DIRETTA MOTOGP ARAGON/ Qualifiche live: Marquez pole position! Rossi 6° e Dovizioso..

- Mauro Mantegazza

Diretta MotoGp, live qualifiche: Marquez in pole position nel GP Aragon 2019, ma che ansia con Quartararo. Sesto Valentino Rossi, Dovizioso fatica. Cronaca e tempi delle sessioni di oggi

Marquez MotoGp
Classifica MotoGp, Gp Giappone 2019 (Foto LaPresse)

Pole position con ansia per Marc Marquez, che rischiava di farsi soffiare il primo posto da Fabio Quartararo. Un ultimo sussulto, un brivido che lascia poi spazio al capolavoro del pilota della Honda. Il campione del mondo in carica ha chiuso in 1:47.009, con 327 millesimi di vantaggio da Quartararo, che nei primi settori aveva fatto suonare l’allarme in casa Honda. Sono 463 i millesimi di distacco invece con Maverick Vinales, che ha fatto il terzo tempo. Quarto Miller, a sorpresa quinto posto per l’Aprilia di A. Espargaro, che ha dato tre decimi alla Yamaha di Valentino Rossi, sesto. Settimo posto per Cal Crutchlow, poi Franco Morbidelli e Mir che hanno fatto anche meglio di Andrea Dovizioso, fermo al decimo posto. Undicesimo posto per Andrea Iannone, mentre P. Espargaro non ha girato a causa del suo infortunio. Fatica dunque la Ducati di Dovizioso, che partirà attardato. (agg. di Silvana Palazzo)

DIRETTA MOTOGP: MARQUEZ MARTELLA, QUARTARARO LO TALLONA…

Si decide tutto in 15 minuti, quelli del Q2 del GP di Aragon 2019 di MotoGp. Sarà lotta rovente per la pole position, ma il grande favorito resta Marc Marquez, che ha dominato finora con la sua Honda. Attenzione alle Yamaha: ci sono Maverick Vinales, Valentino Rossi e Quartararo che potrebbero dargli filo da torcere per la prima casella sulla griglia di partenza, quella più ambita. Ma scopriamo quali sono i piloti che si devono dare battaglia ora nel momento decisivo delle qualifiche. Dovizioso, Vinales, Quartararo, Morbidelli, Iannone, Crutchlow, Mir, A. Espargarò, Miller, Valentino Rossi, Marquez. Questa la lista. Spicca l’assenza di P. Espargaro, che non è in pista a causa dell’infortunio rimediato nell’ultimo turno delle prove libere. Un vero peccato per lui. Ma diamo un’occhiata ai primi tempi. Miller ha girato in 1:48.193, meglio ha fatto Maverick Vinales in 1:48.159. Solo terzo Marc Marquez, che poi ha cominciando a martellare e si è preso il primo posto in 1:47.050, secondo Quartararo, poi Miller e Vinals.(agg. di Silvana Palazzo)

MORBIDELLI E IANNONE IN Q2

A dir poco spettacolare ed emozionante la Q1, prima parte delle qualifiche del GP di Aragon 2019 di MotoGp. Merito anche dei piloti impegnati nella caccia ai primi due posti, gli unici che permettono di partecipare alla caccia alla pole position. Alex Rins e Franco Morbidelli per metà sessione si sono tenuti i primi due posti, con l’italiano a 93 millesimi. Nel finale la “guerra” di tempi. Prima Morbidelli ha stampato il tempo 1:48.292, poi Andrea Iannone è salito al secondo posto, con 38 millesimi di distacco. Alex Rins ha provato a rimediare, ma ha chiuso a 119 millesimi da Morbidelli. Quarto Nakagami, poi Petrucci e Bagnaia, quindi settimo Oliveira, Rabat, Kallo, Lorenzo, Syahrin, Abraham e ultimo Smith. E dunque a sorpresa Iannone passa in Q2 insieme a Morbidelli. Beffato Rins, che forse rimpiange la scelta di aver montato la gomma hard al posteriore. Ora però si fa sul serio: è il momento decisivo per le qualifiche. (agg. di Silvana Palazzo)

CACCIA ALLA POLE POSITION

Comincia la caccia alla pole position! Si parte subito con la Q1 ora che le prove libere vanno in archivio. Marc Marquez ha disputato una sessione a parte, considerando i tempi registrati e il passo gara mostrato. Nel time-attack si può senza dubbio costruire qualcosa per avvicinarsi al pilota della Honda, in gara però la storia potrebbe essere diversa, visto quanto riesce a martellare il campione del mondo in carica. Per quanto riguarda la FP4, da segnalare il brutto incidente di P. Espargaro con KTM. Sembra essersi fatto male ad un braccio, quindi si attendono aggiornamenti sulle sue condizioni, visto che è stato condotto nel centro medico. Passiamo alla classifica: Marquez primo, a 393 millesimi c’è Vinales, poi Quartararo e Rins davanti a Miller e Morbidelli. Solo settimo Valentino Rossi, davanti a Dovizioso. Mir e A. Espargaro a chiudere la classifica dei primi dieci. (agg. di Silvana Palazzo)

MARQUEZ VOLA, VALENTINO ROSSI INSEGUE…

Il rischio pioggia è stato scongiurato, quindi i piloti possono uscire dai box e lo fanno proponendo mescole di gomme diverse. C’è chi infatti opta subito per le slick e chi invece preferisce non rischiare. Ma diamo subito uno sguardo ai primi tempi. Alex Rins ha chiuso il suo giro in 1:49.301, a 90 millesimi invece Marc Marquez, che però ha continuato a girare per provare a migliorarsi. Questo turno è infatti prezioso per mettere a punto le configurazioni in vista della qualifica. Nel frattempo Morbidelli è sceso in 1:49.191, ma Rins è arrivato all’1:48.353. Poi però il solito Marquez ha regolato tutti girando in 1:48.304. La sensazione è che in questa fase i piloti vogliano provare a vedere com’è il loro passo gara, non avendo potuto girare molto in mattinata a causa dell’asfalto bagnato. Resta comunque impressionante il campione del mondo in carica. Andrea Dovizioso al momento fatica. Vinales, invece, è salito al quarto posto, sesto Valentino Rossi. (agg. di Silvana Palazzo)

VIA ALLA FP4!

Splende il sole su Motorland Aragon per l’inizio della FP4. Ultima sessione di prove libere, in condizioni di pista diverse rispetto al turno di stamattina. Ora infatti ci sono 25 gradi, oltre 32 invece sull’asfalto. E queste sono le condizioni che dovremmo avere anche domani. La parentesi maltempo è terminata, quindi è arrivato il momento di definire strategie e set up per le qualifiche. Peccato per chi sperava di dare una scossa alla classifica cumulativa, che infatti è rimasta invariata rispetto alla FP2. E quindi la Q1 sarà particolarmente interessante. Non avranno vita facile infatti Alex Rins, Danilo Petrucci e Franco Morbidelli. Suzuki, Ducati e Yamaha si ritroveranno in lotta insieme agli altri piloti della Q2 per il segmento decisivo della qualifica. Un altro aspetto interessante riguarda il fatto che nella caccia alla pole position ci sarà almeno una moto per ogni costruttore. Ora però occhi puntati sulla FP4 per trarre indicazioni utili in vista del momento decisivo di questa giornata. (agg. di Silvana Palazzo)

MARQUEZ SPETTATORE IN FP3

C’è grande attesa per le qualifiche del GP di Aragon 2019 di MotoGp, ma interessante sarà la FP4, ultima sessione di prove libere. Sarà infatti un turno utile per le ultime modifiche in vista dell’assalto alla pole position. La precedente sessione infatti è stata condizionata dalla pista umida, quindi i piloti non hanno voluto correre rischi inutili, ma in questo turno che sta per cominciare potrebbero esserci invece le condizioni per mettere a punto la strategia per la qualifica. Poche finora le indicazioni, ma qualche segnale è arrivato. Ad esempio, le Yamaha hanno confermato il proprio stato di forma, quindi si preparano a dare filo da torcere alla Honda di Marc Marquez. In particolare, Valentino Rossi è apparso convincente finora, quindi potrebbe giocarsi le sue possibilità per la pole position. Più complessa invece la situazione per Andrea Dovizioso, che non è apparso in grande forma in sella alla sua Ducati. (agg. di Silvana Palazzo)

RINS PRIMO IN FP3

Squillo di Alex Rins alla fine della FP3! Il pilota della Suzuki ha chiuso la penultima sessione di prove libere col miglior tempo. Ha girato infatti in 1:55.934, rifilando un secondo a Vinales. Merito anche delle gomme slick, provate nel finale quando c’erano le giuste condizioni in pista. Ma non ce l’ha fatta ad entrare nella top ten dei tempi combinati per saltare il Q1. Dovrà invece passare dalla prima sessione di qualifiche. Terzo invece Kallio, protagonista di una buona sessione. Quarto Morbidelli, poi Oliveira e Bagnaia. È risalito al settimo posto Valentino Rossi che non ha fatto in tempo a provare le slick, quindi Smith, Quartararo e Mir. Non ha girato Iannone. Invece Marc Marquez è sceso in pista nel finale solo per fare la prova di partenza e quella di cambio moto. Si torna dunque in pista tra qualche ora per la FP4, poi partirà la caccia alla pole position. (agg. di Silvana Palazzo)

KALLIO PRIMO, ROSSI PROVA LE SLICK?

La terza sessione di prove libere, la FP3 del GP di Aragon 2019 di MotoGp, sta volgendo al termine. Mancano pochi minuti al termine e non c’è alcuna scossa alla top 10 dei tempi combinati di ieri. Il sole è tornato, la pista si è man mano asciugata, ma i tempi non sono sensibilmente migliorati rispetto a quelli di ieri. Quartararo si è preso il primo posto in FP3 in 1:58.904. Chi pensa che sia una sessione inutile ha ragione solo in parte. A Marquez non serve certo scendere in pista in queste condizioni, ma per alcuni piloti è stato importante girare con le rain per capirne i limiti in vista di una gara che potrebbe anche essere sotto la pioggia. E dunque ora la top ten delle FP3 vedeva Quartararo davanti a tutti, poi si è imposto di nuovo Kallio in 1:57.744. In questi ultimi passaggi potremmo vedere ulteriori miglioramenti. Infatti Valentino Rossi potrebbe provare le slick, se farà in tempo. (agg. di Silvana Palazzo)

MIR DAVANTI A KALLIO

La pista si asciuga e i tempi migliorano in questo FP3 che potrebbe regalarci delle sorprese nel finale. A parte qualche zona umida nella parte centrale, siamo quasi in condizioni da asciutto. E infatti le “rain” si stanno surriscaldando, quindi potrebbe essere arrivato il momento giusto per scendere in pista con le slick. Conduceva Kallio in 1:59.412, con 53 millesimi su Vinales. Poi è sceso in pista Mir che si è preso quasi quattro decimi sul finlandese girando in 1:59.050. Questa è la fase più delicata perché in alcune zone della pista è caduta di nuovo qualche goccia di pioggia, quindi si temeva una pista nuovamente bagnata. Ma questa ulteriore pioggia si è esaurita in poco tempo, visto che il sole spadroneggia. Marquez intanto rimane comodamente seduto ai box in attesa di provare il set up nel finale. Questo al momento sembra il suo piano per le FP3 di oggi. Dovizioso invece è quarto. (agg. di Silvana Palazzo)

TEMPI ALTI, MARQUEZ ASPETTA

Le nuvole ci sono ma non portano più pioggia sul circuito del GP di Aragon 2019. Il cielo è coperto, ma c’è subito movimento sul tracciato, anche se non sono ancora le condizioni migliori. La pista in ogni caso si sta asciugando più in fretta del previsto, quindi non è da escludere l’uso delle gomme slick nella parte finale, quando in molti dovranno provare a dare l’assalto ai tempi per provare a fare un buon tempo e scongiurare il passaggio dal Q1. Una buona notizia per Alex Rins, ad esempio, per i motivi che vi abbiamo raccontato. Ci aspettiamo risposte dalla Ducati, chiamata a fare passi in avanti concreti. Non è un momento eccezionale per la scuderia di Borgo Panigale, lo dimostrano i tempi registrati finora su un tracciato che dovrebbe sposarsi bene invece con la GP19. Marc Marquez è subito sceso in pista, ma è rientrato subito dopo. Ha voluto dunque “assaggiare” la pista, come sta facendo in questi minuti, ad esempio, Valentino Rossi. Per ora il miglior tempo è quello di Vinales, in 2:00.222. (agg. di Silvana Palazzo)

VIA ALLA FP3!

La FP3 del Gp di Aragon 2019 di MotoGp comincia con la pioggia. Come si temeva, la pioggia è protagonista ad Alcaniz. Ne è caduta parecchia questa notte ed è tornata a scendere negli ultimi minuti, dopo la tregua di questa mattina. Dunque, i piloti devono concentrarsi sull’assetto da bagnato in vista delle qualifiche, visto che la Top10 al momento è blindata. La pioggia ora è leggera, si intravede anche qualche squarcio tra le nuvole, ma difficilmente saranno migliorabili i tempi combinati di ieri. E allora ricordiamo i primi dieci. Di Marquez il miglior tempo, poi Vinales e Valentino Rossi, quindi Quartararo e P. Espargaro, davanti a Jack Miller e Crutchlow. Solo ottavo tempo per Dovizioso, poi Mir ed Espargaro. La beffa è grande per Alex Rins, undicesimo ieri per 27 millesimi. Salvo miracoli dovrà passare dalla Q1 nelle qualifiche. Nessun problema invece per Marquez, che sembra vivere un Motomondiale a parte. (agg. di Silvana Palazzo)

DOVIZIOSO E ROSSI A CACCIA DI MARQUEZ

Ricominciano i lavori per il GP di Aragon 2019 di MotoGp. Sul circuito iberico stanno per cominciare le ultime sessioni di prove libere, fondamentali per trovare il miglior assetto in vista delle qualifiche. Il riferimento resta Marc Marquez, che infatti si è imposto in quattro delle ultime sei gare qui. Sarà dura per la Ducati di Andrea Dovizioso frenare il pilota della Honda. Il forlivese non ha ancora trovato il miglior feeling con la sua moto, soprattutto per i problemi di percorrenza in curva, ma ha il dovere di provarci. Deve ambire a posizioni di vertice anche Valentino Rossi, che non è mai riuscito a imporsi su questo tracciato. Infatti è tra i pochi dove il nove volte iridato non ha vinto. L’ambizione non gli manca e poi la Yamaha è in crescita. Infatti il “Dottore” ha mostrato ottima confidenza con la M1 e pure i riscontri cronometrici rassicurano. Dunque questo circuito rappresenta un buon banco di prova per capire a che punto è l’evoluzione della Yamaha. Insomma, anche stavolta ci sono tutti gli ingredienti per vivere un altro weekend spettacolare grazie alla MotoGp! (agg. di Silvana Palazzo)

DIRETTA MOTOGP: OGGI PROVE E QUALIFICHE GP ARAGON 2019

La MotoGp è in diretta anche oggi, sabato 21 settembre, con il grande appuntamento delle qualifiche del Gran Premio di Aragona 2019 sul circuito del Motorland Aragon, nei pressi della località di Alcaniz, che ospita il quattordicesimo appuntamento con il Motomondiale. Innanzitutto ricordiamo gli orari della diretta MotoGp di questo sabato naturalmente imperniato sulle qualifiche dell’appuntamento – terzo sui quattro stagionali in terra di Spagna -, che serviranno a stabilire la griglia di partenza e l’autore della pole position; sono chiaramente gli orari classici delle gare europee, ma andiamo a ricordarle a beneficio di tutti gli appassionati. Si parte alle ore 9.55 con le prove libere FP3, 45 minuti particolarmente importanti anche perché definiranno la classifica combinata delle prime tre sessioni di libere che stabiliscono i dieci qualificati direttamente al Q2; alle ore 13.30 i 30 minuti della FP4, poi le due sessioni delle qualifiche, da 15 minuti ciascuno: alle ore 14.10 via alla Q1 che mette due posti in palio per la successiva sessione, infine alle ore 14.35 ecco la decisiva Q2, che definirà le prime quattro file della griglia di partenza, secondo il format che è stato confermato dalle scorse stagioni.

DIRETTA MOTOGP, LE PROVE LIBERE

Un venerdì mattina all’insegna di Marc Marquez in MotoGp: questo è stato l’esito di per sé non sorprendente – ma impressionante per i distacchi – della prima sessione di prove libere FP1 sul circuito di Aragon, dove il Gp Aragona 2019 è cominciato con una sessione all’insegna del velocissimo campione del Mondo in sella alla sua Honda, con la quale ha rifilato distacchi incredibili a tutto il resto del gruppo. Il tempo di Marquez in occasione della sua migliore prestazione è stato di 1’46”869 e il vantaggio su Maverick Vinales, che ha ottenuto il secondo posto, è addirittura di 1”617, mentre si sale fino a 2”001 per trovare al terzo posto Fabio Quartararo, che completa la prima fila virtuale del venerdì mattino portando così due Yamaha nelle prime tre posizioni, un segnale di cui la Casa giapponese sicuramente ha bisogno su una pista di solito non molto favorevole. La Yamaha dunque c’è, tuttavia inseguire Marquez sembra un’impresa ai limiti dell’impossibile per chiunque. La Ducati ha Andrea Dovizioso al quarto posto a 19 millesimi da Quartararo, certo non possono fare piacere i due secondi da Marquez ma per il podio ogni discorso è aperto. Quinto Jack Miller con la Ducati Pramac e lo stesso tempo al millesimo della Suzuki di Joan Mir, segue Danilo Petrucci settimo e poi abbiamo anche Pol Espargaro, il nostro Franco Morbidelli nono e Takaaki Nakagami per completare le prime dieci posizioni. Dobbiamo invece scendere al sedicesimo posto per trovare Andrea Iannone, appena davanti a un pessimo Valentino Rossi: tre secondi da Marquez ci possono anche stare in questo contesto, il problema è che il Dottore ne becca quasi uno e mezzo da Vinales…

