maccabi Milano comincia! (agg. di Claudio Franceschini)

MACCABI MILANO: I TESTA A TESTA

La storia di Maccabi Milano è fatta di 18 precedenti, almeno per quanto riguarda l’Eurolega moderna: sono 12 le vittorie degli israeliani, tre di queste arrivate nell’ormai famosa serie playoff del 2014 che rappresenta anche l’ultima volta in cui l’Olimpia era riuscita a qualificarsi per i quarti di finale del torneo. Possiamo notare come il Maccabi abbia anche vinto cinque delle ultime sette partite; i due successi di Milano in questo periodo risalgono entrambi al 2019 sul parquet del Mediolanum Forum, l’ultima affermazione della squadra di Tel Aviv, riferita alle partite in casa, è il 69-63 dello scorso gennaio nel quale Othello Hunter aveva centrato una bella doppia doppia da 14 punti e 14 rimbalzi e Scottie Wilbekin aveva infilato 22 punti tirando 8/13 dal campo. Clamorosamente invece l’Olimpia non è mai riuscita a vincere in Israele: ci ha giocato 9 volte e ha sempre perso, la prima (dicembre 2005) era stata beffarda perché il punteggio aveva recitato 96-95 all’overtime, 26 punti e 9 rimbalzi di Nikola Vujcic, 13+10 di Maceo Baston e 20 punti di un Derrick Sharp da 5/10 dall’arco, all’Olimpia non erano bastati i 26 punti, 11 rimbalzi e 4 assist di un eroico Massimo Bulleri, né il 4/7 dalla lunga distanza di Dante Calabria. (agg. di Claudio Franceschini)

MACCABI MILANO: LA STORIA DEGLI ISRAELIANI

Ci avviciniamo alla diretta di Maccabi Milano: conosciamo bene la storia della squadra israeliana, che ha vinto in tre occasioni l’Eurolega moderna facendo uno straordinario back to back nel 2004 e 2005. Era quello il roster nel quale splendevano Sarunas Jasikevicius, Anthony Parker, Maceo Baston, Nikola Vujcic; uno squadrone, tra i più forti che si siano mai visti in campo europeo. Il Maccabi però non si è fermato qui: ha giocato la finale nel 2006 e ci è tornato nel 2008 e 2011, ma soprattutto nel 2014 ha vinto un titolo che per il match di questa sera ha un sapore “speciale”, perché ottenuto al Mediolanum Forum e dopo aver eliminato l’Olimpia nei playoff – ne abbiamo parlato. Guidata da David Blatt dalla panchina e Tyrese Rice dal campo, quella squadra fece il miracolo in semifinale con la rimonta sul Cska Mosca di Milos Teodosic, poi sconfisse il Real Madrid nell’ultimo atto; da quel momento però anche gli israeliani sono calati, l’anno seguente hanno raggiunto i playoff per l’ultima volta (eliminati dal Fenerbahçe in tre partite) e da quel momento stanno provando a tornare grandi, impresa che però appare quantomeno complessa come dimostrato dall’andamento in questa stagione. (agg. di Claudio Franceschini)

MACCABI MILANO: OCCASIONE PER L’OLIMPIA!

Maccabi Milano, partita diretta dagli arbitri Juan Carlos Garcia, Damir Javor e Mehdi Difallah, si gioca alla Menora Mivtachim Arena di Tel Aviv con palla a due alle ore 20:05 – italiane – di giovedì 26 novembre: siamo nell’undicesima giornata di basket Eurolega 2020-2021, e per l’Olimpia questa è una partita importante nell’economia della lotta per i playoff. Rimessasi in corsa con la vittoria sullo Zalgiris, la squadra di Ettore Messina ha adesso un bilancio in positivo (4 vittorie e 3 sconfitte) e deve ancora recuperare tre gare, dunque ha la possibilità concreta di migliorare ancor più la sua classifica posizionandosi nelle prime otto. Questa sera va a giocare sul parquet di un’avversaria in difficoltà, che ha il pieno dei match disputati e ne ha vinti soltanto tre; il Maccabi resta un’istituzione della pallacanestro europea ma da qualche anno sta faticando a trovare il giusto ritmo. Vedremo dunque come andranno le cose nella diretta di Maccabi Milano; aspettandone la palla a due, proviamo a valutare insieme quali potrebbero essere i temi principali della partita.

DIRETTA MACCABI MILANO: RISULTATI E CONTESTO

Maccabi Milano rappresenta quindi una bella occasione per l’Olimpia che, approfittando delle difficoltà di una squadra che ha vinto solo una delle ultime cinque partite di Eurolega, potrebbe prendersi una vittoria esterna di importanza capitale. I recuperi attendono, nel frattempo Messina vuole provare a rientrare in zona playoff lanciando un chiaro segnale alle sue avversarie; questa stagione si sta rivelando strana perché alcune delle big hanno già perso punti importanti lungo la via, questo significa che c’è spazio per inserirsi ma anche che alcune sorprese stanno vincendo più di quanto contemplato, rendendo più difficile il compito. Ad ogni modo Milano ha il grande vantaggio di doversi preoccupare, almeno sulla carta, solo dell’Eurolega: in campionato vola, ha sempre vinto e dopo aver battuto Venezia al Forum ha preso un bel margine su tutte le rivali in chiave primo posto. Andare a giocare a Tel Aviv è sempre difficile, ma quest’anno non ci sarà la grande atmosfera sugli spalti (purtroppo) e anche questo potrebbe essere un punto a favore di Milano. Per il resto, si tratta solo di aspettare che si giochi per valutare quello che succederà sul parquet della Menora Mivtachim Arena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA