Diretta/ Spagna Serbia (risultato finale 81-69): partita senza storia

- Mauro Mantegazza

Diretta Spagna Serbia (risultato finale 81-69): le furie rosse dimostrano di essere troppo superiori ai loro avversari nonostante un inizio un po’ complicato.

Bogdanovic Belinelli Serbia
Diretta Serbia Spagna, Mondiali 2019 basket (Foto Lapresse)

DIRETTA SPAGNA SERBIA (RISULTATO FINALE 81-69): PARTITA SENZA STORIA

La diretta di Spagna Serbia termina qui col risultato finale di 81-69. La cronaca ci parla di una partita senza storia con le furie rosse troppo più forti per tenere in gara i loro avversari. E dire che la Serbia era passata in vantaggio nel primo quarto col parziale di 13-20. La gara era stata poi ribaltata già nella seconda frazione di gioco grazie al parziale incredibile di 32-17. Dopo l’intervallo due tempi di gioco con il risultato di 22-19 e 14-13 avevano dimostrato come quell’inizio di gara storto fosse stato solo frutto di episodi. La Spagna conclude il Gruppo J di questi Mondiali di basket 2019 al primo posto dopo cinque vittorie. La Serbia beffa comunque gli azzurri arrivando seconda con quattro successi e un ko, maturando un punto in più dei nostri azzurri. (agg. di Matteo Fantozzi)

GARA CHIUSA?

Termina qui il terzo quarto della diretta di Spagna Serbia col risultato che è ancora in bilico, 67-56. Nel terzo quarto le furie rosse hanno aumentato il loro divario nei confronti dei loro avversari con il parziale di 22-19. C’è però ancora da giocare un quarto nel quale la Serbia farà il possibile per prolungare la gara al quinto quarto. Al momento però 11 punti sembrano essere davvero troppi anche per la squadra di Djordjevic che oggi è sembrata in seria difficoltà dal punto di vista fisico. Dominante è stata fino a questo momento la prestazione di Rubio che è stato decisivo in diverse occasioni, senza mai soffrire la rapidità e la tecnica dei suoi avversari. (agg. di Matteo Fantozzi)

INTERVALLO

Siamo arrivati all’intervallo della diretta di Spagna Serbia con il risultato che è di 45-37. Le furie rosse hanno sofferto la squadra avversaria nel primo quarto, andando sotto di sette punti col parziale di 13-20. La reazione però è arrivata subito nella seconda frazione di gioco, quando scesi in campo sul parquet la squadra di Scariolo ha dimostrato fisicità, tecnica e grande rapidità ribaltando il risultato grazie all’incredibile parziale di 32-17. Diamo uno sguardo alle formazioni iniziali: SPAGNA – 4 Fernandez, 13 Gasol, 41 Hernangomez, 18 Oriola, 9 Rubio. A disposizione: 33 Beiran, 10 Claver, 1 Colom, 14 Hernagomez, 23 Llull, 22 Rabaseda, 8 Ribas. All. Scariolo. SERBIA – 14 Bircevic, 7 Bogdanovic, 24 Jovic, 11 Lulic, 21 Milutinovic. A disposizione: 8 Bjelica, 23 Guduric, 15 Jokic, 51 Marjanovic, 22 Mcic, 13 Raduljica, 5 Simonovic. All.Djordjevic. (agg. di Matteo Fantozzi)

PALLA A DUE!

La palla a due di Spagna Serbia sarà fra pochi minuti, intanto noi spendiamo ancora qualche parola su queste due formazioni che sono senza dubbio fra le più attese ai Mondiali di basket 2019 che non a caso vedranno qualificate ai quarti di finale sia la Spagna sia la Serbia, entrambe già certe di rientrare fra le prime otto Nazionali del mondo della pallacanestro. La Spagna a livello iridato vanta il successo del 2006: si era in Giappone e gli spagnoli in finale ebbero la meglio sulla Grecia per laurearsi campioni del Mondo. Curiosa l’alternanza con le Olimpiadi: un solo podio ai Mondiali ma coronato con l’oro, ai Giochi invece ecco tre argenti e un bronzo, manca però ancora l’oro alla Spagna. Per la Serbia la situazione è più complicata, a causa dei tanti cambiamenti politici: possiamo dire che dopo la dissoluzione della Jugoslavia ci sono stati due ori mondiali nel 1998 e nel 2002 (quando la Serbia comprendeva ancora il Montenegro) e l’argento della scorsa edizione del 2014. Adesso però si impone alla nostra attenzione la stretta attualità: Spagna Serbia infatti comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA PARTITA

Per tutti gli appassionati di basket, ricordiamo che la diretta tv di Spagna Serbia sarà garantita da Sky, che detiene i diritti per trasmettere il Mondiale di basket 2019. Per la precisione, l’appuntamento questo pomeriggio sarà sul canale Sky Sport Arena (numero 204 della piattaforma), oppure tramite la diretta streaming video garantita dal servizio Sky Go.

IL CAMMINO DEGLI SLAVI

Sempre più vicina la diretta di Spagna Serbia, se volessimo adesso parlare del percorso della squadra slava dovremmo parlare di una vera e propria marcia trionfale, ben testimoniata da una differenza punti addirittura pari a +163, grazie a 413 punti segnati a fronte degli appena 250 subiti. Marcia trionfale cominciata in grande scioltezza con le due vittorie contro Angola e Filippine: successi certamente ampiamente prevedibili, ma i punteggi finali di 105-59 e addirittura di 126-67 ben descrivono il totale dominio di una Nazionale a dir poco fantastica. L’Italia naturalmente ha fatto soffrire un po’ di più la Serbia, che comunque alla lunga ha imposto anche agli azzurri la propria superiorità con il punteggio di 92-77. Nella seconda fase il debutto è stato ancora una volta travolgente, grazie alla vittoria per 90-47 con cui la Serbia ha seppellito Porto Rico: con la Spagna la musica sarà diversa, ma i serbi sono davvero una corazzata che fa paura. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL PERCORSO DEGLI IBERICI

Mentre aspettiamo la sempre stuzzicante diretta di Spagna Serbia, ci sembra doveroso riepilogare il cammino avuto finora dalle due squadre, entrambe ancora a punteggio pieno nei Mondiali di basket 2019. La Spagna di Sergio Scariolo dunque ha ottenuto quattro vittorie su altrettante partite disputate fra la prima e la seconda fase, che d’altronde vanno a formare una sola classifica complessiva. La Spagna ha debuttato con una larghissima vittoria per 101-62 ai danni della Tunisia, poi si è imposta per 73-63 ai danni di Porto Rico ed infine ha sofferto forse più del previsto per domare l’Iran 73-65 a conclusione della prima fase. In seguito ecco la vittoria per 67-60 contro l’Italia che ha eliminato gli azzurri consegnando invece i quarti agli iberici, i cui numeri complessivi ci parlano adesso di 314 punti segnati a fronte dei 250 subiti, per una differenza punti di +64. Non saranno dunque nella loro migliore versione, ma i ragazzi della Spagna restano temibili per chiunque. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE

Spagna Serbia, in diretta dal Wuhan Gymnasium naturalmente di Wuhan (Cina), si gioca alle ore 14.30 italiane di oggi pomeriggio, domenica 8 settembre 2019, per completare il girone J della seconda fase dei Mondiali di basket 2019. Spagna Serbia è una partita sempre di enorme fascino, anche se l’obiettivo principale è già stato raggiunto da entrambe le contendenti: infatti iberici e slavi sono affiancati sul 4-0 in classifica (sommando anche i risultati delle prime fase) e sono certi della qualificazione ai quarti, resta dunque solo da determinare chi lo farà come prima e chi come seconda di questo girone J, per formare il tabellone dell’eliminazione diretta. La Serbia per centrare la qualificazione ha travolto Porto Rico con facilità venerdì, la Spagna invece è uscita vittoriosa dalla dura battaglia con l’Italia.

DIRETTA SPAGNA SERBIA: IL CONTESTO

Verso la diretta di Spagna Serbia, sarà una partita decisamente affascinante, anche se il fatto che entrambe siano già qualificate ai quarti renderà la sfida meno accesa. I riflettori sono puntati probabilmente soprattutto sulla Serbia, che fino ad oggi è stata la Nazionale migliore di tutti i Mondiali: quattro vittorie su quattro ma soprattutto arrivate tutte in modo netto e convincente. La strada è ancora lunga perché c’è da vivere tutta la fase ad eliminazione diretta, tuttavia gli uomini di coach Sasha Djordjevic sono al centro dell’attenzione di tutto il mondo che segue il basket. La Spagna finora ha convinto meno sul piano del gioco, ma è pur sempre imbattuta con quattro vittorie su quattro: proprio la partita di oggi potrà dirci fino a che punto possa essere competitiva ai massimi livelli la squadra di Sergio Scariolo, che comunque è di certo avversaria scomoda per chiunque. Basterà per fermare la cavalcata trionfale della Serbia?

© RIPRODUZIONE RISERVATA