Complice lo spauracchio della pioggia in qualifica, nella seconda sessione di prove libere della Motogp per il Gp di Aragon 2019, in molti si sono concentrati nella ricerca del giro veloce, per poter quindi strappare con largo anticipo il pass per le prossime Q2. Tutti tranne Marc Marquez: lo spagnolo, che pure aveva segnato un giro record nella prima sessione di prove libere del mattino di venerdì, nella Fp2 si è concentrato sul passo gara in sella alla sua Honda, dimostrando comunque di poter tranquillamente fare sua pole e gara in questo fine settimana per il Gp di Aragon 2019. La bandiera a scacchi al termine della Fp2 ha poi incoronato come il più veloce Maverick Vinales, seguito a breve distanza dal compagno di squadra Valentino Rossi e da Quartararo a podio.

DIRETTA MOTOGP: LA STORIA DEL CIRCUITO

In attesa di vivere questa grande giornata di diretta MotoGp, facciamo un breve riassunto della (non molto lunga) storia del circuito di Aragon. Esso è sorto in una zona non molto popolata ed in effetti questo si nota perché non c’è la tipica atmosfera ‘caliente’ che caratterizza gli altri Gran Premi spagnoli. Sicuramente sotto tutti i punti di vista non ci sono paragoni possibili per Aragon con Jerez, Montmelò e Valencia, anche se sul progetto ambizioso che sta dietro a questa gara bisogna spendere qualche parola. Si tratta di una vera e proprio ‘città’ dedicata ai motori (Ciudad del Motor de Aragon), sia dal punto di vista sportivo sia da quello tecnologico in cui far convivere il divertimento con un polo di ricerca, città impreziosita appunto da questo circuito disegnato dall’architetto tedesco Hermann Tilke e che è entrato nel calendario del Motomondiale a partire dal 2010, inizialmente per sostituire il previsto Gran Premio d’Ungheria (poi saltato definitivamente e mai più tornato in calendario) ma poi come presenza fissa e ormai dunque con una discreta tradizione che ci permette di curiosare con interesse nell’albo d’oro.

L’ALBO D’ORO DEL GP ARAGON

Nella classe regina nelle prime due edizioni vinse l’australiano Casey Stoner, nel 2010 in sella alla Ducati e nel 2011 con la Honda nell’anno del suo secondo titolo iridato. In seguito ecco una vittoria a testa per i tre assi del motociclismo spagnolo degli ultimi anni: nel 2012 Dani Pedrosa, nel 2013 Marc Marquez e nel 2014 Jorge Lorenzo, che poi ha superato i connazionali concedendo il bis nel 2015, agganciando così Casey Stoner come pilota pluri-vittorioso nel breve albo d’oro di Aragon prima che si scatenasse però Marc Marquez, che ha colto tre vittorie consecutive nel 2016, nel 2017 ed infine anche nel passato Campionato, diventando dunque nettamente il più vincente in MotoGp ad Aragon – inoltre Marc può aggiungere al suo ruolino di marcia anche il successo del 2011 in Moto2. Aragon invece non ha mai portato molta fortuna ai piloti italiani: abbiamo solamente tre successi, la vittoria di Andrea Iannone nel 2010 in Moto2, quella del 2014 di Romano Fenati in Moto3 ed infine il successo ottenuto nel 2017 da Franco Morbidelli di nuovo in Moto2. Un bilancio decisamente deludente in nove edizioni e dunque 27 gare fra le tre classi, in particolare senza mai un successo in MotoGp. Potrebbe provare a sfatare il tabù soprattutto Andrea Dovizioso, che l’anno scorso è arrivato secondo ottenendo in questo modo il suo miglior risultato ad Aragon migliorando il terzo posto del 2012 in sella ad una Yamaha. Discorso simile per Valentino Rossi, che ad Aragon è già salito per tre volte sul podio, ma senza andare mai oltre il terzo gradino raggiunto nel 2013, 2015 e 2016 in sella alla Yamaha. Dati questi numeri storici, adesso è giunto il tempo di tornare all’attualità e di far parlare l’unico giudice, cioè la pista (naturalmente con il cronometro), quindi mettiamoci comodi: la diretta MotoGp delle qualifiche e delle prove libere FP3 e FP4 del Gran Premio di Aragona 2019 sul circuito di Aragon sta per cominciare…

© RIPRODUZIONE RISERVATA