Diretta test MotoGp Valencia/ Classifica tempi: Vinales 1°, tris Yamaha al comando!

- Michela Colombo

Diretta test MotoGp Valencia: classifica dei tempi nella seconda giornata di prove. Primo posto per Vinales e tris Yamaha nelle prime posizioni.

Quartararo MotoGp
Fabio Quartararo (LaPresse)

Dominio Yamaha nella seconda giornata dei test MotoGp da Valencia, la classifica dei tempi parla chiaro in tal senso con il primo posto di Maverick Vinales davanti a Fabio Quartararo e Franco Morbidelli. Il pilota spagnolo del team ufficiale Yamaha ha fatto fermare i cronometri in 1’29”849 nella sua migliore prestazione, con la quale Vinales ha preceduto i due centauri del team satellite Yamaha Petronaas, Quartararo staccato di 164 millesimi e Morbidelli a 265/1000. Tanti sorrisi dunque per la Casa giapponese, anche se spiace osservare invece che Valentino Rossi fa eccezione, essendo appena nono a ben 932 millesimi dal compagno di squadra, un’enormità su un tracciato breve come quello di Valencia. Qualche stranezza non manca, come d’altronde può succedere nel corso dei test MotoGp: Cal Crutchlow ad esempio si toglie la soddisfazione di essere il migliore pilota Honda, quarto a 467 millesimi mentre Marc Marquez non è andato oltre il settimo posto, staccato di 707 millesimi da Vinales. Bene le due Suzuki, con Joan Mir quinto e Alex Rins sesto, da apprezzare anche l’ottavo posto della Ktm di Pol Espargaro, mentre la Ducati è stata decisamente anonima, non andando oltre il decimo posto di Jack Miller a un secondo da Vinales. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

QUARTARARO PASSA AL COMANDO

Abbiamo ormai passato metà giornata nella diretta dei test MotoGp da Valencia, la classifica dei tempi in questo momento premia Fabio Quartararo, che dunque in un certo senso ha dato il cambio al suo compagno di squadra Franco Morbidelli. Ecco dunque al comando il grande talento francese della Yamaha Petronaas, che ha fatto stabilire il miglior tempo in 1’30”591, con 73 millesimi di vantaggio su Marc Marquez, con il quale dunque si accende uno stuzzicante duello anche in una “banale” giornata di test MotoGp a Valencia, ancora molto lontani logicamente dall’inizio del prossimo Mondiale. I distacchi comunque sono molto limitati e naturalmente si deve sempre fare la tara sui diversi programmi di lavoro che non rendono facile analizzare i tempi di tutti i centauri. Di certo si merita una citazione Pol Espargaro, terzo a 94 millesimi da Quartararo, mentre ad esattamente un decimo dal francese c’è Alex Rins in quarta posizione davanti a Morbidelli, ora quinto a 212/1000. Scende in settima posizione Maverick Vinales, alle spalle di Joan Mir e davanti a Cal Crutchlow, mentre la Ducati non brilla in questa classifica dei tempi, dal momento che troviamo Andrea Dovizioso nono e Jack Miller decimo, entrambi ad oltre sei decimi da Quartararo. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV, COME SEGUIRE I TEST MOTOGP A VALENCIA

Eccellenti notizie per tutti gli appassionati: sarà possibile assistere alla diretta tv dei test Motogp di Valencia sul canale tematico Sky Sport MotoGp, il numero 208 della piattaforma satellitare, dalle ore 12.00 alle 13.00 e poi di nuovo dalle 14.00 alle 17.00. Questo significa che ci sarà anche una diretta streaming video per i test MotoGp di Valencia, garantita agli abbonati tramite il servizio offerto da Sky Go, inoltre per tutti gli appassionati (anche non abbonati) sono naturalmente da ricordare gli aggiornamenti e la classifica dei tempi che saranno disponibili visitando il sito www.motogp.com, che ha il suo corrispettivo su Twitter all’indirizzo @MotoGP.

FRANCO MORBIDELLI AL PRIMO POSTO

Cominciata da circa due ore la diretta dei test MotoGp da Valencia, possiamo annotare con piacere che Franco Morbidelli è al comando della classifica dei tempi, prendendosi la soddisfazione non banale di precedere Marc Marquez e Maverick Vinales. Il miglior tempo del centauro italiano della Yamaha Petronas è stato di 1’30”803, con il quale Morbidelli precede Marquez di 147 millesimi e Vinales di 233. Stanno facendo bene anche le Suzukli, dal momento che troviamo Joan Mir al quarto posto e Alex Rins sesto, in mezzo a loro c’è in quinta posizione Andrea Dovizioso, che è il migliore nella classifica dei tempi fra i piloti Ducati e naturalmente il secondo degli italiani, con un ritardo di 410 millesimi dal primo posto di Franco Morbidelli. Settimo Jack Miller con la Ducati Pramac, mentre al momento è “solo” ottavo Fabio Quartararo, con un ritardo di 711 millesimi dal compagno di squadra precedendo Iker Lecuona e Cal Crutchlow, che quando abbiamo appena superato mezzogiorno completano la top 10 dei tempi di questa seconda giornata dei test MotoGp a Valencia. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

SI COMINCIA

Comincia la diretta della seconda giornata dei test Motogp a Valencia e certo il pilota da tenere d’occhio oggi in pista al Ricardo Tormo è senza dubbio Fabio Quartararo. Il pilota della Yamaha di fabbrica ieri ha infatti messo a tabella prestazioni importanti e pure il miglior crono di tutta la giornate, ma pure è stato protagonista sulla ghiaia del tracciato, con una bruttissima scivolata da cui è comunque uscito illeso.Nonostante l’incidente però nei box del francese c’è soddisfazione e ottimismo per questi primi test della Motogp a Valencia. Lo stesso Quartararo ieri ha dichiarato ai microfoni di Sky sport: “È stata una giornata positiva. C’è stata la caduta, ma alla fine ho fatto quattro giri in più del previsto con gomma usata e con un buon passo, aspetto molto importante”. Il francese ha poi aggiunto: “Abbiamo testato un po’ di roba, dall’aerodinamica al telaio. Non abbiamo provato chissà quanto, ma siamo riusciti a comparare per due volte le stesse cose, e questo è positivo“. L’attesa però in questa seconda giornata di test della Motogp è per il nuovo motore della M1, che il francese spera di provare oggi. Vedremo quindi che accadrà in pista, si parte! (agg Michela Colombo)

PRESENTAZIONE 2^ GIORNATA TEST MOTOGP

Si accende oggi, mercoledi 20 novembre 2019, la seconda e ultima giornata di test per la Motogp a Valencia: si gira dunque ancora al Ricardo Tormo in vista della prossima stagione del motomondiale e per la precisione dalle ore 10,00 fino alle ore 17,00, ma ricordiamo che la massima classe regina non ci abbandonerà ancora a lungo per le vacanze, ma sarà di nuovo protagonista a Jerez settimana prossima. Pur avendo a breve una nuova occasione per testare le moto del 2020, ecco che nessuno oggi si tirerà indietro e non appena scattato il semaforo verde (che si accenderà alle ore 10.00) si scenderà subito in pista per lavorare alla stagione della Motogp che verrà. Dopo tutto la carne al fuoco è tanta: tutti i team, oltre a presentare volti nuovi (come Alex Marquez in Honda assieme al fratello), stanno mettendo alla prova non poche novità tecniche davvero importanti, che hanno però dato riscontri variamente positivi. Chissà che cosa ci riserverà questa seconda giornata di test per la Motogp a Valencia.

DIRETTA TEST MOTOGP VALENCIA: LA PRIMA GIORNATA DI PROVE

Nella prima giornata di test per la Motogp a Valencia a brillare sono state le Yamaha: Vinales, Quartararo e Morbidelli sono stati i più veloci sulla pista spagnola e se Rossi ha spinto poco sull’acceleratore, va pure detto che il Dottore ha girato tantissimo, rimanendo comunque molto soddisfatto dei segnali che la nuova M1 ha inviato in questa prima giornata di test per la Motogp a Valencia. E’ emerso ottimismo verso le nuove tecnologie sperimentate ieri pure in casa della Ducati: la Rossa non ha sempre brillato nella classifica dei tempi, ma le prime testimonianze raccolte nel paddock vedono lo stesso Andrea Dovizioso ben soddisfatto, anche dell’appena quarto tempo ottenuto in classifica, pur senza forzare in alcun modo la moto del 2020. Chi invece non è apparso affatto contento di quanto0 fatto nella prima giornata di test della Motogp a Valencia è stata la Honda. Complici le cadute di Bradl al mattino e dei due fratelli Marquez (tutte illesi ma diversi guasti alle moto), la casa campione del mondo della Motogp ieri ha fatto vedere davvero pochissimo: oggi non ci sarà quindi tempo da perdere per recuperare sulla tabella di marcia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA