DIRETTA/ Ravenna Civitanova (risultato finale 2-3) video streaming: la spunta la Lube

- Claudio Franceschini

Diretta Ravenna Civitanova streaming video Rai: orario e risultato live della partita che si gioca al Pala De André, valida per la settima giornata del campionato di volley SuperLega.

Civitanova
Diretta Civitanova Al Rayyan (da Facebook Lube)

DIRETTA RAVENNA CIVITANOVA (RISULTATO FINALE 2-3): LA SPUNTA LA LUBE!

Alla fine a Ravenna non è riuscito il grande ribaltone, il tie-break va a Macerata con il punteggio di 11-15, con la Lube che conquista dunque la vittoria con un emozionante 2-3 finale. Il tie-break va avanti punto a punto, con un ace di Leon che porta il punteggio complessivo sull’8-8. Break della Lube grazie a un break di Simon con un muro vincente, poi un ace del solito, implacabile Kovar porta il punteggio sul 9-12, con Civitanova che passa a +3. Un ace di Simon porta il punteggio sul 10-14 e Macerata a disposizione quattro match point, mettendo a segno il secondo con Civitanova che ottiene 8 vittorie su 8 in campionato. (agg. di Fabio Belli)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Ravenna Civitanova sarà garantita da Rai Sport e Rai Sport + che, rispettivamente, trovate ai numeri 57 e 58 del vostro telecomando; ovviamente sarà disponibile, senza costi aggiuntivi, anche il servizio di diretta streaming video sul sito www.raiplay.it, visitabile gratuitamente con l’utilizzo di dispositivi mobili quali PC, tablet e smartphone. Ricordiamo poi il portale www.legavolley.it sul quale trovare le informazioni utili su questa sfida e sul campionato di volley SuperLega. CLICCA QUI PER LO STREAMING VIDEO SU RAIPLAY

SI VA AL TIE-BREAK!

Si va al tie-break tra Ravenna e Civitanova. I romagnoli completano la loro straordinaria reazione chiudendo sul 25-22 il quarto set e prolungando dunque la partita. La Lube si fa sorprendere in un quarto set equilibrato in cui la svolta tarda ad arrivare, finché Bienek non sbaglia portando il punteggio sul 19-16 in favore dei padroni di casa. Tre punti che di fatto i marchigiani non riescono più a recuperare, con Ravenna che sul 24-22 ha a disposizione due set point sfruttando immediatamente il primo, con il quinto set che sancirà dunque la formazione vincitrice del match. (agg. di Fabio Belli)

REAZIONE ROMAGNOLA

Torna alla carica Ravenna che accorcia le distanze e conquista il terzo set contro la Lube Civitanova, con il punteggio di 25-18 portandosi dunque sull’1-2. I marchigiani sembrano aver tirato un po’ il fiato dopo i primi due set vinti e giocati a ritmi molto alti, anche se la terza frazione è rimasta equilibrata fino al 14-14. Poi i padroni di casa hanno cambiato ritmo, con una ace di Veron che ha portato Ravenna a +6. Dall’altra parte Kovar è stato ancora una volta l’ultimo ad arrendersi, sul 23-18 però Civitanova si arrende e subisce le ultime due giocate romagnole che permettono a Ravenna di chiudere il terzo set a +7. (agg. di Fabio Belli)

LUBE A UN PASSO

Secondo set molto combattuto, ma è sempre la Lube Civitanova a spuntarla con un 24-26 che porta i marchigiani sullo 0-2, a un passo dalla conquista della partita. E’ stato lo strappo iniziale a regalare a Civitanova un vantaggio che Ravenna è andata solo vicino a ribaltare, portandosi sul 2-8 grazie a due ace consecutivi di Leal. Ravenna però ottiene un parziale di 8-4 che porta il punteggio sul 10-12, la Lube si mantiene avanti e trova un break decisivo con Bieniek, anche se i romagnoli non mollano. Alla fine però basta un piccolo prolungamento del set a Civitanova per riuscire a chiudere il set sul 24-26. (agg. di Fabio Belli)

KOVAR TRASCINA LA LUBE

Ottima prova per la Lube Civitanova nel match in casa contro Ravenna. La formazione marchigiana si aggiudica il primo set con il punteggio di 22-25, un pipe di Leal segna il primo strappo in favore degli ospiti che si portano sull’8-11, quindi è Kovar a prendere per mano Civitanova che si porta sul 10-13 e poi sul 15-19, con le giocate del suo campione che non riescono ad essere contenute dalla difesa romagnola. Ravenna tenta di imbastire un’ultima reazione ma i marchigiani mantengono le distanze sul 17-21, per poi chiudere il primo set sul 22-25. (agg. di Fabio Belli)

SI COMINCIA!

Solo pochi istanti ci separano dalla diretta di Ravenna Civitanova: come abbiamo accennato in precedenza la Lube ha fatto enormi passi da quando è stata fondata. Allora la sede era a Treia, provincia di quella Macerata che poi ha accompagnato ufficialmente il nome della squadra prima del passaggio a Civitanova; dal primo anno in Serie A1 (come detto nel 1995) sono passati “solo” dieci anni prima di arrivare a vincere il primo di cinque scudetti, ma in precedenza la Lube aveva messo in bacheca per due volte la Coppa Italia ed era già esplosa in campo internazionale, vincendo la Coppa Cev in due occasioni e poi riuscendo a trionfare in Champions League. Era il 2002: la finale era stata vinta contro l’Olympiacos a Opole (in Polonia), Marco Bracci (appena arrivato, sarebbe rimasto fino al termine della carriera tre anni più tardi) era stato votato MVP del torneo mentre Wout Wijsmans era risultato il miglior attraccante, Marco Meoni il miglior palleggiatore e Mirko Corsano il miglior ricevitore. Ora è davvero arrivato il momento di metterci comodi e stare a vedere quello che succederà sul taraflex del Pala De André, dove Ravenna Civitanova comincia! (agg. di Claudio Franceschini)

LE STATISTICHE

Mentre ci avviciniamo alla diretta di Ravenna Civitanova, diamo uno sguardo alle principali statistiche messe insieme dai giocatori delle due squadre: i marchigiani stanno dominando la SuperLega e lo fanno come un vero gruppo, nel quale ci sono poche individualità che si elevano. Il migliore per punti è Yoandy Leal che ne ha messi a terra 93, giocando peraltro una partita in più degli altri: ci sono ben sette giocatori che hanno fatto meglio, e alle sue spalle ne arrivano altri che hanno un maggiore quoziente di punti per ogni set. Per la Consar invece il numero 1 resta Sharone Vernon-Evans (74 punti), mentre se guardiamo al servizio troviamo lo stesso Leal al quarto posto del campionato con 12 battute vincenti, laddove Thijs Ter Horst è il migliore per Ravenna con 11 ace. La ricezione premia per la Lube il libero Fabio Balaso, che ne ha avute 37 perfette su un totale di 23 set disputati; Ravenna risponde con il pariruolo Jani Kovacic, già autore di 41 ricezioni perfette in un totale di 20 set e dunque con una media decisamente superiore. Volendo valutare il muro, troviamo Robertlandy Simon con 12 vincenti per i marchigiani, nella Consar stesso numero per Lorenzo Cortesia. (agg. di Claudio Franceschini)

I TESTA A TESTA

Il bilancio dei precedenti di Ravenna Civitanova ci parla di 28 partite: la Lube comanda in maniera netta, sono 21 le vittorie da parte della squadra marchigiana. Possiamo subito andare a vedere quale sia stata l’ultima vittoria centrata dai romagnoli, e bisogna tornare alla decima giornata di ritorno nella stagione 2013-2014: allora sul taraflex del Pala De André la CMC si era presa un successo al tie break maturato dopo aver perso il primo set ma anche un vantaggio per 2-1. Da allora Civitanova, anche nel periodo Treia, ha dominato: 11 vittorie consecutive contando anche le partite che si sono giocate in Coppa Italia (nel 2017 quarti di finale e secco 3-0). L’unica sfida ai playoff risale invece al 1996: affermazione della Edilcuoghi Ravenna per 3-1, erano sedicesimi di finale in gara secca. Una data se vogliamo storica perchè i marchigiani erano alla prima stagione di sempre in Serie A1, dopo un ripescaggio e a soli 5 anni dalla fondazione della società. Da allora i passi fatti sono stati enormi… (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE

Ravenna Civitanova, partita diretta dagli arbitri Daniele Rapisarda e Giorgio Gnani, vale per la settima giornata del campionato di volley SuperLega 2019-2020: squadre in campo mercoledì 21 novembre, con inizio alle ore 20:30. Ottimo momento per la Lube, che arriva dal netto successo contro Modena: una vittoria che ha per il momento chiarito quale sia la squadra da battere anche per questa stagione, del resto i marchigiani difendono lo scudetto dello scorso anno e sono anche la formazione che ha vinto la Champions League. Civitanova dunque è prima in classifica, al netto di aver giocato una partita in più (ha già anticipato contro Perugia dovendo disputare il Mondiale per Club); la Consar nell’ultima giornata ha ottenuto una vittoria di prestigio a Latina ma nel turno precedente era stata sorpresa da Monza, si tratta di una squadra ancora particolarmente ondivaga che però si sta facendo valere, e occupa una posizione che oggi sarebbe utile per giocare i playoff. Vedremo allora come andranno le cose nella diretta di Ravenna Civitanova, della quale possiamo intanto andare ad esporre i temi principali.

DIRETTA RAVENNA CIVITANOVA: RISULTATI E CONTESTO

In questo momento, e anche in termini generali, Ravenna Civitanova rappresenta una sfida impari: la Lube sta dominando il campionato e, insieme a Trento, è ancora imbattuta avendo vinto sette partite su sette. Non solo, i marchigiani non hanno lasciato alcun punto visto che hanno ottenuto cinque successi per 3-0 e due per 3-1, perdendo appena due set e conquistando ogni singola affermazione con il massimo dei punti disponibili. Naturalmente il primo posto in regular season è un obiettivo secondario: una squadra come questa sa bene che a prescindere dalla posizione di classifica deve essere in grado di andare a vincere su ogni campo anche quando si giocano i playoff, ma è bene che metta le cose in chiaro rispetto alla concorrenza come già fatto contro Modena, anche perchè gli impegni stagionali non sono pochi e sicuramente il bis in Champions League rappresenta un traguardo cui la società tiene molto. Ravenna è una squadra che può puntare ai playoff, sfruttando l’equilibrio che sembra regnare alle spalle delle big; presumibilmente i romagnoli hanno poco a che fare con la lotta per lo scudetto ma possono ritagliarsi comunque un posto al sole, e continuare nel percorso di crescita che potrebbe portarla un giorno a competere davvero per la finale nella quale ci si gioca il tricolore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA